Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Quali sono le differenze tra narcolessia e apnea notturna?

Quali sono le differenze tra narcolessia e apnea notturna?

0
36

La narcolessia è una condizione neurologica che causa problemi con i cicli sonno-veglia del cervello. Le persone con questa condizione provano un irrefrenabile bisogno di addormentarsi che può colpire in qualsiasi momento, anche durante attività come parlare o mangiare.

L’apnea notturna è una condizione più comune in cui la respirazione si interrompe ripetutamente mentre dormi. Il più delle volte è causato da un blocco fisico alla gola, ma la causa sottostante può anche essere neurologica.

Nonostante siano entrambi disturbi del sonno, i sintomi e i trattamenti per ciascuna condizione variano in modo significativo. Continua a leggere per saperne di più sulle differenze tra narcolessia e apnea notturna.

Tipi di apnea notturna

L’apnea notturna è classificata in tre categorie a seconda della causa sottostante:

  • Apnea ostruttiva del sonno. L’apnea ostruttiva del sonno è il tipo più comune, che colpisce il maggior numero di persone 14 per cento degli uomini e il 5 per cento delle donne. Si verifica quando c’è un’ostruzione fisica in bocca o in gola mentre dormi.
  • Apnea centrale del sonno. L’apnea notturna centrale si verifica quando qualcosa interferisce con il segnale del cervello che dice al tuo corpo di inspirare aria.
  • Apnea notturna complessa. L’apnea notturna complessa è una combinazione di apnea notturna ostruttiva e centrale.

Quali sono i sintomi della narcolessia e delle apnee notturne?

L’apnea notturna e la narcolessia possono entrambe causare sonnolenza diurna, ma altri sintomi sono molto diversi.

Apnea notturna

L’apnea notturna provoca pause nella respirazione durante il sonno. Queste pause possono durare da secondi a minuti. Altro segni e sintomi di apnea notturna sono:

  • eccessiva sonnolenza diurna e sonnolenza

  • russare forte e frequente
  • senza fiato mentre dorme
  • svegliarsi ripetutamente
  • secchezza delle fauci e mal di testa dopo il risveglio

  • ridotta funzione sessuale e bassa libido

  • minzione frequente di notte

Narcolessia

Segni e sintomi di narcolessia sono:

  • Eccessiva sonnolenza diurna. Le persone affette da narcolessia sperimentano un’eccessiva sonnolenza diurna che può manifestarsi all’improvviso. Sperimentano “attacchi di sonno”, in cui si addormentano senza preavviso per secondi o minuti.
  • Cataplessia. Di 10 per cento delle volte, il primo sintomo evidente è un’improvvisa perdita di tono muscolare chiamata cataplessia. Questi attacchi possono essere lievi, causando solo la caduta delle palpebre o possono interessare tutto il corpo e portare al collasso.
  • Paralisi nel sonno. È comune che le persone con narcolessia sperimentino la paralisi del sonno. La paralisi del sonno è un’incapacità temporanea di muoversi mentre si è al limite del sonno.
  • Allucinazioni. Alcune persone sperimentano allucinazioni vivide, di solito visive, mentre si addormentano e durante i sonnellini.
  • Sonno rotto. Molte persone affette da narcolessia hanno difficoltà a dormire la notte, nonostante la sonnolenza diurna.
  • Comportamento automatico durante il sonno. Le persone affette da narcolessia possono addormentarsi durante un’attività come parlare o mangiare e continuare per secondi o minuti senza consapevolezza di ciò che stanno facendo.

Quali sono le cause della narcolessia e delle apnee notturne?

Sia l’apnea notturna che la narcolessia hanno molteplici potenziali cause.

