Home Notizia Mondo La mancanza di esercizio fisico nel tempo libero può aumentare il rischio...

La mancanza di esercizio fisico nel tempo libero può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari…

0
25

Una donna e un uomo che boxano in una palestra
La ricerca ha collegato la mancanza di esercizio fisico a un rischio più elevato di morte cardiovascolare. Thomas Barwick/Getty Images
  • I ricercatori del Massachusetts General Hospital hanno condotto uno studio sulle morti cardiovascolari e hanno scoperto che la mancanza di esercizio fisico durante il tempo libero aumenta il rischio di morte.
  • Gli scienziati hanno appreso che i decessi per malattie cardiovascolari colpiscono in modo sproporzionato due gruppi di persone.
  • I ricercatori ritengono che i funzionari della sanità pubblica debbano attuare misure a livello comunitario per ridurre il rischio.

I decessi legati alle malattie cardiovascolari sono diminuiti negli Stati Uniti negli ultimi due decenni. Secondo l’American College of Cardiology, dal 1999 al 2020, i decessi complessivi per attacco cardiaco, adeguati all’età, sono scesi da 87 decessi ogni 100.000 persone a circa 38 decessi ogni 100.000 persone.

Nonostante questo calo, ci sono ancora molti decessi legati a malattie cardiovascolari negli Stati Uniti e i ricercatori guidati dal dottor Shady Abohashem, ricercatore presso il Massachusetts General Hospital di Boston, hanno analizzato i dati a livello di contea per vedere quali sono i punti in comune delle persone morte per malattie cardiache. condividere.

Hanno scoperto che la mancanza di attività fisica durante il tempo libero aumenta notevolmente il rischio di morire di malattie cardiache. Inoltre, i ricercatori hanno anche scoperto che le donne di mezza età e gli anziani neri corrono un rischio più elevato.

Sulla base dei risultati dello studio, i ricercatori hanno approvato il Centro per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) Iniziativa Persone Sane 2030 e credono che le informazioni possano aiutare a informare i fornitori su come raggiungere le persone per ridurre la percentuale di persone che non fanno attività fisica durante il tempo libero.

Lo studio appare in Giornale britannico di medicina dello sport.

Analizzare i dati di milioni di persone

I decessi legati a malattie cardiache sono i principale causa di morte tra gli adulti negli Stati Uniti, mettendo i decessi per questo motivo al di sopra dei decessi dovuti a cancro o COVID-19.

Anche con la riduzione del tasso di mortalità per malattie cardiovascolari, continuano a mietere quasi 700.000 vittime all’anno, rendendo necessario che gli scienziati continuino a lavorare su come raggiungere al meglio le persone in termini di prevenzione e salute pubblica.

I ricercatori del Massachusetts General Hospital hanno approfondito i dati forniti dal CDC per analizzare quali popolazioni corrono un rischio più elevato di morte correlata a cause cardiovascolari e le possibili ragioni alla base di ciò.

IL LUOGHI della banca dati CDC fornisce dati sanitari a livello di contea in tutto il paese. Secondo il sito web PLACES, ciò consente ai funzionari locali di “comprendere meglio l’onere e la distribuzione geografica delle misure sanitarie nelle loro aree e assisterli nella pianificazione degli interventi di sanità pubblica”.

Accedendo ai dati PLACES, i ricercatori hanno esaminato i dati di quasi 310 milioni di residenti negli Stati Uniti in 2900 contee. Hanno appreso che circa 7 milioni di queste persone sono morte a causa di malattie cardiovascolari dal 2011 al 2019.

I ricercatori hanno poi compilato i dati relativi al livello di partecipazione alle attività del tempo libero riportate a livello di contea e le informazioni demografiche a livello di contea, come età, sesso e razza. Inoltre, gli scienziati hanno esaminato dove vivevano i residenti, ad esempio se vivevano in un’area rurale o urbana.

Un altro aspetto considerato dai ricercatori era la qualità dell’aria nelle aree in cui vivevano i residenti, se le loro comunità avevano accesso a strutture sportive, tassi di criminalità violenta, accesso all’assistenza sanitaria e status socioeconomico.

I fattori socio-ambientali preoccupano le persone che non fanno attività fisica

Il gruppo di ricerca ha innanzitutto stabilito che le contee con un numero più elevato di persone che non praticavano attività fisica durante il tempo libero avevano tassi di morte cardiovascolare più elevati.

Utilizzando l’analisi dei dati PLACES, i ricercatori hanno scoperto che i fattori socioeconomici, ambientali e clinici rappresentavano fino al 65% della variazione dei tassi di attività fisica nel tempo libero tra le contee.

