Perché il tempio indiano di Ram ad Ayodhya è controverso?

0
24

Lunedì il primo ministro Modi del partito al governo BJP consacrerà Ram Mandir, più di tre anni dopo la posa della prima pietra.

Il mercato azionario indiano è chiuso per oggi. Gli uffici del governo centrale sono aperti solo per mezza giornata. In tutto il Paese sono state organizzate feste di vigilanza di quartiere. E decine di milioni di indiani sono sintonizzati su un unico evento: la consacrazione di un tempio al dio indù Ram nella città di Ayodhya.

Lunedì, appena passato mezzogiorno, ora locale, il primo ministro indiano Narendra Modi si unirà ai sacerdoti per inaugurare il tempio, il cui lancio per molti versi serve anche come inizio della sua campagna per essere rieletto per un terzo mandato alle elezioni nazionali previste. che si terrà tra marzo e maggio.

L’ente responsabile del tempio, la cui costruzione è ancora in corso, ha invitato circa 7.000 persone: politici, importanti industriali, star dello sport e altri personaggi pubblici.

Ma mentre il governo del Bharatiya Janata Party (BJP) di Modi ha presentato l’evento come una celebrazione nazionale, la storia del tempio affonda le sue radici in quello che molti hanno definito uno dei capitoli più oscuri dell’India moderna, uno dei capitoli che ha plasmato la politica del paese e che ha aperto una profonda colpa religiosa. linee nella sua società.

Ecco uno sguardo alla storia tormentata del luogo in cui viene costruito il tempio e alle controversie che lo circondano.

Qual è la controversia dietro il tempio di Ram?

Il tempio è stato costruito su un pezzo di terra conteso nella città di Ayodhya, nel nord dell’India, in un luogo che molti indù credono fosse il luogo di nascita di Ram, un dio molto venerato che nella religione incarna la vittoria del bene sul male.

Ma fino alla mattina del 6 dicembre 1992, in quel luogo sorgeva la Babri Masjid, una moschea costruita nel 1528 e intitolata al re Moghul Babur. Una folla di nazionalisti indù ha abbattuto la moschea, scandendo slogan religiosi, dopo più di un decennio di una campagna rabbiosa e, a volte, violenta.

Dopo anni di chiusura al pubblico, nel novembre 2019 la Corte Suprema indiana ha stabilito che il sito deve essere consegnato a un fondo fiduciario appositamente istituito per supervisionare la costruzione di un tempio indù.

Un pezzo di terra separato nel villaggio di Dhannipur, alla periferia di Ayodhya, è stato assegnato ai musulmani per una moschea che potrebbe servire in sostituzione della Babri Masjid. La sua costruzione deve ancora iniziare.

“Attraverso la più alta corte ora, abbiamo stabilito il principio di creare un divario indissolubile tra indù e musulmani, secondo cui non possono vivere fianco a fianco”, ha detto lo scrittore e accademico Apoorvanand sulla “giustizia di cinque acri”, un termine coniato dagli indiani. rispetto alla dimensione del terreno riassegnato.

Mentre alcuni segmenti della popolazione indiana hanno accolto favorevolmente la sentenza, altri l’hanno criticata per la mancanza di una solida base giuridica e per il compromesso con l’etica costituzionale secolare e democratica dell’India.

La gente del posto ha anche sottolineato la storia di armoniosa convivenza tra le due comunità ad Ayodhya, anche nei luoghi di culto. La sentenza ha anche suscitato il timore che stesse incoraggiando gli indù di destra in tutto il paese a lanciare sforzi simili per radere al suolo altre moschee.

Anche se la controversia sul Tempio di Ram risale a decenni fa, Apoorvanand afferma che l’evento di lunedì è “anche l’annuncio finale, in un certo senso, della consegna da parte degli indù della loro religione alla volontà del Rashtriya Swayamsevak Sangh”. L’RSS è la nave madre nazionalista indù del BJP e delle sue organizzazioni partner di estrema destra.

L’inaugurazione del tempio sancisce il sito come luogo di culto indù e arriva dopo anni di dispute legali e persino violente rivolte per il territorio e la sua eredità.

Moschea Babri
La Moschea Babri nel 1990, due anni prima che fosse distrutta[File:RobertNickelsberg/Liaison)[File:RobertNickelsberg/Liaison)

Principali eventi nella divisione sul tempio di Ram

Il primo caso di conflitto registrato sul sito risale al 1853, quando una setta indù affermò che un tempio era stato demolito durante l’era di Babur per far posto alla moschea.

Le tensioni iniziarono soprattutto a prendere una svolta nel 1859, quando i governanti coloniali britannici divisero l’edificio in sezioni separate: l’interno per i musulmani e il cortile esterno per gli indù.

Nel 1949, appena due anni dopo che il subcontinente ottenne l’indipendenza, la moschea divenne proprietà contesa. I rapporti della polizia mostrano che idoli indù sono stati introdotti nella moschea e che i suoi cancelli sono stati chiusi. Successivamente non sono state offerte preghiere musulmane nella moschea. Nel 1950 furono intentate diverse cause civili contro entrambe le comunità che rivendicavano il sito.

Ma è stato fuori dai tribunali che alla fine si è deciso il destino del Babri Masjid.

Negli anni ’80, il BJP che oggi domina la politica indiana era in gran parte un partito marginale. Ma ha creato slancio politico attorno a una campagna nazionale per costruire un tempio al posto della moschea, guidata dall’allora capo del partito Lal Krishna Advani, che in seguito sarebbe stato vice primo ministro indiano (1998-2004).

