Il russo Lavrov respinge la proposta americana di riprendere i colloqui sulle armi nucleari

0
24

Il ministro degli Esteri ha anche avvertito che l’Ucraina deve porre fine alla sua spinta ad aderire alla NATO prima che possa procedere qualsiasi discussione di pace.

Il ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov partecipa a una conferenza stampa dopo essere intervenuto alla 78esima sessione dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite a New York City
Lo ha detto il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov [Eduardo Munoz/Reuters]

Il massimo diplomatico russo ha respinto la proposta degli Stati Uniti di riprendere il dialogo sul controllo delle armi nucleari, affermando che ciò è impossibile finché Washington offre sostegno militare all’Ucraina.

Intervenendo giovedì in una conferenza stampa, Sergey Lavrov ha accusato l’Occidente di alimentare i rischi per la sicurezza globale incoraggiando l’Ucraina a intensificare gli attacchi sul territorio russo e ha avvertito che Mosca raggiungerà i suoi obiettivi nel conflitto indipendentemente dal sostegno occidentale a Kiev.

Commentando la proposta americana di riprendere i contatti nel campo del controllo delle armi nucleari, Lavrov ha detto che Mosca ha rifiutato l’offerta. Ha detto che affinché tali colloqui abbiano luogo, Washington deve prima rivedere la sua attuale politica nei confronti della Russia.

Lavrov ha accusato che la spinta di Washington per la ripresa dei colloqui sul nucleare è stata guidata dal desiderio di riprendere le ispezioni dei siti di armi nucleari della Russia. Ha descritto tali richieste americane come “indecenti” in vista degli attacchi dell’Ucraina alle basi dei bombardieri russi con capacità nucleare durante il conflitto.

“Nel contesto di una ‘guerra ibrida’ intrapresa da Washington contro la Russia, non vediamo alcuna base, non solo per eventuali ulteriori misure congiunte nella sfera del controllo degli armamenti e della riduzione dei rischi strategici, ma per qualsiasi discussione sulle questioni di stabilità strategica con il Stati Uniti”, ha detto. “Colleghiamo fermamente tale possibilità alla rinuncia totale dell’Occidente al suo comportamento dannoso volto a minare la sicurezza e gli interessi della Russia”.

Il ministro ha affermato che la spinta di Washington per riavviare i colloqui sulle armi nucleari è radicata nel desiderio di “provare a stabilire il controllo sul nostro arsenale nucleare e minimizzare i rischi nucleari per sé”, ma ha aggiunto che “quei rischi stanno emergendo come risultato di una forte pressione sul nostro Paese. “

Ha accusato l’Occidente di bloccare qualsiasi dialogo sulla fine del conflitto e di incitare all’intensificazione degli attacchi contro la Russia.

“Tale incoraggiamento e il trasferimento di armi rilevanti dimostrano che l’Occidente non vuole alcuna soluzione costruttiva”, ha detto Lavrov. “L’Occidente sta spingendo verso l’escalation della crisi ucraina, e ciò solleva nuovi rischi strategici”.

Ha riaffermato che la Russia perseguirà quella che chiama “operazione militare speciale” indipendentemente dalla pressione occidentale.

“Persevereremo in modo coerente e persistente sugli obiettivi dell’operazione militare speciale e li raggiungeremo”, ha affermato. “Non dovrebbero avere alcuna speranza che la Russia possa essere sconfitta in alcun modo. Coloro che in Occidente fantasticano al riguardo non sono riusciti a imparare le lezioni di storia”.

I commenti del ministro degli Esteri arrivano mentre le tensioni nel conflitto durato quasi due anni non mostrano segni di attenuazione, con l’Ucraina che rivendica lo stesso giorno in cui ha colpito un terminale petrolifero a San Pietroburgo.

Un funzionario nominato dalla Russia nell’Ucraina sud-orientale occupata aveva precedentemente contestato ciò, affermando che l’Ucraina aveva tentato, senza riuscirci, di prendere di mira un terminale petrolifero russo nel Mar Baltico con un drone durante la notte.

L’offensiva dell’Ucraina si trova sulla scia della sua continua spinta ad aderire alla NATO, con il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy che ha nuovamente chiesto l’adesione a Davos, il vertice annuale del World Economic Forum.

Il capo della NATO Jens Stoltenberg ha dichiarato al vertice che Kiev è “più vicina alla NATO che mai”.

Durante la sua conferenza stampa, Lavrov ha affermato che l’Ucraina deve porre fine alla sua spinta ad aderire alla NATO prima che abbia luogo qualsiasi discussione sulla pace.