Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Che cos’è l’endometriosi cerebrale (endometriosi cerebrale)?

Che cos’è l’endometriosi cerebrale (endometriosi cerebrale)?

0
14

Il tessuto endometriale può svilupparsi al di fuori della regione pelvica, anche in organi distanti come il cervello. Quando ciò accade, si parla di endometriosi extrapelvica.

L’endometriosi cerebrale indica specificamente la presenza di tessuto endometriale all’interno del cervello. L’endometriosi cerebellare è un tipo specifico di endometriosi cerebrale che colpisce il cervelletto.

Sebbene questo tipo di endometriosi sia raro, può portare a vari sintomi che influenzano vari aspetti della funzione neurologica e del benessere mentale.

Quali sintomi sono possibili con l’endometriosi nel cervello?

Ricerca 2022 indica che l’endometriosi cerebrale può svolgere un ruolo nell’influenzare lo sviluppo e la progressione delle condizioni psichiatriche tra gli individui con endometriosi.

La ricerca suggerisce anche un’associazione tra endometriosi e un’elevata prevalenza di disturbi dell’umore, in particolare del disturbo bipolare.

Le donne con endometriosi hanno maggiori probabilità di sperimentare condizioni psichiatriche, potenzialmente a causa delle sfide derivanti dalla condizione.

Queste sfide potrebbero includere dolore persistente, effetti collaterali del trattamento, maggiore sensibilità ai cambiamenti ormonali, modifiche nell’attività genetica e lesioni in regioni cerebrali cruciali coinvolte nella regolazione dell’umore.

Pertanto, è fondamentale esplorare la possibilità di endometriosi cerebrale negli individui affetti da endometriosi che presentano sintomi sia neurologici che psichiatrici.

UN Studio del 2023 sui topi hanno esaminato come l’endometriosi può influenzare il cervello. I ricercatori hanno scoperto che quando i topi avevano l’endometriosi, le cellule cerebrali conosciute come microglia cambiavano dimensione in diverse parti del cervello.

Hanno anche notato un numero maggiore di queste cellule nel cervello. Inoltre, si è verificato un aumento della percentuale di cellule gliali in queste regioni colpite. Le cellule gliali sono coinvolte nello sviluppo della depressione e dell’ansia.

L’endometriosi cerebrale può causare una serie di sintomi neurologici, tra cui:

  • mal di testa forti e ricorrenti
  • convulsioni
  • deficit neurologici come debolezza, disturbi sensoriali e paralisi
  • cambiamenti cognitivi
  • coscienza alterata
  • disfunzione neurologica

I sintomi psichiatrici associati all’endometriosi nel cervello possono includere:

  • cambiamenti di comportamento
  • disturbi dell’umore
  • sbalzi d’umore
  • depressione
  • ansia

Inoltre, potresti notare cambiamenti nel tuo comportamento, come maggiore irritabilità, impulsività e differenze nelle tue interazioni sociali. Potrebbero emergere anche disturbi cognitivi, come difficoltà di memoria e concentrazione.

Cosa provoca esattamente l’endometriosi nel cervello?

La causa esatta dell’endometriosi cerebrale non è del tutto nota, ma si ritiene che derivi dalla migrazione del tessuto endometriale al cervello attraverso il flusso sanguigno o il sistema linfatico, in modo simile a come può viaggiare e impiantarsi in altre aree del corpo durante l’endometriosi tipica.

Uno studio del 2015 sui topi suggerisce che le cellule endometriali ectopiche hanno la capacità di migrare verso il sistema nervoso centrale, potenzialmente attraverso il flusso sanguigno.

Questo processo può portare allo sviluppo dell’endometriosi cerebrale e alla produzione di cellule endoteliali. Le cellule sono probabilmente cellule staminali poiché possono generare sia cellule endometriali che endoteliali.

La dottoressa Neisani Samani, ricercatrice nello studio del 2015, sottolinea che il verificarsi della migrazione cellulare al cervello in tutti i topi indotti indica che l’endometriosi rilascia cellule staminali che migrano verso organi oltre la pelvi.

Inoltre, Samani sottolinea che, sebbene possa non essere possibile rilevare la presenza di impianti endometriotici, essi rimangono biologicamente attivi, portando potenzialmente a cambiamenti molecolari che contribuiscono all’infiammazione.

Come viene diagnosticata l’endometriosi nel cervello?

La diagnosi dell’endometriosi cerebrale può essere difficile poiché i suoi sintomi spesso si sovrappongono ad altre condizioni neurologiche.

Gli operatori sanitari possono utilizzare una combinazione di tecniche di imaging, tra cui la risonanza magnetica (MRI) e le scansioni di tomografia computerizzata (CT), insieme a valutazioni cliniche, per confermare la diagnosi.

Tuttavia, potrebbe non essere rilevabile attraverso test clinici standard. Quindi, è fondamentale osservare e monitorare attentamente i sintomi.

Come viene trattata l’endometriosi nel cervello?

Sebbene la ricerca sull’endometriosi cerebrale sia limitata a causa della sua rarità, il trattamento in genere prevede una combinazione di strategie adattate al tipo e alla gravità dei sintomi e alla salute generale.

Gli approcci terapeutici per l’endometriosi cerebrale possono includere terapie ormonali, antidolorifici e trattamenti farmaceutici che affrontano i sintomi specifici e gestiscono la progressione dell’endometriosi cerebrale.

Sebbene la chirurgia sia un’opzione praticabile, generalmente non è la scelta preferita a causa dei rischi associati.

Gli operatori sanitari spesso raccomandano progestinici come il dienogest per trattare l’endometriosi. I progestinici sono composti sintetici che imitano gli effetti del progesterone.

In un caso di studio del 2018, un individuo affetto da endometriosi cerebrale ha ottenuto una remissione completa dopo il trattamento con dienogest. Questa opzione può essere preferibile alla chirurgia, che può comportare procedure complesse.

Qual è la prospettiva per le persone che vivono con l’endometriosi nel cervello?

Sebbene l’endometriosi cerebrale sia una condizione grave, generalmente non è fatale. Tuttavia, in alcuni casi, le complicazioni legate alla condizione o al suo trattamento possono comportare rischi, inclusi disturbi neurologici, complicanze chirurgiche o effetti avversi derivanti dai trattamenti ormonali.

È fondamentale gestire efficacemente i sintomi e ricevere un monitoraggio regolare e cure di follow-up da parte di un operatore sanitario. Anche se l’eradicazione completa potrebbe non essere sempre possibile, è essenziale dare priorità alla gestione dei sintomi e al benessere generale.

Cercare sostegno emotivo da amici, familiari o gruppi di supporto può fornire uno sbocco utile per condividere i tuoi sentimenti e le tue preoccupazioni.

Quando si cerca assistenza medica, è essenziale trovare un professionista sanitario che ascolti attentamente le tue preoccupazioni e le prenda sul serio. Se lo desideri, chiedi una seconda opinione a un altro operatore sanitario.

Anche esplorare trattamenti alternativi, come l’agopuntura, insieme agli approcci convenzionali può essere utile.