Home Notizia Mondo Come le vitamine quotidiane possono aiutare a migliorare la memoria e la...

Come le vitamine quotidiane possono aiutare a migliorare la memoria e la cognizione negli anziani

0
26

Una bottiglia di vitamine si trova sopra un bicchiere d'acqua
Gli esperti affermano che esistono diversi modi in cui i multivitaminici giornalieri possono aiutare a migliorare la salute cognitiva. Marc Tran/Stocksy
  • In un nuovo studio, i ricercatori affermano che i multivitaminici quotidiani sembrano rallentare l’invecchiamento cognitivo e migliorare la memoria negli anziani.
  • Gli esperti spiegano che le vitamine quotidiane possono migliorare la salute generale di una persona e il microbioma intestinale, il che può portare a migliori capacità cognitive.
  • Aggiungono che sono necessarie ulteriori ricerche per confermare questi risultati e per determinare quali vitamine specifiche siano più efficaci.

Secondo uno studio pubblicato oggi sulla rivista Giornale americano di nutrizione clinica.

La ricerca, finanziata in parte dal produttore di alimenti e integratori Mars Inc., è stata guidata da Chirag Vyas, un istruttore del Dipartimento di Psichiatria del Massachusetts General Hospital.

In esso, i ricercatori hanno analizzato i dati di 573 individui che facevano parte di uno studio più ampio chiamato COcoa Supplement and Multivitamin Outcomes Study (COSMOS) e sono stati anche coinvolti in uno studio in clinica sui possibili collegamenti tra integratori multivitaminici e benefici cognitivi.

I ricercatori hanno riferito che le persone che hanno assunto multivitaminici hanno sperimentato un modesto beneficio nella cognizione globale per un periodo di due anni rispetto a un gruppo di controllo a cui è stato somministrato un placebo.

Il gruppo delle vitamine ha visto anche un miglioramento significativo nella memoria episodica ma non nelle funzioni esecutive e nell’attenzione, hanno detto i ricercatori.

Dettagli dallo studio sulle vitamine e sulle capacità cognitive

Vyas e i suoi colleghi hanno anche condotto una meta-analisi di tre studi correlati tratti da COSMOS: il nuovo studio in clinica e due studi precedenti che utilizzavano valutazioni cognitive telefoniche e online.

L’analisi ha mostrato “forti prove” di benefici sia per la cognizione globale che per la memoria episodica, secondo gli autori dello studio, che hanno stimato che l’uso quotidiano di multivitaminici ha rallentato l’invecchiamento cognitivo globale dell’equivalente di due anni rispetto a un placebo.

“Il declino cognitivo è tra le principali preoccupazioni per la salute della maggior parte degli anziani e un supplemento quotidiano di multivitaminici ha il potenziale come approccio attraente e accessibile per rallentare l’invecchiamento cognitivo”, ha affermato Vyas in un comunicato stampa. “La meta-analisi di tre studi cognitivi separati fornisce prove forti e coerenti che l’assunzione quotidiana di un multivitaminico, contenente più di 20 micronutrienti essenziali, aiuta a prevenire la perdita di memoria e a rallentare l’invecchiamento cognitivo”.

Reazione allo studio sulle vitamine e sulla salute cognitiva

“Con questi tre studi che utilizzano approcci diversi per valutare la cognizione in COSMOS, ciascuno dei quali fornisce supporto per un multivitaminico quotidiano, è ora fondamentale comprendere i meccanismi attraverso i quali un multivitaminico quotidiano può proteggere dalla perdita di memoria e dal declino cognitivo con un focus sullo stato nutrizionale e altri fattori legati all’invecchiamento”, ha affermato Howard Sesso, ScD, epidemiologo associato al Brigham and Women’s Hospital del Massachusetts e co-leader del più ampio studio COSMOS. “Ad esempio, il ruolo modificativo dello stato nutrizionale di base sulla protezione dal declino cognitivo è stato dimostrato per l’intervento COSMOS sull’estratto di cacao. Un tipico multivitaminico come quello testato in COSMOS contiene molte vitamine e minerali essenziali che potrebbero spiegare i suoi potenziali benefici”.

Lo ha detto Kelsey Costa, una nutrizionista dietista registrata che non è stata coinvolta nello studio Notizie mediche oggi che “il miglioramento della memoria legato al consumo di multivitaminici potrebbe derivare dalla risoluzione di una carenza di nutrienti esistente”.

