Home Notizia Mondo Donne e cancro ai polmoni: le linee guida per lo screening dovrebbero...

Donne e cancro ai polmoni: le linee guida per lo screening dovrebbero cambiare?

0
37

Una recente revisione esamina il rischio di cancro ai polmoni nelle donne. SDI Productions/Getty Images
  • I ricercatori hanno recentemente pubblicato una recensione che evidenzia le possibili ragioni per cui i tassi di cancro ai polmoni tra le donne sono rimasti più alti negli ultimi decenni rispetto a quelli tra gli uomini.
  • Vari fattori, tra cui l’esposizione al radon, il fumo passivo e la cucina al chiuso, possono spiegare questa tendenza.
  • I ricercatori affermano che sono necessarie ulteriori ricerche per comprendere i fattori di rischio per il cancro ai polmoni tra le donne e che le organizzazioni dovrebbero tenerne conto quando aggiornano le linee guida di screening.

Alcuni decenni fa, la maggior parte dei casi di cancro ai polmoni si è verificata tra gli uomini che fumavano. Al giorno d’oggi, tuttavia, le donne hanno maggiori probabilità di ricevere una diagnosi di cancro ai polmoni rispetto agli uomini, anche se non fumano.

Le ragioni alla base di questi tassi più elevati di cancro ai polmoni tra le donne sono sconosciute. Possibile fattori di rischio includono l’esposizione al radon, ai fumi di cottura al chiuso, alle differenze genetiche e al fumo passivo.

Anche se le donne tendono ad avere risultati migliori da cancro ai polmoni rispetto agli uomini, i tassi più elevati tra le donne evidenziano la necessità di ulteriori ricerche sui fattori di rischio.

Recentemente, i ricercatori della Stanford University, in California, e dell’Università della California di San Francisco, hanno pubblicato un articolo che riassume i potenziali fattori di rischio di cancro ai polmoni tra le donne. Hanno anche esaminato i modelli di screening e diagnosi e gli esiti clinici.

I ricercatori hanno riscontrato diverse differenze tra uomini e donne, tra cui lo sviluppo del cancro ai polmoni, il suo processo di screening, i suoi risultati e gli effetti collaterali del trattamento.

Sperano che altri ricercatori e clinici presteranno attenzione a queste differenze per migliorare l’assistenza ai pazienti poiché i tassi di cancro ai polmoni tra le donne rimangono relativamente alti a livello globale.

“Questo è un eccellente articolo di revisione che descrive alcune delle note differenze basate sul sesso nell’epidemiologia del cancro ai polmoni e nella tollerabilità del trattamento”, ha detto la dott.ssa Andrea McKee, portavoce dell’American Lung Association Notizie mediche oggi.

“I risultati non sono sorprendenti per me, ma ritengo che saranno sorprendenti per il pubblico in generale, in particolare la maggiore associazione tra HPV e cancro ai polmoni nelle donne”.

La recensione compare nel Revisione respiratoria europea.

Fattori di rischio oltre al fumo

Sebbene ci sia stato un aumento del cancro ai polmoni tra le persone che non hanno mai fumato, la maggior parte delle persone con cancro ai polmoni ha una storia di consumo di tabacco.

Nel complesso, i tassi di cancro ai polmoni negli Stati Uniti sono diminuiti da Da 67 a 43,2 casi ogni 100.000 negli ultimi 2 decenni, ma il tasso di declino è stato più lento per le donne rispetto agli uomini. Le ragioni di ciò rimangono sconosciute e gli studi dimostrano che le donne non sono più suscettibili rispetto agli uomini agli agenti cancerogeni nel fumo di tabacco.

Secondo il Agenzia per la protezione ambientale (EPA)il radon, un composto radioattivo presente nel suolo, nella roccia e nell’acqua, è la principale causa di cancro ai polmoni nei non fumatori e la seconda causa più comune dopo il consumo di tabacco.

Un’analisi di sette studi caso-controllo ha rilevato che un’elevata esposizione al radon in ambienti residenziali è correlata a un aumentato rischio di cancro ai polmoni.

