Il PTI di Khan è in vantaggio nei risultati finali delle elezioni in Pakistan

0
18

L’esercito ha chiesto stabilità mentre diversi partiti denunciano manomissioni elettorali e annunciano proteste.

Protestano i sostenitori della JUI PTI
I sostenitori dell’ex primo ministro imprigionato Imran Khan e del partito Jamaat-e-Islami cantano slogan durante una protesta contro il ritardo dei risultati delle elezioni parlamentari da parte della Commissione elettorale del Pakistan, a Karachi, Pakistan, 10 febbraio 2024 [Fareed Khan/AP Photo]

Il partito Tehreek-e-Insaf (PTI) dell’ex primo ministro Imran Khan e i suoi affiliati hanno vinto il maggior numero di seggi alle elezioni pakistane, ha rivelato la commissione elettorale annunciando i risultati finali del voto molto contestato.

Un certo numero di candidati indipendenti alleati del PTI dell’ex leader incarcerato hanno vinto seggi all’Assemblea Nazionale nel voto dell’8 febbraio, ha detto la commissione, aiutando il partito a raggiungere un vantaggio a sorpresa con 97 dei 265 seggi. Tuttavia, poiché nessun partito ottiene la maggioranza e numerosi contendenti lamentano manomissioni del voto, il futuro politico del Pakistan è molto incerto.

Anche altri cinque indipendenti non sostenuti da Imran Khan si sono assicurati i seggi. Il PTI è stato seguito dalla Lega musulmana pakistana (PMLN), guidata dal fiero rivale di Khan, l’ex primo ministro Nawaz Sharif, con 76 seggi. I 54 seggi conquistati dal Partito popolare pakistano (PPP) gli offrono il potenziale per diventare un re.

Tuttavia, si sono insediati anche molti altri partiti minori, il che significa che seguiranno probabilmente complesse trattative per la formazione di un governo.

Il Movimento Muttahida Qaumi (MQM), un partito con sede a Karachi, ha fatto un sorprendente ritorno nei sondaggi ottenendo 17 seggi, mentre molti altri si sono aggiudicati un totale di 20 seggi.

La votazione, segnata da violenze mortali, si è svolta per selezionare 265 membri dell’Assemblea nazionale, il che significa che sono necessari 134 seggi affinché una coalizione ottenga la maggioranza semplice.

Diversi risultati sono stati sospesi dalla commissione elettorale a seguito degli ordini di sospensione emessi dai tribunali.

Protesta tra accuse di manomissione

Migliaia di manifestanti infuriati si sono riversati nelle strade di diverse città durante il ritardo nel conteggio dei voti negli ultimi giorni – attribuito a un’interruzione delle telecomunicazioni il giorno del voto per quelli che le autorità hanno definito motivi di sicurezza – con diverse persone uccise.

La pubblicazione dei risultati finali e le ordinanze di sospensione hanno scatenato nuove manifestazioni in tutto il Paese. Nel frattempo, però, la violenza è stata limitata.

Il potente esercito del Pakistan, che ha governato direttamente per quasi tre decenni nei 76 anni di storia del Pakistan, ha chiesto stabilità e calma. Vicino al PMLN, si ritiene pronto a intervenire nel caso in cui i vari partiti non riuscissero a trovare una coalizione di governo.

Interactive_ALL PM in PAKISTAN DAL 1988

Il PTI, insieme a molti altri partiti, ha invitato a protestare contro i risultati, sostenendo che sono stati truccati.

In un reportage da Islamabad, Kamal Hyder di Al Jazeera ha detto che tre degli ordini di sospensione riguardano seggi che secondo il PTI i suoi candidati indipendenti hanno vinto con un enorme margine.

“Se la questione non verrà risolta per via legale, queste proteste potrebbero diffondersi in tutto il paese e forse anche trasformarsi in un movimento”, ha affermato. “A causa di tali ordini, sembra che ci sarà un ritardo nella formazione del prossimo governo”.

Un sostenitore del PTI di Lahore ha detto ad Al Jazeera che non sarebbe rimasto in silenzio e non avrebbe permesso che il mandato del suo partito fosse rubato.

“Il fatto che Internet sia stato bloccato il giorno delle elezioni dimostra come lo Stato abbia cercato di manomettere i risultati. Riteniamo che le istituzioni statali siano pienamente coinvolte in questo e questo è deplorevole. Dovrebbero rispettare il voto del popolo”, ha detto, aggiungendo che sarebbe andato a protestare nel pomeriggio.

Almeno sei candidati indipendenti sostenuti dal partito PTI hanno presentato ricorso in tribunale contro i risultati.

‘Stupefacente’

L’analista Zaigham Khan ha detto ad Al Jazeera che ci sono due principali scenari possibili dopo l’annuncio dei risultati elettorali.

“Lo scenario più probabile è un governo di coalizione che includa tutti i partiti politici, meno il PTI di Khan”, ha detto ad Al Jazeera. Ciò includerà i due maggiori partiti politici, PPP e PMLN, nonché MQM, Jamaat-e-Islami e altri.

“Il secondo scenario, meno probabile ma tecnicamente possibile, è che il PPP si unisca al PTI e formi un governo”, ha detto l’analista.

Parlando a Inside Story di Al Jazeera, Farzana Sheikh, specialista di politica ed economia pakistana, ha affermato che i risultati elettorali sono stati “sorprendenti”.

Milioni di persone si sono presentate per sfidare quello che è stato ampiamente riportato come il risultato desiderato dall’establishment militare: una chiara vittoria per il suo candidato preferito, Nawaz Sharif, ha detto.

“Evidenzia anche la profonda frustrazione di una popolazione che è davvero alla disperata ricerca di un cambiamento, alla disperata ricerca di un nuovo governo che affronti, in particolare, l’acuta crisi economica che attualmente attraversa il paese”.