Biden “gioca con il fuoco” rinominando gli Houthi dello Yemen come “terroristi”

0
24

I sostenitori affermano che etichettare gli Houthi come un “gruppo terroristico globale” rischia di peggiorare la già terribile crisi umanitaria nello Yemen.

I combattenti Houthi appena reclutati impugnano armi da fuoco
I combattenti Houthi appena reclutati impugnano armi da fuoco durante una cerimonia al termine del loro addestramento a Sanaa, nello Yemen, l’11 gennaio [File: Khaled Abdullah/Reuters]

È stata una delle prime grandi decisioni di politica estera di Joe Biden.

Meno di un mese dopo essere entrato in carica nel gennaio 2021, il presidente degli Stati Uniti ha revocato due designazioni “terroristiche” imposte dal suo predecessore, Donald Trump, contro i ribelli Houthi dello Yemen.

All’epoca, il segretario di Stato Antony Blinken disse che la mossa era arrivata come “riconoscimento della terribile situazione umanitaria nello Yemen”. Le Nazioni Unite, così come i gruppi umanitari e i legislatori statunitensi, avevano avvertito che le designazioni “terroristiche” potrebbero interrompere il flusso di aiuti al Paese.

Ora, quasi esattamente tre anni dopo, l’amministrazione Biden sta reintroducendo una delle designazioni contro gli Houthi, dichiarandoli un “gruppo terroristico globale appositamente designato” (SDGT) nel mezzo di una serie di attacchi nel Mar Rosso.

E ancora una volta, i difensori dei diritti umani e gli analisti politici lanciano l’allarme sugli effetti negativi che la decisione potrebbe avere sui civili yemeniti. Molti si chiedono anche se la designazione di mercoledì riuscirà a spingere gli Houthi a porre fine ai loro attacchi.

“Sono molto preoccupato per le conseguenze devastanti per la gente comune nello Yemen”, ha detto Afrah Nasser, un membro non residente presso l’Arab Center di Washington DC che in precedenza ha lavorato come ricercatore nello Yemen presso Human Rights Watch.

Nasser ha detto ad Al Jazeera che la designazione rischia di aggravare la crisi umanitaria nello Yemen, che ha vissuto una guerra lunga anni tra gli Houthi e una coalizione guidata da Arabia Saudita ed Emirati Arabi Uniti.

Secondo le Nazioni Unite, più della metà della popolazione yemenita – 18,2 milioni di persone – ha bisogno di assistenza, mentre il paese è alle prese con una crisi economica, l’aumento dei costi, gli sfollamenti di massa e la fame.

“La normale famiglia yemenita oggi soffre sia a causa delle politiche interne degli Houthi che delle politiche della comunità internazionale nello Yemen, come questa [US] designazione che abbiamo sentito oggi”, ha detto Nasser. “Gli yemeniti sono intrappolati tra due fuochi”.

Attacchi nel Mar Rosso

In una dichiarazione di mercoledì mattina, Blinken ha affermato che la designazione SDGT è arrivata in risposta agli attacchi Houthi contro le navi commerciali nel Mar Rosso.

“Questa designazione cerca di promuovere la responsabilità per le attività terroristiche del gruppo. Se gli Houthi cessassero i loro attacchi nel Mar Rosso e nel Golfo di Aden, gli Stati Uniti rivaluterebbero questa designazione”, ha affermato il massimo diplomatico americano.

Gli Houthi, allineati con l’Iran, che controllano vaste aree dello Yemen, hanno iniziato a lanciare missili contro Israele e ad attaccare navi commerciali nel Mar Rosso poco dopo l’inizio della guerra a Gaza in ottobre.

Il gruppo si è impegnato a prendere di mira le navi legate a Israele come parte di uno sforzo per fare pressione sul governo del paese affinché ponga fine ai bombardamenti su Gaza e consenta maggiori consegne di aiuti umanitari nell’enclave costiera palestinese. Successivamente ha esteso la minaccia a tutte le navi commerciali che viaggiano da e verso Israele lungo l’arteria commerciale al largo della costa dello Yemen.

Gli attacchi hanno portato le compagnie di navigazione a sospendere le operazioni nel Mar Rosso e hanno suscitato la condanna degli Stati Uniti e dei loro alleati.

Washington ha lanciato una coalizione navale per proteggere le navi commerciali a dicembre, e questo mese ha anche effettuato diversi attacchi contro obiettivi Houthi nello Yemen, in quella che gli osservatori hanno definito un’escalation “pericolosa”.

Mercoledì, l’amministrazione Biden ha difeso la sua decisione di reimporre la designazione SDGT agli Houthi, affermando che ci sarebbero delle “esclusioni” per proteggere gli aiuti allo Yemen.

“La designazione di oggi prende di mira gli Houthi, non il popolo yemenita”, ha detto il portavoce del Consiglio di sicurezza nazionale John Kirby in una conferenza stampa.

Alla domanda sull’impatto che eventuali sanzioni correlate avrebbero avuto sui negoziati con gli Houthi, Kirby ha risposto con fermezza: “Non ci sono negoziati. Non c’è merce di scambio. È un modo per ritenere responsabili gli Houthi”.

