Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Perché gli oppioidi creano dipendenza?

Perché gli oppioidi creano dipendenza?

0
55

Gli oppioidi sono una classe di farmaci utilizzati principalmente per trattare il dolore. Sebbene possano migliorare la qualità della vita, gli oppioidi possono creare una forte dipendenza.

Sebbene le parole siano spesso usate in modo intercambiabile, c’è una differenza tra oppiacei e oppioidi.

Il termine “oppiacei” è usato per riferirsi a composti presenti in natura. Il termine “oppioidi” viene utilizzato per riferirsi a composti completamente o parzialmente sintetici. Tuttavia, sia gli oppiacei che gli oppioidi possono creare dipendenza.

Esempi di oppiacei includono morfina e codeina. Gli oppioidi comunemente usati includono l’ossicodone (presente nell’OxyContin), il tramadolo e l’idromorfone (Dilaudid).

Se usi oppioidi o oppiacei, è una buona idea essere consapevole dei segni di dipendenza e chiedere aiuto il prima possibile se sei preoccupato per la tolleranza o l’abuso.

Cosa dice la ricerca?

Secondo i Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), circa 2,7 milioni di persone di età pari o superiore a 12 anni hanno riferito di aver avuto un disturbo da uso di oppioidi nel 2020.

Gli oppioidi si legano ai recettori degli oppioidi, che si trovano in tutto il corpo. Questi recettori degli oppioidi bloccano quindi i segnali del dolore e innescano il rilascio di dopamina, un ormone associato al piacere.

Poiché forniscono sollievo dal dolore e possono indurre sensazioni di piacere, gli oppioidi possono darti una sensazione piacevole. Ma questa sensazione è temporanea.

Dopo che la dose di oppioidi svanisce, potresti ritrovarti a volerne di più in modo da poterti sentire di nuovo in quel modo.

Se continui a usare oppioidi per un po’ di tempo e poi interrompi bruscamente, potresti riscontrare sintomi di astinenza. Poiché l’astinenza da oppioidi può essere estremamente scomoda, potresti cercare più oppioidi per evitare questi sintomi.

I sintomi di astinenza da oppioidi iniziano nelle prime 24 ore dopo l’ultima dose. Questi sintomi possono includere:

  • ansia
  • sudorazione eccessiva
  • insonnia
  • dolori muscolari
  • irrequietezza
  • rinorrea
  • sbadigliando molto spesso

I sintomi di astinenza possono intensificarsi nel tempo. Dopo il primo giorno, potresti riscontrare:

  • crampi addominali
  • vista annebbiata
  • diarrea
  • pupille dilatate
  • pelle d’oca sulla pelle
  • ipertensione
  • nausea e vomito
  • battito cardiaco accelerato

La durata del periodo di astinenza dipende da fattori come l’esatto farmaco oppioide che hai assunto, la gravità del tuo consumo di oppioidi e la tua biologia individuale.

Che cosa causa o aumenta esattamente il rischio di disturbo da uso di oppioidi?

L’uso di oppioidi per un breve periodo di tempo e sotto la guida di un medico riduce significativamente il rischio di sviluppare un disturbo da uso di oppioidi.

Ma l’abuso di oppioidi, come assumerne più di quanto prescritto o utilizzare la prescrizione di qualcun altro, aumenta questo rischio. Alcune caratteristiche uniche possono aumentare ulteriormente questo rischio.

Fattori di rischio per abuso o dipendenza da oppioidi includere:

  • essere più giovane quando inizi a usare oppioidi
  • trauma infantile
  • storia familiare di disturbi da uso di sostanze
  • storia di abusi sessuali
  • storia personale di disturbo da uso di sostanze
  • condizioni di salute mentale non trattate

È importante ricordare che il disturbo da uso di oppioidi può colpire persone di qualsiasi fascia demografica e background.

Tutte le persone che fanno uso di oppioidi dovrebbero prendere precauzioni per evitare l’abuso di oppioidi, tra cui:

  • utilizzare solo oppioidi come prescritto e non eccedere il dosaggio
  • esplorare opzioni di farmaci antidolorifici non oppioidi ove possibile
  • ottenere supporto per la salute mentale, se necessario
  • cercando i segni della dipendenza da oppioidi

È anche importante parlare con il medico prescrittore se hai una storia personale o familiare di disturbo da uso di sostanze.

Se sospetti di sviluppare una tolleranza agli oppioidi, chiedi aiuto il prima possibile, poiché questo è un fattore di rischio per la dipendenza.

La differenza tra tolleranza, dipendenza e assuefazione

Le parole “tolleranza”, “dipendenza” e “dipendenza” sono spesso usate in modo intercambiabile, ma significano cose diverse.

Se sviluppi una tolleranza verso una sostanza, questa diventa meno efficace per te. Pertanto, potrebbe essere necessario un dosaggio più elevato per ottenere lo stesso effetto.

Ad esempio, potresti utilizzare quantità maggiori di oppioidi per sperimentare gli stessi effetti antidolorifici ed euforici.

La dipendenza fisica è ciò che accade quando il tuo corpo inizia a fare affidamento su un farmaco. Avrai difficoltà a funzionare senza usarlo. Quando smetti di usare il farmaco, avvertirai sintomi di astinenza.

Sia la tolleranza che la dipendenza possono portare alla dipendenza.

Una dipendenza da una sostanza, nota anche come disturbo da uso di sostanze, è una condizione medica caratterizzata dall’incapacità di controllare l’uso di una sostanza.

La dipendenza da oppioidi aumenta notevolmente il rischio di overdose da oppioidi, suicidio e varie condizioni di salute mentale e fisica.

I disturbi da uso di sostanze – compreso il disturbo da uso di oppioidi – sono curabili. Il tuo piano di trattamento dipenderà dalle tue esigenze specifiche e non esiste un trattamento unico che funzioni per tutti.

Se non sei pronto per entrare in un programma di trattamento, valuta la possibilità di utilizzare tecniche di riduzione del danno per ridurre il rischio di overdose. Ciò potrebbe includere:

  • tenere una scorta di Narcan (naloxone), che può potenzialmente salvarti la vita in caso di overdose di oppioidi
  • visitare un luogo di consumo supervisionato invece di utilizzare oppioidi senza supervisione
  • utilizzando uno scambio di siringhe invece di utilizzare aghi di altri, se stai iniettando sostanze

Il trattamento in genere include una combinazione di assistenza sanitaria fisica (in modo da poter ritirarsi in sicurezza) e supporto per la salute mentale.

Scopri di più e trova supporto

Puoi saperne di più ai seguenti link:

  • Come somministrare il trattamento per un’overdose involontaria di oppioidi
  • Come gestire un’overdose senza il coinvolgimento della polizia
  • La guida per principianti alla riduzione del danno

Puoi ottenere assistenza nelle seguenti risorse:

  • Substance Abuse and Mental Health Services Administration (SAMHSA) dispone di una linea di assistenza riservata gratuita 24 ore su 24, 7 giorni su 7 a cui puoi accedere chiamando il numero 800-662-HELP (4357).

  • SAMHSA dispone anche di un localizzatore di trattamenti online.
  • Partecipa a una riunione di Al-Anon, Alateen, Alcolisti Anonimi (AA) o Narcotici Anonimi (NA).

Sian Ferguson è uno scrittore freelance di salute e cannabis con sede a Città del Capo, in Sud Africa. La sua passione è consentire ai lettori di prendersi cura della propria salute mentale e fisica attraverso informazioni basate sulla scienza e fornite in modo empatico.