Dando uno sguardo più approfondito a questi numeri, i fattori socio-ambientali – come vivere in aree con alti livelli di inquinamento e criminalità, disuguaglianza di reddito e risiedere in aree rurali – rappresentano il 47% della variazione a livello di contea nella popolazione che non svolgevano attività fisica durante il tempo libero.

Anche i fattori comportamentali e l’accesso all’assistenza sanitaria hanno rappresentato una percentuale significativa della variazione nell’attività fisica nel tempo libero tra le contee, rappresentando rispettivamente il 25% e il 22%.

I ricercatori hanno anche scoperto che due gruppi di persone sono più colpiti di altri: le donne di mezza età (dai 45 ai 64 anni) e gli anziani neri (dai 65 anni in su).

I risultati dello studio sottolineano il motivo per cui i funzionari della sanità pubblica e gli operatori sanitari devono implementare più strategie a livello di contea.

Ha parlato con l’autore dello studio, il dottor Shady Abohashem Notizie mediche oggi sui risultati e hanno sottolineato l’importanza di comprendere le norme culturali quando si lavora per migliorare le attività del tempo libero all’interno della comunità.

“Un adattamento culturale efficace negli interventi sanitari richiede il coinvolgimento attivo della comunità e la comprensione delle norme culturali locali”, ha spiegato il dottor Abohashem. “Gli operatori sanitari possono favorire tutto questo collaborando con i leader della comunità e incorporando pratiche culturalmente rilevanti nei programmi di attività fisica, assicurando che siano in sintonia e accessibili a popolazioni diverse”.

Il dottor Abohashem ha anche suggerito che gli operatori sanitari “investano nella formazione e nell’istruzione per sé stessi e per il proprio personale per comprendere e rispettare meglio i diversi background delle comunità che servono”.

Perché le donne e le persone di colore hanno un rischio cardiovascolare più elevato

Il dottor Cheng-Han Chen, cardiologo interventista certificato e direttore medico dello Structural Heart Program presso il MemorialCare Saddleback Medical Center di Laguna Hills, California, ha parlato con MNT sullo studio.

Ha discusso alcune delle barriere che potrebbero impedire alle persone di impegnarsi in attività fisica.

Il dottor Chen afferma che queste barriere “sono particolarmente diffuse nelle comunità svantaggiate e includono la mancanza di infrastrutture ricreative (come i parchi), la mancanza di un’adeguata assistenza all’infanzia per avere tempo per l’esercizio fisico e orari di lavoro più irregolari”.

Alla domanda sul perché vivere in contee con tassi più bassi di attività fisica avesse un impatto maggiore sulle donne di mezza età, la dottoressa Chen ha suggerito che ciò potrebbe essere attribuito alle “responsabilità di assistenza”.

Per quanto riguarda la vita in contee con tassi più elevati di mancanza di attività fisica, ciò ha avuto un impatto sproporzionato sul numero di decessi aggiuntivi annuali dovuti a mortalità cardiovascolare tra gli anziani neri, il dottor Chen ha affermato: “Non è chiaro il motivo per cui la specifica demografia degli anziani neri è ad aumentato rischio di mortalità cardiovascolare da [living in counties that] la mancanza di attività fisica, ma sospetto che possa essere correlato a una maggiore prevalenza di fattori di rischio cardiovascolare”.

Responsabilità familiari e razzismo

Anche il dottor Rigved Tadwalkar, cardiologo certificato presso il Providence Saint John’s Health Center di Santa Monica, in California, ha parlato con MNTdiscutendo le ragioni per cui le donne di mezza età e gli anziani neri potrebbero essere a rischio più elevato.

“Esaminando i risultati dello studio sull’aumento del rischio cardiovascolare tra le donne di mezza età e gli anziani di colore, trovo che questi risultati siano preoccupanti e purtroppo attesi”, ha affermato il dottor Tadwalkar.

“Per le donne di mezza età, è importante riconoscere la moltitudine di sfide che devono affrontare”, ha osservato la dottoressa Tadwalkar. “Bilanciare lavoro e responsabilità familiari, affrontare i cambiamenti ormonali e far fronte a livelli di stress elevati creano un panorama complesso, [and] queste circostanze possono ostacolare in modo significativo la loro capacità di stabilire le priorità e di impegnarsi in un’attività fisica regolare.

Il dottor Tadwalkar ritiene che i problemi sistemici possano contribuire al rischio negli anziani di colore.

“La presenza di razzismo sistemico e di svantaggi socioeconomici contribuisce alle disuguaglianze sanitarie all’interno delle comunità nere”, ha sottolineato il dottor Tadwalkar. “L’accesso limitato all’assistenza sanitaria, la mancanza di opzioni alimentari sane e l’insufficienza di spazi sicuri per l’attività fisica sono i problemi prevalenti”.