Ma gli esperti mettono in dubbio che la designazione SDGT possa indurre gli Houthi a fermare i loro attacchi nel Mar Rosso, come suggerito dall’amministrazione.

“Sembra altamente improbabile che abbia qualche effetto positivo sul comportamento degli Houthi”, ha affermato Brian Finucane, consulente senior per i programmi statunitensi presso il think tank International Crisis Group.

“Penso che sia una forma di fare qualcosa”, ha detto ad Al Jazeera. La reimposizione della designazione SDGT, ha aggiunto, è un riflesso del rifiuto di Washington di riconoscere che i recenti attacchi Houthi sono collegati alla guerra a Gaza.

“L’amministrazione Biden si è messa in una scatola… dove non ha buone opzioni politiche”.

La designazione

Una designazione SDGT si concentra principalmente sulle finanze di un individuo o di un gruppo. In questo caso, congelerà i beni degli Houthi negli Stati Uniti e proibirà ai cittadini americani di avere rapporti finanziari con il gruppo.

E mentre “sanzioni civili e penali possono essere valutate per le violazioni”, la definizione ha una portata più ristretta rispetto alla seconda etichetta che l’amministrazione Trump aveva imposto agli Houthi: quella di “Organizzazione terroristica straniera” o FTO.

Questa etichetta rende un crimine grave fornire supporto a un gruppo inserito nella lista nera.

“Questo [SDGT designation] è una sorta di minimo: limitare l’accesso ai fondi dall’estero, l’accesso ai mercati internazionali. Queste sono cose che gli Houthi non hanno e non hanno mai avuto. Non possiedono azioni alla Borsa di New York”, ha detto Nabeel Khoury, ex vice capo missione presso l’ambasciata americana nello Yemen.

I sostenitori degli Houthi partecipano a una protesta contro gli attacchi aerei guidati dagli Stati Uniti a Sanaa, nello Yemen
I sostenitori degli Houthi partecipano a una protesta contro gli attacchi aerei guidati dagli Stati Uniti il ​​12 gennaio 2024 a Sanaa, nello Yemen [AP Photo]

Tuttavia, Khoury ha detto ad Al Jazeera che è improbabile che gli Houthi facciano una distinzione tra la designazione SDGT o FTO e vedranno la decisione di mercoledì come un affronto che potrebbe portare a un’ulteriore escalation.

Alcune ore dopo l’annuncio della designazione, gli Houthi hanno dichiarato di aver lanciato “missili navali” contro una nave americana nel Golfo di Aden. Comando Centrale degli Stati Uniti più tardi confermato la Genco Picardy, di proprietà e gestione statunitense, è stata colpita, provocando alcuni danni ma nessun ferito.

“È davvero sconcertante ciò in cui è impegnata questa amministrazione. Non credo che ci sia stata molta riflessione su questo”, ha detto Khoury. “Questa designazione è più simile a un insulto. È il vecchio guanto in faccia, schiaffeggia qualcuno con il tuo guanto. In un certo senso sei una sfida, ma non li ferisci davvero.

Nasser ha anche avvertito che la designazione potrebbe incoraggiare ulteriormente gli Houthi e “contribuire a radicalizzare alcune parti della popolazione e rafforzare il sistema di reclutamento degli Houthi”.

“Livello di incertezza per gli yemeniti”

Tuttavia, sebbene la designazione SDGT sia “più ristretta” di una FTO, l’amministrazione Biden è consapevole “che queste sanzioni potrebbero peggiorare le cose per il popolo dello Yemen”, ha affermato Finucane.

Questo perché le istituzioni finanziarie e le organizzazioni umanitarie “probabilmente saranno molto caute nell’impegnarsi con gli Houthi nello Yemen”, in particolare finché non verranno stabilite regole chiare sulla ri-designazione, ha spiegato Finucane.

Mercoledì, l’amministrazione Biden ha dichiarato che “sta adottando misure significative per mitigare eventuali impatti negativi che questa designazione potrebbe avere sul popolo dello Yemen”. La decisione entrerà in vigore tra 30 giorni, si legge nella dichiarazione di Blinken, durante i quali l’amministrazione si consulterà con le organizzazioni umanitarie e le altre parti interessate.

Si prevede inoltre che il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti pubblichi licenze “che autorizzino determinate transazioni relative alla fornitura di cibo, medicine e carburante, nonché rimesse personali, telecomunicazioni e posta, nonché operazioni portuali e aeroportuali su cui fa affidamento il popolo yemenita”.

Ma ciò non ha smorzato i timori che la designazione possa influenzare negativamente gli yemeniti.

“Questa designazione aggiungerebbe un ulteriore livello di incertezza e minaccia per gli yemeniti ancora coinvolti in una delle più grandi crisi umanitarie del mondo”, ha detto ad Al Jazeera in una dichiarazione scritta Scott Paul, direttore associato per la pace e la sicurezza di Oxfam America.

“L’amministrazione Biden sta giocando con il fuoco e la invitiamo a evitare immediatamente questa designazione e a dare priorità alla vita degli yemeniti adesso”.

Con file di Ali Harb di Al Jazeera a Washington, DC.