Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi 7 domande da porre al tuo ginecologo sulla menopausa al prossimo controllo

7 domande da porre al tuo ginecologo sulla menopausa al prossimo controllo

0
67

La menopausa è una transizione importante nella vita, ma colpisce ognuno in modo diverso.

I sintomi possono andare e venire, quindi non è sempre facile sapere quando hai iniziato ufficialmente. Inoltre, tutta l’attenzione sembra essere concentrata sulle vampate di calore quando ci sono molti altri sintomi che potresti riscontrare.

Abbiamo posto ad un ginecologo alcune delle domande più comuni sulla menopausa. Ecco cosa dovresti sapere mentre ti prepari per questa transizione naturale della vita, comprese le informazioni da tenere a mente al tuo prossimo appuntamento dal ginecologo.

infografica con domande da porre al ginecologo durante la menopausa

Come faccio a sapere con certezza che sto attraversando la menopausa?

E’ menopausa o qualcos’altro? Buona domanda!

Menopausa tipicamente inizia verso la fine degli anni ’40 o ’50, ma può iniziare prima o dopo. I sintomi possono differire in base a una varietà di fattori, come lo stile di vita, l’ambiente e la genetica.

Secondo Linda Goler Blount del Black Women’s Health Imperative (BWHI), le donne nere hanno maggiori probabilità di sperimentare vampate di calore e sudorazioni notturne, mentre le donne bianche hanno maggiori probabilità di sperimentare secchezza vaginale.

Ecco alcuni segnali che potrebbero indicare che potresti essere in menopausa:

  • I tuoi periodi iniziano a diventare irregolari. Possono anche diventare più pesanti o più leggeri.
  • Si verificano vampate di calore e sudorazioni notturne.
  • Il sesso può diventare doloroso a causa della secchezza vaginale.
  • È più difficile addormentarsi e rimanere addormentati.
  • Sei più irritabile del solito.
  • Le tue riserve di energia sono basse.
  • La tua libido cambia.
  • Noti cambiamenti nei capelli e nelle unghie, come diradamento o secchezza.

Tutti questi possono essere segni anche di altre condizioni. Tuttavia, può essere difficile individuare quando lo stai effettivamente attraversando, perché la menopausa avviene nel tempo.

Anche i seguenti eventi possono causare la perdita del ciclo mestruale e possono essere confusi con la menopausa:

  • gravidanza
  • problemi alla tiroide o all’ipofisi
  • tumori ovarici
  • malattia dell’ovaio policistico (PCOS)

Ecco perché è importante rimanere in contatto con un operatore sanitario. Possono aiutare a determinare se la menopausa o qualcos’altro sta causando i sintomi.

Il mio desiderio sessuale cambierà quando entrerò in menopausa?

È possibile che la menopausa coincida con i cambiamenti della libido. Le fluttuazioni ormonali possono contribuire ad una diminuzione nel desiderio sessuale e la secchezza vaginale può rendere il sesso meno piacevole.

Ma è complicato. Molti fattori possono influenzare il tuo interesse per il sesso e non tutti sperimentano un calo della libido quando entrano in menopausa.

Se questi sintomi ti danno fastidio, ecco cosa chiedere al tuo prossimo appuntamento dal ginecologo:

  • La mia perdita di libido è dovuta a cambiamenti ormonali? Un medico può ordinare test che valutano il tuo profilo ormonale.
  • Che trattamento mi consiglieresti? Farmaci, terapia ormonale e cambiamenti nello stile di vita sono tutte opzioni potenziali per affrontare la bassa libido. Inoltre, i lubrificanti possono aiutare a compensare la perdita di lubrificazione naturale, rendendo il sesso più piacevole.
  • Potete consigliarmi un lubrificante? Se hai la pelle sensibile o semplicemente non sai da dove cominciare quando si tratta di lubrificante, chiedi al tuo ginecologo. Possono fornire alcuni consigli.

Allo stesso tempo, informa il medico di eventuali altri problemi di salute sessuale che hai, come dolore durante il sesso o sanguinamento anomalo.

In che modo la menopausa influirà sul mio sonno?

Hai passato tutta la vita a dormire adeguatamente e ora che stai entrando tra i 40 ei 50 anni, improvvisamente avverti disturbi del sonno. Cosa dà?

La menopausa può renderlo più difficile addormentarsi e restare addormentati. Uno dei motivi è che i cambiamenti ormonali possono rendere difficile la regolazione della temperatura corporea e tenerti sveglio la notte.

Se l’insonnia è un problema nuovo, chiedi al tuo ginecologo informazioni sulle opzioni di trattamento.

Prima di raccomandare la terapia ormonale sostitutiva, i farmaci o la terapia cognitivo comportamentale (CBT), possono suggerire alcuni cambiamenti nello stile di vita per facilitare il sonno. Questi cambiamenti possono includere la limitazione dell’assunzione di caffeina, un maggiore esercizio fisico o il miglioramento dell’igiene del sonno.

Potrebbero anche raccomandare ulteriori test per escludere altri problemi che potrebbero influenzare il tuo sonno.

Secondo Paula Green-Smith di BWHI, i problemi di sonno durante la menopausa possono peggiorare altri sintomi, come l’aumento di peso e la salute fisica generale.

Dovrò comunque sottopormi regolarmente a pap test e mammografie?

SÌ. Pap test e mammografie regolari sono ancora più importanti quando si entra in menopausa perché aumenta il rischio di alcuni tumori aumenta man mano che invecchi.

IL Società americana contro il cancro (ACS) raccomanda alle persone di età compresa tra 25 e 65 anni di sottoporsi a un Pap test combinato e test HPV ogni 5 anni o a un Pap test solo ogni 3 anni.

