Home Notizia Mondo Perché il vaccino AstraZeneca è collegato a rari coaguli di sangue: Nuovo…

Perché il vaccino AstraZeneca è collegato a rari coaguli di sangue: Nuovo…

0
27

Sebbene rari, alcune persone hanno sviluppato coaguli di sangue dopo aver ricevuto un vaccino COVID-19 a base di adenovirus. Fotoritocco di Steve Kelly; Insight Imaging/Getty Images
  • Finora gli operatori sanitari hanno somministrato oltre 11 miliardi di dosi di vaccino contro il COVID-19 a livello globale.
  • Tuttavia, ci sono state segnalazioni di un basso rischio di complicanze della coagulazione del sangue legate ai vaccini COVID-19 a base di adenovirus.
  • Uno studio recente offre una possibile spiegazione del motivo per cui questo accade in alcune persone.
  • La ricerca ha scoperto che la carica elettrica dell’adenovirus promuove l’adesione delle proteine ​​​​a base di sangue associate alla coagulazione del sangue.

I vaccini forniscono un’eccellente immunità contro la grave infezione da SARS-CoV-2, il virus responsabile della pandemia di COVID-19. Gli studi hanno dimostrato che i vaccini può ridurre rischio di ospedalizzazione e morte di oltre il 99% e fino al 71,6% contro l’infezione con la variante Omicron.

Esistono tre tipi principali di vaccini COVID-19 attualmente ampiamente utilizzati:

  • Vaccini mRNA: utilizzano l’RNA messaggero prodotto in laboratorio per insegnare alle cellule immunitarie del corpo a produrre una proteina che attiva la risposta immunitaria del corpo.

  • Vaccini vettoriali virali: questi vaccini utilizzano un virus innocuo chiamato “virus vettoriale”, che viene modificato per fornire istruzioni alle cellule immunitarie in modo che producano anticorpi per combattere l’infezione.

  • Vaccini virali inattivati: contengono una versione morta di un virus che non può replicarsi ma può innescare il sistema immunitario del corpo per creare anticorpi per proteggersi dal virus vivo se dovesse invadere.

I due principali vaccini vettoriali virali in uso sono ChAdOx1, sviluppato dalla Oxford University-AstraZeneca, e Ad26.COV2.S, sviluppato da Johnson & Johnson (J&J). Entrambi i vaccini usano adenovirus come virus vettori per attivare una risposta immunitaria contro SARS-CoV-2.

Nonostante il loro successo, i vaccini a base di adenovirus sono stati collegati a a piccolo numero di persone che hanno avuto trombosi con trombocitopenia (TTS), un disturbo della coagulazione del sangue potenzialmente pericoloso per la vita.

Un recente studio condotto da scienziati dell’Arizona State University e della Mayo Clinic, pubblicato sulla rivista La scienza avanza, far luce sui possibili meccanismi. Gli autori hanno anche dettagliato l’interazione tra il vaccino AstraZeneca e la proteina immagazzinata all’interno delle piastrine del sangue chiamate fattore piastrinico (PF4). PF4 viene rilasciato quando vengono attivate le piastrine.

Il rischio di complicanze della coagulazione del sangue

Il disturbo della coagulazione del sangue TTS è una condizione molto rara.

Una recente recensione del Comitato consultivo globale sulla sicurezza dei vaccini (GACVS) per l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha riferito che 1 adulto su 250.000 nel Regno Unito e circa 1 adulto su 100.000 vaccinati nell’Unione Europea (UE) ha sviluppato TTS.

Secondo un set di dati, circa il 63,8% della popolazione mondiale ha ricevuto 1 dose di vaccino contro il COVID-19, pari a oltre 11,04 miliardi di dosi a livello globale. Studi e dati del mondo reale hanno dimostrato che il rischio di morte con oa causa di COVID-19 è inferiore del 93,4% nelle persone vaccinate (3 dosi).

Nonostante la bassa incidenza di TTS, la vaccinazione di massa ha portato alcune persone a sviluppare la condizione. Gli scienziati non capiscono il meccanismo esatto alla base della TTS.

Tuttavia, pensano che la vaccinazione con un adenovirus causi fattore piastrinico 4 (PF4), una proteina nel sangue, a cui legarsi l’adenovirus, formando un complesso. Le piastrine sono i minuscoli globuli che aiutano il corpo a formare coaguli per fermare l’emorragia. Si formano alcune persone anticorpi contro questo complesso antigene-PF4, che provoca l’aggregazione delle piastrine, aumentando il rischio di coaguli di sangue.

Modelli al computer e prove di laboratorio

Per studiare i coaguli di sangue associati al vaccino Oxford-AstraZeneca COVID-19, i ricercatori hanno utilizzato modelli computerizzati all’avanguardia per capire come il jab a base di adenovirus interagiva con le proteine ​​del corpo umano.

Il team ha iniziato definendo la struttura del vettore virale AstraZeneca prima di utilizzare la modellazione computazionale Atomic Resolution Brownian Dynamics (ARBD) per dimostrare l’interazione elettrostatica tra la particella del vaccino e PF4.

Il team ha scoperto che PF4 formava complessi stabili con gli adenovirus. Hanno scoperto che la carica negativa della particella del vaccino attirava la carica positiva della proteina PF4.

Come possibile soluzione per combattere questo problema, gli scienziati hanno aggiunto alle simulazioni l’eparina, un farmaco usato per fermare la coagulazione del sangue. Hanno visto che impediva al PF4 di attaccarsi alla particella del vaccino.

I ricercatori hanno quindi condotto esperimenti cellulari per confermare i risultati della modellazione ARBD.

Alla domanda se lo stesso meccanismo di coagulazione potrebbe essere responsabile delle complicazioni associate al vaccino a base di adenovirus J&J, il primo autore del manoscritto, il dottor Alexander Baker ha risposto:

“Penso che sia un po’ presto per dire che questo è il principale/unico driver. Detto questo, sì, abbiamo dimostrato che il capside di tipo 26 dell’adenovirus (J&J) può anche legarsi a PF4 con un’affinità simile”.

Cosa significa questo per il futuro

Il co-responsabile dello studio, il dottor Abhishek Singharoy, assistente professore presso la School of Molecular Sciences dell’Arizona State University, ha affermato: “È davvero fondamentale studiare a fondo le interazioni vettore-ospite del vaccino a livello meccanicistico…[T]la sua aiuterà a capire sia come il vaccino genera l’immunità, sia come può portare a eventi avversi rari, come [vaccine-induced immune thrombotic thrombocytopenia] VITT.”

Tuttavia, rimangono alcune domande importanti:

  • Perché la TTS si verifica in un numero così piccolo di persone vaccinate?
  • Questi risultati significano che gli scienziati possono riprogettare il vaccino per prevenire la TTS?
  • Gli scienziati possono ridurre la carica negativa della particella del vaccino?
  • Clinicamente, possiamo prevedere quali persone sono a più alto rischio di TTS e possiamo sviluppare vaccini modificati alternativi per prevenire la formazione di coaguli per questi individui ad alto rischio?

Nonostante queste domande, il Dr. Raghav Palankar, ricercatore presso l’Istituto di Immunologia e Medicina Trasfusionale in Germania, ha definito la ricerca “Piuttosto a scoperta fondamentale rivoluzionaria con significative implicazioni traslazionali”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here