I colloqui per la tregua a Gaza si riprendono, mentre migliaia di persone protestano contro Netanyahu in Israele

0
64

I negoziati di domenica al Cairo arrivano dopo che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha chiesto un cessate il fuoco questa settimana, a quasi sei mesi dall’inizio della guerra.

Palestinesi ispezionano i danni a un edificio dopo il bombardamento israeliano notturno a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, il 29 marzo 2024, nel mezzo del conflitto in corso tra Israele e il gruppo militante Hamas.  (Foto di SAID KHATIB/AFP)
Palestinesi ispezionano i danni a un edificio dopo il bombardamento israeliano notturno a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza [File: Said Khatib/AFP]

I colloqui di tregua tra Israele e Hamas dovrebbero riprendere al Cairo domenica, riferito hanno i media egiziani, giorni dopo che il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha emesso la sua prima richiesta di cessare il fuoco nella guerra a Gaza.

La ripresa dei negoziati indiretti, riportata sabato dalla televisione egiziana Al Qahera News, arriva mentre altre proteste contro il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu scoppiano nella capitale israeliana.

Molti israeliani ritengono che Netanyahu sia il principale ostacolo alla firma di un accordo con Hamas e al ritorno alla casa dei prigionieri detenuti a Gaza, ha detto Hamdah Salhut di Al Jazeera.

“Queste persone chiedono un accordo per riportare indietro i prigionieri da più di 175 giorni. Dicono che le politiche del governo israeliano hanno semplicemente fallito”, ha detto Salhut, riferendo di una protesta a Tel Aviv dove si erano radunate migliaia di persone, comprese le famiglie dei prigionieri.

Le manifestazioni hanno avuto luogo anche vicino alla residenza di Netanyahu e in altre città di Israele.

Qatar, Egitto e Stati Uniti stanno cercando di raggiungere un accordo di scambio di prigionieri e una cessazione del fuoco a Gaza, poiché la prima pausa è durata solo una settimana alla fine di novembre dello scorso anno.

Un funzionario israeliano ha detto all’agenzia di stampa Reuters che Israele invierà una delegazione ai colloqui del Cairo domenica. Un funzionario di Hamas ha tuttavia detto a Reuters che il gruppo si aspetta prima di sentire i mediatori del Cairo sull’esito dei colloqui con Israele.

Salhut di Al Jazeera ha detto che una dichiarazione dell’ufficio di Netanyahu afferma di aver autorizzato la squadra negoziale israeliana a incontrare i mediatori sia al Cairo che a Doha, e di aver dato loro un mandato con cui negoziare.

“I mediatori come gli Stati Uniti affermano di rimanere ottimisti sulla possibilità di raggiungere un accordo. Ma ci sono ancora pesanti punti critici da entrambe le parti e enormi questioni non negoziabili”, ha detto il nostro corrispondente.

Hamas ha cercato di sfruttare qualsiasi accordo per porre fine alla guerra e per il completo ritiro delle forze israeliane da Gaza. Israele, tuttavia, lo ha escluso, affermando che anche se ci sarà una lunga pausa nei combattimenti, la guerra non finirà finché Hamas non sarà sconfitto.

“Sebbene ci siano punti critici, i mediatori dicono che è un segnale positivo che questi colloqui andranno avanti”, ha detto Salhut.

“Cessate il fuoco immediato e permanente”

Sabato, altrove, i ministri degli Esteri francese, egiziano e giordano hanno chiesto un “cessate il fuoco immediato e permanente” a Gaza e il rilascio di tutti i prigionieri dai gruppi armati palestinesi.

Intervenendo in una conferenza stampa congiunta al Cairo, il massimo diplomatico francese Stephane Sejourne ha detto che il suo governo presenterà un progetto di risoluzione al Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite per definire una soluzione “politica” della guerra.

Ha affermato che il testo includerà “tutti i criteri per una soluzione a due Stati” del conflitto israelo-palestinese, il progetto di pace a lungo sostenuto dalla comunità internazionale ma ostaggio dal governo Netanyahu.

I tre ministri hanno rinnovato il sostegno dei loro governi all’agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati palestinesi, UNRWA, che ha dovuto affrontare una crisi di finanziamenti da quando Israele ha affermato che alcuni dei suoi 13.000 dipendenti di Gaza erano implicati nell’attacco del 7 ottobre.

“Israele non sta solo affamando i palestinesi, ma vuole uccidere l’unica entità in grado di ostacolare una carestia”, ha detto il ministro degli Esteri giordano Ayman Safadi.

Il ministro degli Esteri egiziano Sameh Shoukry ha affermato che Gaza “non può più sopportare la distruzione e la sofferenza umanitaria” e ha invitato Israele ad aprire i suoi valichi terrestri con la Striscia per consentire gli aiuti umanitari.

Più di 32.000 palestinesi sono stati uccisi nella guerra israeliana a Gaza dal 7 ottobre. Ciò ha fatto seguito a un attacco di Hamas nel sud di Israele, in cui sono state uccise 1.139 persone e oltre 200 fatte prigioniere, alcune delle quali rimangono a Gaza.

Questa settimana, dopo quasi sei mesi di guerra, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha finalmente raggiunto un consenso e ha approvato una risoluzione che chiede di cessare il fuoco immediato.

Tuttavia, i combattimenti continuano, con Israele che continua a lanciare attacchi aerei e terrestri attraverso la Striscia e promette di lanciare un’invasione totale della città più meridionale di Rafah, dove si stanno rifugiando più di un milione di sfollati palestinesi.

I post I colloqui per la tregua a Gaza si riprendono, mentre migliaia di persone protestano contro Netanyahu in Israele sono apparsi per primi su su oggi.