IL sindrome coronarica acuta raccomanda mammografie annuali a partire dai 45 anni per le persone con un rischio medio di cancro al seno e ogni 2 anni dopo i 54 anni.

Parla con un operatore sanitario della frequenza di screening giusta per te. A seconda della tua storia sanitaria, potresti aver bisogno di test più o meno frequenti.

Altri test da chiedere al prossimo appuntamento dal ginecologo includono:

  • Scansione della densità ossea: Questa scansione valuta il rischio di osteoporosi.
  • Profilo lipidico: Questo test viene utilizzato per controllare i livelli di colesterolo. La menopausa può influenzare negativamente i livelli di colesterolo, che possono aumentare il rischio di malattie cardiache.
  • Test della glicemia (A1C): Questo test valuta il rischio di diabete di tipo 2.
  • Esami della tiroide: Questi test valutano i livelli di ormone tiroideo. I problemi alla tiroide possono essere più comuni in età avanzata.

È anche una buona idea tenere sotto controllo la pressione sanguigna, cosa che puoi fare a casa con un monitor domestico.

Se non sei sicuro di come utilizzare correttamente un misuratore di pressione personale, porta il tuo al prossimo appuntamento e chiedi al tuo medico di mostrarti come usarlo.

In che modo la menopausa potrebbe influire sulla mia salute mentale?

I cambiamenti ormonali durante la menopausa possono influenzare il benessere mentale generale.

I cambiamenti ormonali legati alla menopausa possono portare a una serie di problemi del sonno che possono influenzare il tuo umore. Sintomi fisici come sudorazione notturna e vampate di calore possono influire sulla qualità del sonno e portare a irritabilità.

Basti dire che la menopausa è una transizione importante nella vita. I cambiamenti fisici che sperimenti possono influenzare il tuo benessere e il tuo senso di sé. Inoltre, potresti attraversare altri cambiamenti di vita tra i 40 e i 50 anni che influenzano il modo in cui ti senti riguardo a te stesso e al tuo ruolo nella vita.

Se la menopausa sta influenzando la tua salute emotiva, chiedi al tuo ginecologo informazioni sui trattamenti, inclusa la terapia o i farmaci. Potresti anche trarre vantaggio dall’unirti a un gruppo di supporto.

La terapia ormonale è adatta a me?

La terapia ormonale, precedentemente chiamata terapia ormonale sostitutiva (HRT), prevede l’assunzione di estrogeni o una combinazione di estrogeni e progesterone sotto forma di pillola, topica o cerotto. La combinazione che prenderai dipende dal fatto che tu abbia subito un’isterectomia.

Terapia ormonale può aiutare con i sintomi comuni della menopausa come sudorazione notturna, secchezza vaginale e persino perdita ossea.

Non è per tutti, però. La terapia ormonale a lungo termine può aumentare il rischio di alcune malattie, tra cui il cancro al seno e le malattie cardiache.

Se sei interessato alla terapia ormonale, chiedi al tuo ginecologo i pro e i contro e se potrebbe essere adatto a te.

Quali integratori o trattamenti complementari possono aiutare a lenire i sintomi della menopausa?

Gli integratori che possono aiutare ad alleviare i sintomi della menopausa includono:

  • Vitamina D e calcio: Questi aiutano prevenire la perdita ossea che può portare all’osteoporosi.
  • Vitamina E: Vitamina E può aiutare a ridurre episodi di vampate di calore.
  • Vitamine del gruppo B: Questi potrebbero aiutare l’equilibrio il tuo umore.
  • Melatonina: La melatonina può aiutare con il sonno.
  • Tè nero al cohosh: Questo tè è comunemente usato nella comunità nera, dice Green-Smith, per a numero di sintomicome vampate di calore, sudorazioni notturne, secchezza vaginale, palpitazioni cardiache, acufeni, vertigini, disturbi del sonno, nervosismo e irritabilità.
  • Trifoglio rosso: Un’altra erba comunemente usata nella comunità nera, anche questa erba ha stato trovato per aiutare con le vampate di calore.
  • Olio di enotera: UN Studio del 2021 hanno scoperto che l’olio di enotera riduce efficacemente la frequenza e la gravità della sudorazione notturna.

Prima di assumere qualsiasi integratore per i sintomi della menopausa, parla con un medico per scoprire se sono sicuri, soprattutto se prendi farmaci.

Oltre ai controlli regolari dal ginecologo e agli eventuali trattamenti prescritti dal medico, le seguenti terapie complementari può fornire un po’ di sollievo:

  • agopuntura
  • yoga
  • meditazione
  • massoterapia

Risorse per la menopausa

Sebbene il tuo ginecologo possa essere una buona risorsa per informazioni relative alla menopausa, i tempi brevi per gli appuntamenti a volte possono rendere difficile chiedere tutto ciò che hai in mente.

Se ti ritrovi con domande persistenti, le seguenti risorse possono aiutarti a colmare le lacune tra gli appuntamenti:

  • La Società Nordamericana della Menopausa (NAMS)
  • Ufficio per la salute delle donne (OWH)
  • American College of Obstetricians and Gynecologists (ACOG)
  • Imperativo per la salute delle donne nere (BWHI)

Il tuo prossimo appuntamento dal ginecologo è un’ottima opportunità per porre domande importanti sulla menopausa.

E il tuo ginecologo non è l’unica persona disponibile ad aiutarti.

Esistono molti modi per trovare connessione e incoraggiamento durante questa transizione. Anche parlare con un’amica che è già entrata in menopausa, parlare con un terapista empatico o trovare un gruppo di sostegno per la menopausa può aiutare a fornire un supporto utile.