“Ce la faremo”: il Primo Ministro israeliano ha deciso di invadere Rafah

0
11

Israele deve ancora dire come proteggerà gli 1,4 milioni di civili stipati nella città dall’assalto pianificato.

Una donna palestinese sfollata, fuggita dalla sua casa a causa degli attacchi israeliani, rifugia al confine con l’Egitto, a Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, 10 febbraio 2024 [Mohammed Salem/Reuters]

Israele è determinato ad avanzare con i suoi piani non specificati di invadere la città di Rafah, nel sud di Gaza, dove si stanno rifugiando milioni di palestinesi sfollati.

Il primo ministro Benjamin Netanyahu ha ribadito la sua intenzione di estendere l’operazione militare in un’intervista trasmessa sabato sera. “Ce la faremo”, ha dichiarato, precisando che si sta lavorando ai piani.

La dichiarazione arriva nonostante l’allarme internazionale sul potenziale massacro. Si stima che circa 1,4 milioni di palestinesi siano stipati a Rafah e circondati dal confine con l’Egitto, dopo aver ricevuto l’ordine dall’esercito israeliano di evacuare le loro case in altre parti della Striscia di Gaza.

Gli Stati Uniti, il principale sostenitore di Israele, hanno messo in guardia contro il piano di espandere l’assalto via terra sulla città, che da mesi è soggetta a bombardamenti aerei quasi quotidiani.

Almeno 25 palestinesi sono stati uccisi negli attacchi notturni su Rafah, secondo i giornalisti di Al Jazeera sul posto, mentre l’esercito israeliano ha intensificato i suoi attacchi questa settimana. Dall’inizio della guerra a Gaza il 7 ottobre sono oltre 28.000 i palestinesi uccisi.

Nessun luogo dove andare

Netanyahu ha detto nell’intervista con il quotidiano americano ABC News di essere d’accordo con Washington sul fatto che i civili debbano essere evacuati da Rafah prima di qualsiasi invasione di terra.

“Lo faremo fornendo un passaggio sicuro alla popolazione civile in modo che possano andarsene”, ha detto, secondo gli estratti pubblicati dell’intervista.

Tuttavia, non è chiaro dove possano andare un numero così elevato di persone, stipate contro il confine con l’Egitto e rifugiate in tende improvvisate.

Quando gli è stato chiesto, Netanyahu si è limitato a dire che stanno “elaborando un piano dettagliato”.

“Le aree che abbiamo ripulito a nord di Rafah sono… ce ne sono moltissime”, ha detto.

“Coloro che dicono che in nessun caso dovremmo entrare a Rafah, in pratica dicono ‘perdete la guerra, mantenete Hamas lì'”, ha detto.

In un reportage da Rafah, Tareq Abu Azzoum di Al Jazeera ha detto che i palestinesi disperati della zona sentono di non avere più scelta.

“Dobbiamo ricordare che la maggior parte dei feriti e degli sfollati sono stati trasferiti a Rafah per tenerli lontani dalle operazioni israeliane”, ha affermato.

Tensioni con l’Egitto

L’Egitto si è opposto ferocemente al piano, che minaccia di sfollare centinaia di migliaia di palestinesi nella penisola del Sinai.

Resta inoltre molto cauto nei confronti dell’aumento dell’attività militare israeliana vicino ai suoi confini. Il Cairo ha avvertito che il suo trattato di pace decennale con Israele potrebbe essere messo a repentaglio se Israele dispiegherà truppe al suo confine.

Il ministro israeliano dei trasporti Miri Regev ha affermato che il governo israeliano prende sul serio la sensibilità dell’Egitto riguardo all’operazione militare a Rafah e che le due parti saranno in grado di raggiungere un accordo.

Mamoun Abu Nowar, un generale in pensione dell’aeronautica giordana, ha detto ad Al Jazeera che Hamas ha profondi tunnel nella zona, alcuni dei quali attraversano l’Egitto.

“Per controllare questi tunnel”, ha continuato, “devono lavorare molto duramente, per tagliare questi posti di comando o distruggerli in modo così [Hamas] perde del tutto il comando, ma sarebbe una lotta molto molto difficile, ci vorrebbero mesi”.

“La ricetta per il disastro”

Gli avvertimenti internazionali contro un’invasione di Rafah continuano ad arrivare.

Il capo della politica estera dell’Unione Europea Josep Borrell, in un post su X sabato scorso, ha sostenuto gli avvertimenti degli stati membri del blocco secondo cui un’invasione di Rafah “porterebbe ad un’indicibile catastrofe umanitaria e a gravi tensioni con l’Egitto”.

Anche i leader regionali lanciano l’allarme. Jasem Mohamed Albudaiwi, segretario generale del Consiglio di cooperazione del Golfo (GCC), ha affermato che un attacco a Rafah destabilizzerebbe ulteriormente la regione e danneggerebbe i palestinesi.

Il commissario generale dell’UNRWA Philippe Lazzarini ha dichiarato domenica che a Rafah c’è un senso di crescente ansia e panico.

“Un’offensiva militare in mezzo a queste persone completamente esposte e vulnerabili è la ricetta per il disastro. Sto quasi diventando senza parole”, ha detto.