Il fumo passivo è il terzo fattore di rischio più comune per lo sviluppo del cancro ai polmoni. Una meta-analisi di 37 studi ha rilevato che le donne che non fumano lo sono 24% più probabilità di sviluppare il cancro ai polmoni se il coniuge fuma piuttosto che se anche loro non lo fanno.

I fumi della cucina interna possono anche contribuire ai tassi di cancro ai polmoni tra le donne. Uno studio dall’Asia ha scoperto che le donne che cucinano con il carbone lo sono cinque volte più probabilità di sviluppare il cancro ai polmoni rispetto a coloro che non lo fanno.

Gli oli da cucina portano anche alla formazione di idrocarburi policiclici aromatici (IPA), noti agenti cancerogeni. Le donne che cucinano in aree con scarsa ventilazione possono avere una maggiore esposizione agli IPA.

Uno studio a Taiwan ha scoperto che tra le persone che non fumano, le donne hanno maggiori probabilità di avere un cancro ai polmoni HPV-positivo rispetto agli uomini.

Ricerca ha anche collegato mutazioni nei geni che influenzano la riparazione del DNA e mutazioni nel TP53 gene ad un aumentato rischio di cancro ai polmoni nelle donne. Il TP53 gene produce una proteina che impedisce la replicazione del DNA danneggiato e la divisione cellulare.

Anche i livelli di estrogeni potrebbero essere un fattore di rischio. Uno studio ha scoperto che le donne in premenopausa con cancro ai polmoni hanno sperimentato una malattia più avanzata rispetto alle donne in postmenopausa. Altro ricerca mostra che i recettori degli estrogeni sono sovraespressi in molti tumori polmonari.

Problemi di screening

Le attuali linee guida mondiali per lo screening del cancro del polmone richiedono una significativa storia di fumo. Escludono quindi la crescita dei casi di cancro ai polmoni tra le persone che non fumano.

Tuttavia, fino all’80,6% delle donne che ricevono una diagnosi di cancro ai polmoni non soddisfa i criteri di screening che la US Preventive Services Task Force (USPSTF) ha delineato nel 2013.

L’USPSTF ha aggiornato le sue linee guida nel 2021 per ridurre il limite inferiore dell’età di screening da 55 a 50 anni e la storia minima di fumo da 30 a 20 pack-year. Espandendo i criteri di screening, più donne e minoranze razziali saranno idonee allo screening tramite tomografia computerizzata a bassa densità (LDCT). Tuttavia, l’esclusione di una quota crescente della popolazione continuerà.

I ricercatori dietro l’attuale studio osservano, tuttavia, che lo screening LDCT dovrebbe aver luogo solo quando necessario a causa dei possibili effetti collaterali dell’esposizione alle radiazioni. Uno studio più vecchio del 2004 ha concluso che lo screening annuale per la metà di tutta la popolazione degli Stati Uniti di età compresa tra 50 e 75 anni che fuma o ha fumato porterebbe a circa 36.000 casi di cancro del polmone associato alle radiazioni.

I ricercatori concludono che le linee guida di screening dovrebbero essere ampliate per includere fattori di rischio oltre al consumo di tabacco e che i futuri studi clinici dovrebbero studiare le differenze basate sul sesso nel cancro del polmone.

Quando abbiamo chiesto come questa recensione potrebbe informare la ricerca futura e la salute pubblica, ha detto il dottor McKee MNT:

“Gli autori indicano che il 50-80% delle donne con diagnosi di cancro ai polmoni non sono eleggibili per lo screening polmonare con TC. [A recent publication] ha dimostrato il 56% dei tumori polmonari nelle donne [the] Chicago Race Eligibility for Screening Cohort Study (883 pazienti in totale nello studio) erano idonei per lo screening secondo le nuove linee guida USPSTF del 2021, che, per la maggior parte, sono state ora adottate dai Centers for Medicare & Medicaid Services (CMS).”

“Questo è un miglioramento rispetto alle linee guida del 2013, ma c’è chiaramente spazio per il miglioramento delle future politiche di salute pubblica per espandere le linee guida sull’idoneità allo screening a beneficio delle donne”, ha concluso.