“La mancanza di nutrienti essenziali negli anziani può aumentare il rischio di declino cognitivo, inclusa la perdita di memoria. Le vitamine sono cruciali per varie funzioni cognitive, tra cui la creazione e la conservazione della memoria”, ha aggiunto.

Anche il dottor Jonathan Rasouli, neurochirurgo dello Staten Island University Hospital di New York, non coinvolto nello studio, ha notato una certa connessione tra vitamine e salute cognitiva.

“In generale, sappiamo che esiste un legame tra alimentazione e salute cognitiva; entrambi collegati attraverso la salute dei batteri intestinali”, ha detto Notizie mediche oggi. “In teoria, le diete sane portano a una migliore flora batterica intestinale, che a sua volta porta a un miglioramento della salute cognitiva. Probabilmente è vero il contrario per le persone che seguono una dieta povera. Anche se abbiamo bisogno di ulteriori ricerche per dimostrare definitivamente questo collegamento, il vecchio adagio “sei quello che mangi” è un consiglio potente”.

In termini di processi cerebrali, “le vitamine svolgono un ruolo cruciale nel supportare la salute cognitiva attraverso il loro coinvolgimento in vari percorsi biologici”, ha detto Vyas Notizie mediche oggi. “Alcuni dei processi essenziali includono il mantenimento delle membrane neuronali, la regolazione del rilascio dei neurotrasmettitori e la protezione contro lo stress ossidativo”.

Quali vitamine funzionano rimane un mistero

Tuttavia, ha detto Vyas, i ricercatori non sono stati in grado di individuare quali vitamine specifiche negli integratori giornalieri abbiano avuto un effetto positivo sulla salute del cervello, indicando che sono necessarie ulteriori ricerche.

La dottoressa Yuko Hara, direttrice del dipartimento di prevenzione dell’invecchiamento e dell’Alzheimer presso l’Alzheimer’s Drug Discovery Foundation, non coinvolta nello studio, ha detto Notizie mediche oggi che studi precedenti hanno dimostrato che l’adesione a una dieta in stile mediterraneo è associata a una migliore memoria, a maggiori volumi di regioni cerebrali importanti per le funzioni della memoria (ad esempio, l’ippocampo) e a livelli più bassi di marcatori biologici della malattia di Alzheimer.

“In generale, gli studi clinici su singole vitamine, come la vitamina C ed E, non hanno avuto successo nel rallentare il declino cognitivo o nel migliorare la funzione cognitiva”, ha detto Hara. “Le vitamine che svolgono il ruolo maggiore nella salute cognitiva possono essere diverse da persona a persona e possono dipendere da quali vitamine sono carenti. Per molte persone, l’integrazione di vitamine quando ne hanno già livelli adeguati dalla loro dieta è improbabile che sia benefica e può essere dannoso se assunto in eccesso.

“Ora ci sono studi positivi, su larga scala e a lungo termine che dimostrano che l’integrazione multivitaminico-minerale per gli anziani può rallentare l’invecchiamento cognitivo”, ha aggiunto Claire Sexton, DPhil, direttrice senior dei programmi scientifici e di sensibilizzazione dell’Associazione Alzheimer, che è stata non coinvolti nello studio. “Sebbene esistano molteplici percorsi biologici che possono collegare l’integrazione multivitaminica alla cognizione, questo studio non fornisce dati aggiuntivi su tali meccanismi”.

Sono necessarie ulteriori ricerche sui benefici delle vitamine

Ha detto Sexton Notizie mediche oggi che sono necessarie ulteriori ricerche prima che l’Alzheimer’s Association sia pronta a raccomandare l’uso diffuso di un integratore multivitaminico per ridurre il rischio di declino cognitivo negli anziani.

“Sono necessari studi di conferma indipendenti in popolazioni di studio più ampie, diversificate e rappresentative”, ha affermato.

Ha notato che lo studio clinico COSMOS aveva meno del 2% di partecipanti non bianchi nel gruppo multivitaminico e il 5% di partecipanti non bianchi nel gruppo placebo.

Tuttavia, Vyas ha affermato che “a parte i tre studi cognitivi COSMOS (COSMOS-Clinic, COSMOS-Mind e COSMOS-Web), nessun altro studio nella letteratura esistente aveva tutti questi elementi: valutazioni cognitive condotte al momento dell’iscrizione allo studio e durante il follow-up del trattamento; testato un integratore multivitaminico-minerale completo contenente almeno 20 vitamine e minerali essenziali; interventi valutati della durata di 12 mesi o più; e comprendeva un numero sufficientemente ampio di partecipanti [at least 500].”