A che punto è l’accordo sul nucleare iraniano dopo sette tornate di colloqui?

0
19

Le delegazioni europee tornano nelle capitali per consultazioni dopo la presentazione di due proposte da parte iraniana, con un nuovo round di colloqui previsto per la prossima settimana.

Il capo negoziatore nucleare iraniano Ali Bagheri Kani Bagheri ha detto ad Al Jazeera che le proposte del suo paese “non possono essere respinte” [Joe Klamar/AFP]

Teheran, Iran – Tutti i firmatari dell’accordo nucleare firmato dall’Iran e dalle potenze mondiali nel 2015 affermano di volerlo ripristinare in quanto non esiste un’alternativa praticabile, ma le definizioni iraniane e occidentali di un “buon affare” per raggiungere tale obiettivo rimangono fortemente in contrasto.

Il settimo round di colloqui a Vienna si è concluso venerdì, solo per esporre meglio il divario nell’approccio delle diverse parti per rilanciare il Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA).

Mentre la delegazione iraniana ha affermato di avere il mandato e la volontà di rimanere nella capitale austriaca per riprendere i colloqui finché necessario, le missioni europee hanno chiesto una breve pausa per tornare nelle capitali per consultazioni.

I rappresentanti dovrebbero tornare al Palais Coburg di Vienna la prossima settimana per il round numero otto.

Giovedì l’Iran ha presentato due documenti alla commissione mista del JCPOA, composta anche da negoziatori provenienti da Cina, Francia, Germania, Russia e Regno Unito. Gli europei hanno quindi trasmesso i documenti agli Stati Uniti, che partecipano indirettamente poiché hanno abbandonato unilateralmente l’accordo nel 2018 e hanno reimposto le sanzioni all’Iran.

I documenti descrivono in dettaglio le proposte dell’Iran su come revocare le sanzioni e ridimensionare i progressi nucleari del paese. Il paese aveva precedentemente affermato di voler revocare tutte le sanzioni imposte dal 2018 in una volta, mentre gli Stati Uniti desiderano solo revocare le sanzioni “incoerenti” con il JCPOA, mantenendo in vigore le designazioni di diritti umani o “terrorismo”.

È stato preparato anche un terzo documento, che sarà presto consegnato, che dettaglia le richieste dell’Iran di garanzie che gli Stati Uniti non abbandoneranno nuovamente l’accordo e la verifica sulla revoca delle sanzioni.

retorica contraria

Gli europei sono rimasti sgomenti quando hanno affermato che i documenti rappresentano una posizione massimalista dell’Iran e tornano indietro su molte delle questioni concordate dall’amministrazione dell’ex presidente Hassan Rouhani nei testi redatti entro la fine del sesto round di colloqui in Giugno. Una nuova amministrazione sotto il presidente Ebrahim Raisi si è insediata a Teheran ad agosto.

Una dichiarazione di alti diplomatici europei ha affermato che alcuni dei cambiamenti richiesti dall’Iran nei documenti erano incompatibili con il patto del 2015 e ha affermato che “non è chiaro come queste nuove lacune possano essere colmate in un lasso di tempo realistico”.

Il segretario di Stato americano Antony Blinken ha anche affermato venerdì che l’Iran “non sembra essere serio nel fare ciò che è necessario” per ripristinare il JCPOA, impegnandosi a non permettere all’Iran di trascinare i negoziati mentre il suo programma nucleare avanza.

In risposta alla dichiarazione europea, il capo negoziatore della Russia, Mikhail Ulyanov, ha affermato che “la delusione sembra essere prematura” poiché i cambiamenti sono ancora possibili.

Dopo i colloqui, il capo negoziatore dell’Iran, il viceministro degli Esteri Ali Bagheri Kani, ha confermato ai giornalisti che gli europei non erano contenti delle proposte iraniane.

“Ci hanno detto che queste proposte non sono in linea con le nostre opinioni e io ho detto loro che è naturale; non offriremo proposte in linea con le vostre opinioni, diciamo cose coerenti con le nostre opinioni e interessi”, ha affermato.

“L’importante è che queste proposte si basino su principi accettati anche da altre parti”, ha detto Bagheri, aggiungendo che le altre parti non hanno messo in dubbio la legalità o la pertinenza delle proposte iraniane.

Venerdì scorso, Bagheri ha dichiarato ad Al Jazeera che le proposte dell’Iran “non possono essere affatto respinte, perché si basano sulle disposizioni dell’accordo nucleare del 2015”.

Avanzamento del programma nucleare

Mentre erano in corso i colloqui di Vienna, l’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA) ha annunciato in un rapporto che l’Iran ha iniziato ad arricchire l’uranio con una purezza del 20 percento presso l’impianto sotterraneo di Fordow.

Il “tempo di rottura” del paese, che indica quanto tempo impiegherebbe per sviluppare un’arma nucleare, se lo desiderasse, è sceso a circa un mese e sta rapidamente diminuendo.

L’Iran, però, ha sempre sostenuto che non cercherà mai una bomba e il suo programma nucleare è rigorosamente pacifico. L’AIEA ha confermato che l’Iran non è attualmente impegnato nell’arricchimento del 90% necessario per avere una bomba.

In un’intervista di venerdì, tuttavia, il direttore generale dell’AIEA Rafael Grossi ha avvertito che l’Iran deve concedere ai suoi ispettori “accesso illimitato” se desidera evitare ulteriori problemi.

L’Iran e l’organismo di vigilanza nucleare globale hanno avuto disaccordi negli ultimi mesi su diverse questioni in sospeso. La visita di Grossi a Teheran una settimana prima dei colloqui di Vienna non ha portato a un accordo oa una dichiarazione congiunta, ma le due parti hanno concordato di mantenere il dialogo.

Grossi ha incontrato a Vienna anche i capi negoziatori iraniani e statunitensi, sottolineando il “ruolo di verifica indispensabile dell’agenzia”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here