Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Morbo di Parkinson: riconoscere i sintomi

Morbo di Parkinson: riconoscere i sintomi

0
8

Il Parkinson è una malattia neurologica progressiva. Le persone con Parkinson sperimentano vari sintomi fisici, cognitivi e psicologici. Spesso, i primi sintomi del Parkinson sono così sottili che la malattia passa inosservata per anni. Man mano che la malattia progredisce, la mancanza di capacità motorie diventa più evidente. Questo è seguito da disturbi cognitivi, inclusi problemi nel seguire le indicazioni e perdita di pensiero.

Sintomi pre-motori

I medici cercano prove precoci di sintomi non motori o pre-motori molto prima che compaiano i sintomi motori. Secondo il neurologo Dr. Lawrence Severt, i seguenti sintomi non motori possono essere i primi indicatori del Parkinson:

  • un senso dell’olfatto diminuito
  • una lunga storia di stitichezza
  • Disturbo comportamentale del sonno REM
  • una storia di ansia e depressione

Altri sintomi non motori possono includere:

  • parlando a bassa voce
  • cambiamenti nel discorso
  • difficoltà a trovare le parole
  • bassa pressione sanguigna quando si è in piedi
  • dolorosi crampi ai piedi
  • cambiamenti nella personalità
  • problemi con la pelle
  • sbavando
  • aumento della sudorazione
  • aumento dell’urgenza della minzione
  • aumento della frequenza di minzione
  • disfunzione erettile

Sintomi motori

La malattia di Parkinson è principalmente un disturbo del movimento. Riduce la quantità di dopamina nel cervello. Le cellule nervose usano la dopamina per inviare messaggi che controllano il movimento muscolare. Un cervello a basso contenuto di dopamina ha meno controllo sulla funzione muscolare. Questa mancanza di controllo porta a sintomi motori che influenzano il movimento.

I quattro principali sintomi motori includono:

  • tremore
  • rigidità muscolare
  • bradicinesia (movimento lento)
  • scarso equilibrio o postura che possono influire sulla deambulazione

Non tutti avranno tutti i principali sintomi motori. Sintomi simili sono comuni anche in altri disturbi neurologici.

I sintomi motori possono iniziare inizialmente su un solo lato del corpo e progredire su entrambi i lati con il peggioramento della malattia. Ulteriori sintomi motori possono includere quanto segue:

  • perdita di movimenti automatici, come sorridere e sbattere le palpebre
  • Volto “mascherato” o mancanza di espressione
  • andatura strascicata
  • problemi che si alzano da una posizione seduta
  • difficoltà a deglutire o mangiare
  • postura curva
  • equilibrio alterato
  • diminuzione dell’oscillazione del braccio durante la deambulazione
  • piccola grafia
  • congelando o camminando a piccoli passi veloci
  • difficoltà a muoversi o girarsi nel letto
  • attività quotidiane rallentate
  • rimanere nella stessa posizione per lunghi periodi

Inoltre, molti sintomi motori del Parkinson sono associati alla vista. Questi sintomi si riferiscono ai movimenti muscolari del bulbo oculare. I sintomi relativi alla vista includono:

  • difficoltà a concentrarsi
  • problemi ad aprire gli occhi
  • visione offuscata
  • affaticamento degli occhi
  • occhio secco cronico
  • spasmi palpebrali
  • lampeggiamento eccessivo

Sintomi cognitivi

Oltre ai cambiamenti della vista, le persone con Parkinson hanno spesso disturbi cognitivi significativi. A volte questi cambiamenti interferiscono con il pensiero. I sintomi comuni includono problemi di memoria e difficoltà a prestare attenzione o risolvere problemi. Alcuni di questi cambiamenti possono essere meno evidenti perché si verificano gradualmente.

I sintomi cognitivi sono generalmente più evidenti nelle fasi successive della malattia. Se vengono scoperti presto, sono generalmente limitati a domini specifici della funzione cerebrale. Ecco alcuni esempi di domini specifici influenzati dalla diminuzione della dopamina:

  • Funzioni esecutive: Le persone con Parkinson possono avere difficoltà a fare progetti o a raggiungere obiettivi. Potrebbe anche essere più difficile per loro prevedere le conseguenze delle loro azioni.
  • Pensiero rallentato: Le tipiche attività quotidiane sono impegnative per le persone con Parkinson. I problemi sono più difficili da risolvere e seguire le indicazioni è più difficile. Le persone con Parkinson a volte hanno anche difficoltà ad accedere a parole specifiche.
  • Memoria alterata: Quelli con Parkinson hanno spesso difficoltà a ricordare, archiviare e accedere alle informazioni.
  • Difficoltà a prestare attenzione: Le persone con Parkinson spesso trovano difficile seguire scenari complessi. Ad esempio, potrebbero avere difficoltà a comprendere una conversazione tra più persone.
  • Comprensione alterata delle relazioni spaziali: Il Parkinson può compromettere la capacità delle persone di determinare dove si trovano nello spazio in relazione a tutto il resto. Tale menomazione può influire sulla loro capacità di guidare un veicolo in movimento.

Non è raro che i sintomi cognitivi includano elementi di demenza, confusione, depressione, ansia e persino allucinazioni.

Fasi della malattia di Parkinson

La malattia di Parkinson è classificata in cinque fasi. Ma ognuno progredisce attraverso la malattia in modo diverso e a velocità diverse. Ciò è particolarmente vero poiché i progressi nel trattamento ne rallentano il corso. Questi trattamenti includono farmaci, interventi chirurgici e cambiamenti nello stile di vita.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here