Cause di apnea notturna

Blocchi alla gola o problemi neurologici possono causare apnea notturna. I fattori che contribuiscono includono:

  • obesità
  • tonsille grosse
  • condizioni endocrine come:
    • ipotiroidismo
    • acromegalia
    • sindrome dell’ovaio policistico (PCOS)
  • malattie polmonari croniche come l’asma o la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO)
  • insufficienza cardiaca o insufficienza renale

  • alcune condizioni genetiche come la sindrome di Down o la palatoschisi
  • condizioni neuromuscolari come:
    • colpo
    • distrofia miotonica
    • dermatomiosite
  • Condizioni concomitanti:
    • malattie polmonari croniche come l’asma o la BPCO
    • gravidanza

Cause di narcolessia

La narcolessia è divisa in tipo 1 e tipo 2. Le persone con tipo 1 sperimentano cataplessia, mentre le persone con tipo 2 no.

Quasi tutti con narcolessia di tipo 1 ha bassi livelli della proteina ipocretina nel sistema nervoso. Questa proteina aiuta a regolare i cicli del sonno e favorire la veglia. In alcune persone, dall’80 al 90 percento dei neuroni che producono questa proteina vengono persi. Numerosi fattori possono contribuire a livelli anormali di questa proteina, tra cui:

  • condizioni autoimmuni
  • storia familiare e fattori genetici
  • lesioni cerebrali

La causa della narcolessia di tipo 2 è ancora in gran parte sconosciuta.

L’apnea notturna può portare alla narcolessia o viceversa?

I ricercatori stanno ancora studiando il legame tra narcolessia e apnea notturna. Tuttavia, sembra che le persone con narcolessia possano avere maggiori probabilità di avere apnea ostruttiva del sonno rispetto alle persone senza narcolessia.

Studi hanno trovato un’associazione tra narcolessia e un aumento dell’indice di massa corporea (BMI). Allo stesso modo, ricerca ha trovato una correlazione positiva tra obesità e apnea ostruttiva del sonno. Un BMI di 30 o superiore è considerato un indice di obesità, mentre un BMI inferiore a 25 è considerato un peso moderato.

Studi pubblicato tra il 2000 e il 2013 ha rilevato che la prevalenza dell’apnea ostruttiva del sonno nelle persone con narcolessia varia dal 2 al 68%. L’ampia discrepanza è in gran parte dovuta alle piccole dimensioni del campione e alle diverse definizioni di apnea ostruttiva del sonno.

In un studio 2019i ricercatori hanno scoperto che in un gruppo di 141 persone affette da narcolessia:

  • 26 persone avevano il tipo 1
  • Il 65% delle persone con tipo 1 ha avuto apnea ostruttiva del sonno (17 su 26)
  • 115 persone avevano il tipo 2
  • Il 34% delle persone con tipo 2 ha avuto apnea ostruttiva del sonno (39 su 115)

In un Studio 2018i ricercatori hanno scoperto che l’apnea ostruttiva del sonno era la condizione medica più comune osservata in 68 persone con narcolessia nella contea di Olmsted, nel Minnesota.

Non è stato riscontrato che le persone con apnea notturna abbiano tassi più elevati di narcolessia.

Puoi avere sia la narcolessia che l’apnea notturna?

È possibile avere contemporaneamente narcolessia e apnea notturna. Avere entrambe le condizioni insieme può rendere la diagnosi più difficile.

Un’altra condizione può causare la mia stanchezza durante il giorno?

Molte altre condizioni possono causare stanchezza durante il giorno. Alcune di queste cause includono:

  • privazione del sonno
  • farmaci come:
    • sedativi
    • beta-bloccanti
    • antistaminici
    • anticonvulsivanti
    • antidepressivi
    • oppioidi
  • ipotiroidismo
  • insonnia
  • minzione notturna frequente
  • depressione
  • ansia
  • malnutrizione
  • lesioni cerebrali
  • altri disturbi del sonno come la sindrome delle gambe senza riposo
  • condizioni neurologiche ad esempio:

    • Morbo di Parkinson e parkinsonismo

    • colpo
    • distrofia miotonica
    • sclerosi multipla
    • tumori al cervello

Trattare le due condizioni

Continua a leggere per conoscere le opzioni di trattamento per l’apnea notturna e la narcolessia.

