Home Notizia Mondo Il litio può proteggere dalla demenza?

Il litio può proteggere dalla demenza?

0
34

Secondo uno studio recente, il litio può proteggere dalla demenza in via di sviluppo più avanti nella vita. Jasmin Merdan/Getty Images
  • Un nuovo studio conclude che l’esposizione al litio potrebbe ridurre il rischio di demenza nelle persone di età superiore ai 50 anni.
  • Precedenti studi hanno dimostrato che il litio interrompe la produzione di proteine ​​nel cervello associate al morbo di Alzheimer.
  • Lo studio di coorte retrospettivo ha anche dimostrato che le persone con problemi di salute mentale a cui era stato prescritto il litio avevano un rischio inferiore di sviluppare demenza.

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), i casi di demenza sono in aumento 10 milioni ogni anno, a livello globale. Ciò è dovuto in parte all’invecchiamento della popolazione perché il rischio di sviluppare demenza aumenta con l’età.

Con questo aumento arriva un alto costo sanitario e dell’assistenza sociale. In effetti, gli scienziati ritengono che ritardare l’insorgenza della demenza di soli 5 anni potrebbe ridurne la prevalenza e l’impatto economico fino al 40%.

Le cause della demenza sono sia ambientali che genetiche e ci sono una serie di fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare la demenza.

Mentre alcune ricerche hanno dimostrato che le persone con disturbo affettivo bipolare hanno un rischio maggiore di sviluppare demenza, uno studio recente fornisce una nuova prospettiva interessante.

Lo studio di coorte retrospettivo ha rilevato che le persone che erano state esposte al litio, un farmaco che a volte viene prescritto a persone con disturbo affettivo bipolare e disturbo depressivo maggiore, avevano meno probabilità di sviluppare demenza.

I risultati della ricerca appaiono sulla rivista PLOS Medicina.

Il dottor Christopher Weber, direttore delle iniziative scientifiche globali presso l’Alzheimer’s Association, che non è stato coinvolto nello studio, ha detto Notizie mediche oggi:

“[O]In generale, quando ho guardato il documento, ero molto interessato ed entusiasta perché stiamo cercando nuovi modi per capire e potenzialmente trattare, rallentare e prevenire la demenza. E questa è solo un’altra strada che gli scienziati stanno guardando […] per ridurre il rischio di demenza”.

Un seguito di 15 anni

Per indagare, i ricercatori dell’Università di Cambridge nel Regno Unito hanno avuto accesso alle cartelle cliniche elettroniche. Li hanno ottenuti dai servizi di salute mentale secondari a Cambridge e dal Peterborough National Health Service (NHS) Foundation Trust.

Hanno confrontato i record di 548 persone a cui era stato prescritto il litio con 29.070 persone che non avevano assunto il farmaco.

Nessuno dei partecipanti presentava demenza al basale e tutti avevano un’età pari o superiore a 50 anni. La loro età media era di 73,9 anni.

Le cartelle cliniche hanno fornito informazioni su peso dei partecipanti, BMI, etnia, diabete, malattie cardiovascolari, fumo, stato civile e altri fattori che potrebbero influenzare l’analisi.

Quasi tre quarti delle persone a cui è stato prescritto il litio avevano un disturbo affettivo bipolare.

I partecipanti che avevano assunto il litio sono stati seguiti per una media di 4,8 anni (1–14,9 anni) e al 9,7% dei partecipanti è stata diagnosticata la demenza durante questo periodo. Ciò includeva il 6,8% con malattia di Alzheimer e il 2,6% con demenza vascolare.

Coloro che non avevano assunto il litio sono stati seguiti per una media di 4,3 anni (1–14,9 anni). In questo gruppo, l’11,2% ha sviluppato demenza, di cui l’8,1% con malattia di Alzheimer e il 2,6% con demenza vascolare.

Sebbene lo studio fosse piccolo, anche tenendo conto di altri fattori, gli autori hanno concluso che l’uso del litio ha comportato una riduzione del 44% del rischio di demenza.

L’effetto è stato più pronunciato nelle persone che avevano assunto il litio per meno di 1 anno o per più di 5 anni.

MNT ha parlato con il Prof. Rob Howard, professore di psichiatria della vecchiaia presso l’University College di Londra che non è stato coinvolto nella ricerca. Egli ha detto:

“C’è un enzima chiamato glicogeno sintasi chinasi, o GSK3, che è coinvolto nella fosforilazione anormale della proteina tau, che crea grovigli nel morbo di Alzheimer. E il litio è un potente inibitore di quell’enzima. [..] Questo non è il primo studio ad aver mostrato il legame tra l’uso di litio e la riduzione del rischio potenziale”.

Fattori limitanti

Gli autori avvertono che, sebbene i risultati siano stati sorprendenti, non sono necessariamente generalizzabili alla popolazione più ampia. La ragione principale di ciò è il numero relativamente piccolo di persone che stavano assumendo il litio.

Chiedono agli scienziati di condurre studi simili in popolazioni più ampie e diversificate.

Nuove tecniche diagnostiche potrebbero aiutare a identificare le persone nelle primissime fasi della demenza, ha affermato il Prof. Howard. Questo potrebbe essere utilizzato per identificare le persone per studi futuri per indagare se il litio potrebbe ritardare l’insorgenza della demenza.

Crede che i prossimi passi dovrebbero includere “una sperimentazione sull’Alzheimer molto precoce e molto lieve, solo per vedere se è possibile mostrare qualche effetto nel rallentare la progressione della malattia in un paio d’anni”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here