Cos’è la Malattia X e in che modo i preparativi per la pandemia aiuteranno il mondo?

0
30

Il direttore generale dell’OMS Tedros si è unito ai leader mondiali al vertice di Davos per discutere le strategie per la prossima potenziale pandemia.

La malattia X rappresenta un’ipotetica pandemia che potrebbe essere più mortale di COVID-19 [File: Kirsty Wigglesworth/AP Photo]

Mentre la stagione invernale riporta un’impennata delle malattie respiratorie e delle pratiche dell’era pandemica come l’obbligo delle mascherine, gli esperti sanitari globali stanno pensando al futuro su come prepararsi per la prossima grande epidemia.

Al World Economic Forum di Davos, in Svizzera, un gruppo di leader del settore sanitario ha discusso dell’importanza di pianificare in anticipo lo scoppio di un’ipotetica “Malattia X”.

La notizia del panel ha scatenato una cospirazione da parte di account di destra sui social media secondo cui i leader mondiali stanno lanciando la prossima pandemia o si stanno muovendo per “limitare” ancora una volta la libertà di parola e ripristinare l’obbligo delle mascherine. L’OMS ha affermato che tale preparazione ha lo scopo di ridurre le devastazioni dell’era COVID-19, come l’insufficiente capacità dei sistemi medici o le trilioni di dollari persi nell’economia.

Ecco cosa sappiamo della malattia X e cosa significa “preparazione alla pandemia”.

Cos’è la malattia X?

La malattia X non è una malattia specifica ma è il nome dato a un potenziale nuovo agente infettivo.

Si tratta di una malattia attualmente sconosciuta, ma che in futuro potrebbe rappresentare una seria minaccia microbica per l’uomo. È necessario essere preparati perché esiste un vasto serbatoio di virus che circola tra la fauna selvatica e che potrebbe diventare una fonte di una nuova malattia infettiva verso la quale gli esseri umani non hanno difese immunitarie.

Nel 2018, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha aggiunto la Malattia X a un elenco di agenti patogeni che rappresentano una priorità assoluta per la ricerca, insieme a killer noti come la sindrome respiratoria acuta grave (SARS) e l’Ebola.

Etichettare questa potenziale minaccia come “Malattia X” significa dare priorità ai preparativi per affrontare una malattia che non dispone ancora di vaccini o trattamenti farmacologici e che potrebbe dare origine a una grave epidemia.

Quanti danni potrebbe causare la Malattia X?

L’OMS ha avvertito che la Malattia X potrebbe provocare 20 volte più morti del COVID-19.

Il COVID-19 ha ucciso circa sette milioni di persone in tutto il mondo. Nel 2023, gli operatori sanitari hanno avvertito che qualsiasi nuova pandemia potrebbe essere ancora più mortale, uccidendo circa 50 milioni di persone in tutto il mondo.

Qual è stato il panel Disease X a Davos?

Al vertice di Davos di mercoledì, gli esperti sanitari hanno sottolineato che la preparazione alla Malattia X potrebbe aiutare a risparmiare vite umane e costi se i paesi avviassero la ricerca e le misure preventive prima di un’epidemia nota.

“Naturalmente, ci sono alcune persone che dicono che questo potrebbe creare panico. È meglio anticipare qualcosa che potrebbe accadere perché è successo molte volte nella nostra storia, e prepararsi”, ha affermato il direttore generale dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus, che si è unito al panel.

Ha affermato che l’OMS ha già iniziato ad attuare misure per prepararsi a un’altra epidemia. Ciò include un fondo pandemico e un “hub di trasferimento tecnologico” in Sud Africa che consenta la produzione locale di vaccini e aiuterebbe a superare i problemi di disuguaglianza dei vaccini nei paesi ad alto e basso reddito.

Michel Demare, presidente del consiglio di amministrazione di AstraZeneca, ha affermato che la società sta lavorando per effettuare una valutazione dei sistemi sanitari in tutto il mondo per presentare raccomandazioni per la gestione della pandemia.

Preetha Reddy, vicepresidente esecutivo degli Apollo Hospitals, ha sottolineato il dibattito sulla disuguaglianza al forum del G20 e ha sottolineato che l’uso della tecnologia per raggiungere le popolazioni rurali in India è un obiettivo chiave dell’attuale pianificazione.

Come ci prepariamo a una pandemia?

Ciò comporta la cooperazione internazionale, anche in materia di ricerca e sviluppo, nonché lo sviluppo di iniziative a livello nazionale come piani di risposta provvisori in caso di epidemia di una nuova malattia.

Tali piani potrebbero includere la mappatura di come aumentare la capacità ospedaliera, aumentare l’offerta di cure e adottare nuove tecnologie per supportare gli operatori sanitari.

Il Centro europeo per il controllo e la prevenzione delle malattie raccomanda di rafforzare i sistemi esistenti invece di svilupparne di nuovi per una pandemia e incoraggia inoltre a testare eventuali nuovi sistemi prima di una nuova pandemia.

La preparazione implica anche una maggiore sorveglianza delle malattie per individuare rapidamente eventuali nuovi agenti patogeni che potrebbero trasformarsi in una seria minaccia. Gli studi dimostrano che, in media, vengono scoperti almeno due nuovi virus ogni anno.

Si prevede inoltre che tali misure ridurranno drasticamente i costi associati a una pandemia, qualora si verificasse. Mentre il COVID-19 è costato al mondo circa 16mila miliardi di dollari, secondo uno studio dell’organizzazione Resolve to Save Lives, sostenuta dalla Fondazione Gates, investimenti globali di soli 124 miliardi di dollari in cinque anni potrebbero rendere il mondo significativamente più preparato alle grandi epidemie future. .

Qual è la risposta?

L’OMS ha classificato per la prima volta la Malattia X come termine “segnaposto” per un potenziale virus mortale nel 2018.

Tuttavia, la notizia del panel di Davos ha scatenato una tempesta sui social media. Resoconti di destra hanno criticato le discussioni sulla Malattia X, avvertendo che i governi potrebbero usarla per imporre politiche come vaccini e mandati di mascherine, mentre alcune teorie del complotto suggeriscono che i governi potrebbero persino creare pandemie da soli.

In un post su X una settimana prima del vertice, l’ex funzionario dell’amministrazione Trump Monica Crowley ha suggerito che il comitato stesse segnalando l’avvento di una malattia pianificata.

“Giusto in tempo per le elezioni, un nuovo contagio per consentire loro di attuare un nuovo trattato dell’OMS, imporre nuovamente il lockdown, limitare la libertà di parola e distruggere più libertà”, ha scritto.

Tuttavia, l’OMS sostiene che la designazione di Malattia X consentirà ai governi di affrontare meglio una nuova pandemia in quanto “in tutto il mondo, il numero di potenziali agenti patogeni è molto ampio, mentre le risorse per la ricerca e lo sviluppo (R&S) delle malattie sono limitate”.