Apnea notturna

Il trattamento dell’apnea notturna si concentra sul miglioramento del flusso d’aria durante il sonno e sulla gestione delle condizioni sottostanti. Può includere:

  • perdita di peso
  • terapia a pressione positiva continua delle vie aeree (CPAP).
  • terapia a pressione positiva bilivello delle vie aeree (BiPAP).
  • dormendo dalla tua parte
  • apparecchi dentali
  • chirurgia

    • per ridurre l’ostruzione delle vie aeree superiori
    • impiantare un dispositivo simile a un pacemaker per stimolare i nervi specifici che vanno alla lingua
  • gestione delle condizioni mediche di base

Scopri qui i rimedi casalinghi per l’apnea notturna.

Narcolessia

La narcolessia viene trattata con cambiamenti nello stile di vita e farmaci.

Le abitudini di vita includono:

  • facendo brevi sonnellini
  • mantenere un programma di sonno regolare
  • evitando alcol o caffeina soprattutto prima di coricarsi
  • evitando di fumare
  • esercizio quotidiano
  • evitando pasti abbondanti prima di coricarsi
  • fare attività rilassanti prima di andare a letto

Farmaci includere:

  • modafinil
  • stimolanti simili alle anfetamine
  • pitolisant (Wakix)
  • solriamfetolo (Sunosi)
  • antidepressivi
  • sodio oxibato

Come li diagnosticano i medici?

La diagnosi di narcolessia o apnea notturna inizia con la visita del medico di base. Ti daranno un esame fisico e rivedranno la tua storia medica. Se sospettano un disturbo del sonno, possono indirizzarti a uno specialista per ulteriori test.

Il gold standard per diagnosticare l’apnea ostruttiva del sonno è la polisonnografia. Durante il test dormirai al centro del sonno o in ospedale, dove verranno misurati:

  • cambiamenti nei livelli di ossigeno nel sangue, misurati mediante pulsossimetria
  • il flusso d’aria davanti al naso e alla bocca
  • lo sforzo di respirare
  • onde cerebrali, misurate da un elettroencefalogramma (EEG)
  • movimento degli occhi, misurato da un elettrooculogramma (EOM)
  • la frequenza cardiaca e il ritmo, misurati da un elettrocardiogramma (ECG)
  • attività muscolare, misurata da un elettromiografo (EMG)

La polisonnografia viene anche utilizzata per diagnosticare la narcolessia. Un altro test utilizzato per diagnosticare la narcolessia è un test di latenza del sonno multiplo, che misura quanto tempo ci vuole per addormentarsi. In alcuni casi, un medico può prelevare un campione di ipocretina dal liquido cerebrospinale utilizzando a colpetto spinale.

Ulteriori informazioni sui test utilizzati per diagnosticare la narcolessia.

Ulteriori informazioni sui test utilizzati per diagnosticare l’apnea notturna.

Quando vedere un medico

È importante visitare un operatore sanitario se sospetti di avere un disturbo del sonno per una diagnosi e un trattamento adeguati.

La narcolessia non è considerata mortale, ma gli attacchi di sonno possono potenzialmente portare a incidenti e lesioni letali. L’apnea notturna è collegata a diverse condizioni pericolose per la vita.

Porta via

La narcolessia e l’apnea notturna sono due disturbi del sonno caratterizzati da eccessiva sonnolenza diurna. I sintomi tra le due condizioni variano ampiamente. La narcolessia è caratterizzata da attacchi di sonno improvvisi che possono verificarsi in qualsiasi momento. L’apnea notturna è caratterizzata da interruzioni della respirazione durante il sonno.

È importante visitare un medico se pensi di avere una delle due condizioni. Un medico può aiutarti a ridurre le possibilità di complicazioni.