Guerra Russia-Ucraina: elenco degli eventi chiave, giorno 693

0
26

Questi sono i principali sviluppi all’inizio della guerra nel 693° giorno.

Un uomo che pesca attraverso un buco nel ghiaccio sul fiume Dnipro coperto di neve a Kiev.  Ci sono condomini dietro di lui e un cigno davanti.
Un uomo che pesca nel ghiaccio sottile del fiume Dnipro ghiacciato a Kiev [Evgeniy Maloletka/AP Photo]

Ecco la situazione mercoledì 17 gennaio 2024.

Battagliero

  • Almeno 17 persone sono rimaste ferite, due delle quali gravemente, dopo che due missili russi hanno colpito una zona residenziale nel centro di Kharkiv, la seconda città più grande dell’Ucraina. Le squadre di soccorso stanno setacciando cumuli di macerie per stabilire se altre persone siano rimaste ferite dopo quelle che il sindaco della città ha descritto come due “potenti esplosioni”.
  • I funzionari della città di Voronezh, nel sud della Russia, hanno dichiarato lo “stato di emergenza” dopo che le difese aeree hanno abbattuto cinque presunti droni ucraini. Due bambini sono rimasti feriti. Non ci sono altre notizie di vittime o danni. La città di oltre 1 milione di abitanti si trova a circa 250 km dal confine con l’Ucraina e ospita una base aerea militare.
  • Le autorità della regione ucraina nord-orientale di Kharkiv hanno esortato più di 3.000 residenti di più di due dozzine di villaggi vicino alla linea del fronte a evacuare a causa degli attacchi russi nell’area.

Politica e diplomazia

  • In un discorso emozionante al World Economic Forum (WEF) di Davos, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy ha esortato gli alleati del suo paese a inasprire le sanzioni contro la Russia e ad aumentare il loro sostegno a Kiev per garantire che il presidente russo Vladimir Putin non abbia successo nella sua guerra. Zelenskyj ha affermato che l’esitazione occidentale sta costando tempo e vite umane e potrebbe prolungare i combattimenti di anni.
  • Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha promesso un sostegno costante degli Stati Uniti all’Ucraina in un incontro con Zelenskyj, nonostante i repubblicani di destra al Congresso americano abbiano bloccato nuovi finanziamenti in una disputa sulla politica di confine degli Stati Uniti.
  • La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha sottolineato la necessità di un continuo sostegno dell’Unione europea all’Ucraina. “L’Ucraina può prevalere in questa guerra, ma dobbiamo continuare a rafforzare la sua resistenza”, ha detto alla conferenza di Davos. I leader dell’UE si incontreranno il 1° febbraio per cercare di salvare un pacchetto di aiuti da 50 miliardi di euro (54 miliardi di dollari) per Kiev che è stato bloccato dal primo ministro ungherese Viktor Orban, vicino a Putin.
  • Dopo i colloqui bilaterali a Budapest, il primo ministro slovacco Robert Fico ha dichiarato di essere d’accordo con Orban sul fatto che l’UE non dovrebbe finanziare il pacchetto di aiuti dal bilancio comune del blocco. Fico ha anche fatto eco all’affermazione di Orban secondo cui la guerra non sarà risolta con mezzi militari.
  • Putin ha respinto il piano di pace dell’Ucraina e ha affermato che la Russia non rinuncerà mai al territorio che ha occupato in Ucraina. L’attuale modello della guerra porterebbe a un “colpo irreparabile” allo stato ucraino, ha insistito nei commenti televisivi. Putin ha affermato che le “cosiddette formule di pace” dell’Ucraina comportano “richieste proibitive”. La formula di pace in 10 punti di Zelenskyj, che sarà discussa al WEF, prevede la fine immediata dei combattimenti, il ritiro di tutte le truppe russe e il ripristino dell’integrità territoriale dell’Ucraina.
Vladimir Putin tende la mano mentre cammina verso il ministro degli Esteri nordcoreano Choe Son Hui al Cremlino.  Sta sorridendo e sembra rilassato.  Anche lei tende la mano.
Il presidente russo Vladimir Putin saluta il ministro degli Esteri nordcoreano Choe Son Hui al Cremlino [Artem Geodakyan/ Sputnik via AFP]
  • Putin ha avuto un incontro a Mosca con il massimo diplomatico nordcoreano Choe Son Hui in visita. L’incontro è stato riportato dalla televisione di Stato ma il Cremlino non ha diffuso ulteriori dettagli. Choe, che ha avuto colloqui anche con il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov, ha lodato i “legami camerateschi” tra i due paesi. Gli Stati Uniti e altri hanno accusato la Corea del Nord di fornire armi alla Russia da utilizzare nella sua guerra contro l’Ucraina.
  • Un tribunale russo ha condannato il colonnello Sergei Volkov, ex alto ufficiale della Guardia nazionale, a sei anni di prigione dopo essere stato riconosciuto colpevole di aver acquistato due sistemi di difesa aerea basati su radar inefficaci. L’attrezzatura avrebbe dovuto proteggere il ponte di Kerch che collega la Russia meridionale alla Crimea, che Mosca ha annesso all’Ucraina nel 2014, abbattendo i droni d’attacco ucraini, ma un tribunale ha affermato che necessitava di essere aggiornato per funzionare correttamente.
  • Il servizio di sicurezza interna dell’Estonia ha detto che stava indagando sull’accademico dell’Università di Tartu Vyacheslav Morozov con l’accusa di spionaggio a favore della Russia. Il 53enne russo, professore di politica internazionale, è detenuto dal 3 gennaio. L’università ha dichiarato che il suo contratto era stato risolto.

Armi

  • Il presidente francese Emmanuel Macron ha detto che si recherà in Ucraina il mese prossimo per finalizzare un accordo bilaterale sulla garanzia di sicurezza. Macron ha affermato che la Francia invierà all’Ucraina 40 missili a lungo raggio SCALP, che hanno una gittata di circa 250 km (155 miglia), e diverse centinaia di bombe nelle prossime settimane. Ha già consegnato circa 50 missili SCALP all’Ucraina.