Sotto la pressione del BJP e dei suoi alleati maggioritari indù e del sostegno che stavano galvanizzando, il governo dell’allora primo ministro Rajiv Gandhi, dell’Indian National Congress, lasciò che la decisione del tribunale di aprire le serrature del sito di Babri Masjid rimanesse incontrastata nel 1986. .

Ciò, tuttavia, non ha fatto altro che incoraggiare l’agitazione guidata dal BJP. Nel 1990, Advani guidò una lunga manifestazione durata più di un mese nel cuore dell’India, costruendo sostegno al tempio di Ram. Modi, allora giovane ed emergente membro del partito nello stato occidentale del Gujarat, ha contribuito a organizzare la manifestazione.

Poi, il 6 dicembre 1992, folle indù demolirono il Babri Masjid. Le successive rivolte in tutto il paese uccisero circa 2.000 persone.

Dopo anni di avanti e indietro in tribunale, la Corte Suprema ha emesso la sua sentenza storica nel 2019.

La corte ha riconosciuto che sia il modo furtivo con cui gli idoli furono portati nella moschea nel 1949 sia la demolizione nel 1949 erano crimini. Tuttavia, ordinando sostanzialmente che non vi siano conseguenze per tali reati, la corte ha creato uno scenario in cui i musulmani indiani sono “delusi di non vedere alcun rimorso” e ritengono che ci sia poco ricorso per le loro preoccupazioni, afferma Apoorvanand.

Dove si trova esattamente il sito contestato?

Il tempio Ram è in costruzione vicino alle rive del fiume Sarayu, che scorre oltre Ayodhya ed è menzionato nelle antiche scritture indù. Ayodhya si trova nello stato settentrionale e più popoloso dell’India, l’Uttar Pradesh.

Ufficialmente conosciuto come Shree Ram Janmabhoomi Mandir, è stato costruito nello stile architettonico Nagara, comune nell’India settentrionale e presenta alti campanili e una piattaforma di pietra con gradini che conducono al tempio.

Interactive_RamTemple_Ayodhya_Jan21_2024

Quando avrà luogo la consacrazione del tempio di Ram?

La consacrazione è prevista per lunedì 22 gennaio, subito dopo le 12:00 ora locale (06:30 GMT).

Molte ali del tempio sono ancora in costruzione e alcuni dei più importanti veggenti dell’induismo, i quattro Shankaracharya, si sono opposti all’apertura, affermando che consacrare un tempio incompleto va contro le scritture indù.

Tuttavia, il governo e l’ente responsabile del tempio hanno insistito sul fatto che la consacrazione non viola alcun principio di fede.

L’evento di lunedì includerà una grande processione di idoli da portare nell’edificio e una statua di quattro piedi di un bambino Ariete che verrà collocata nel santuario interno. I sacerdoti si uniranno a Modi per la cerimonia vera e propria, che dovrebbe durare mezz’ora.

Il governo Modi ha anche pianificato proiezioni in diretta dell’evento in tutto il Paese. Alcune ambasciate indiane hanno invitato alle proiezioni anche membri della diaspora indiana.

Mentre gli indù di tutta Ayodhya decorano le strade e partecipano a manifestazioni celebrative, tra i musulmani circolano messaggi che invitano a rimanere a casa come precauzione per la loro sicurezza.

La parte costruita del tempio sarà aperta ai devoti e al pubblico a partire dal 23 gennaio. E mentre le porte del tempio si aprono a loro, si apre anche un percorso verso una spinta economica per Ayodhya.

Si prevede che circa 100 jet privati ​​atterreranno ad Ayodhya prima dell’inaugurazione e i rivenditori affermano di aver finito le statue d’oro e placcate in oro di Ram.

Anche i prezzi degli immobili ad Ayodhya sono saliti alle stelle poiché la città è destinata a diventare un punto di pellegrinaggio e turismo.

In che modo Modi e le elezioni indiane del 2024 sono legate al tempio di Ram?

Costruire il tempio di Ram nel punto in cui un tempo sorgeva il Babri Masjid è stata una delle tre promesse fondamentali del BJP: la fine dello status semi-autonomo di Jammu e Kashmir, che è stato abolito nel 2019, e un codice civile uniforme per le leggi personali sono le principali garanzie. altri.

La consacrazione del tempio da parte di Modi mantiene questo impegno decennale e avviene poche settimane prima delle elezioni nazionali.

Il movimento del tempio Ram ha già pagato ricchi dividendi alle fortune politiche del BJP. Il partito vinse solo due seggi su 543 nella camera bassa del parlamento nel 1984. Poco più di un decennio dopo, nelle prime elezioni nazionali dopo la demolizione del Babri Masjid, divenne il partito più grande dell’India, conquistando 161 seggi. .

Il suo primo mandato in carica è durato solo 13 giorni: a causa della sua associazione con la demolizione della moschea, la maggior parte degli altri partiti non erano disposti a formare alleanze di cui il BJP aveva bisogno per raggiungere la maggioranza di 272 seggi in parlamento.

Ma quando il suo tipo di nazionalismo indù ha lentamente guadagnato accettabilità, è tornato al potere nel 1998 e ha governato con i suoi alleati fino al 2004. Dopo un decennio senza potere, è tornato al potere sotto Modi, il leader nazionalista indù più impenitente che il partito abbia mai avuto. avevo.

Lunedì Modi cercherà di consolidare ulteriormente questa eredità.