Home Notizia Mondo Gli alimenti ricchi di flavonoli possono aiutare a ridurre il rischio di...

Gli alimenti ricchi di flavonoli possono aiutare a ridurre il rischio di malattie e aumentare la longevità

0
23

primo piano delle mani di una persona mentre prepara il cavolo riccio
Le diete ricche di alimenti che contengono una quantità elevata di composti naturali chiamati “flavonoli” sono associate a un minor rischio di morte e malattie. Credito immagine: Sergey Narevskih/Stocksy.
  • I flavonoli sono composti naturali presenti negli alimenti di origine vegetale come frutta, verdura e foglie di tè.
  • Un nuovo studio mostra che il consumo di una dieta ricca di flavonoli è associato a un minor rischio di mortalità per tutte le cause e al rischio di mortalità per alcune malattie croniche.
  • Gli esperti raccomandano di aumentare l’apporto di flavonoli attraverso una dieta sana e variata piuttosto che affidarsi agli integratori.

I flavonoli sono un tipo di flavonoidepotenti composti bioattivi presenti in quasi tutti gli alimenti a base vegetale.

Precedente ricerca suggerisce che una dieta ricca di flavonoidi può aiutare a mantenere vasi sanguigni sano, bilancia i livelli di colesterolo, riduce l’infiammazione e riduce il rischio di problemi cardiaci.

Potrebbero anche svolgere un ruolo nella prevenzione del cancro eliminando gli agenti cancerogeni dal corpo e impedendo alle cellule tumorali di crescere e diffondersi.

Ora, uno studio prospettico di coorte ha ulteriormente sottolineato i potenziali benefici di una dieta ricca di flavonoli nel ridurre il rischio di mortalità.

Il nuovo studio ha studiato l’associazione tra l’assunzione di flavonoli alimentari – isorhamnetin, kaempferolo, miricetina e quercetina – e il rischio di mortalità per tutte le cause e specifica per malattia negli adulti negli Stati Uniti.

I risultati sono pubblicati in Natura.

Analisi dell’assunzione di flavonoli e del rischio di mortalità

In questo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati sull’assunzione di flavonoli nella dieta provenienti da tre cicli dell’organismo Sondaggio nazionale sugli esami sulla salute e la nutrizione (NHANES) database, dal 2007 al 2019.

I partecipanti al NHANES potevano fornire informazioni riguardanti il ​​loro consumo di cibi e bevande per due periodi di 24 ore non consecutivi. Il presente studio ha escluso i partecipanti senza dati sull’assunzione di flavonoli nella dieta o con informazioni demografiche incomplete.

Un totale di 11.679 partecipanti, con un’età media di 47 anni, sono stati valutati per il loro apporto di flavonoli ed esaminati per il rischio di mortalità specifico per malattia e per tutte le cause.

I ricercatori hanno ottenuto dati sull’assunzione di flavonoli nella dieta dall’USDA Survey Food and Beverage Flavonoid Values, mentre hanno determinato quantità specifiche di flavonoli in ciascun alimento utilizzando l’USDA Nutrient Data Laboratory. Hanno poi utilizzato queste informazioni complete per calcolare l’assunzione giornaliera stimata di flavonoli da parte dei partecipanti.

Per analizzare il rischio di mortalità, i ricercatori hanno utilizzato il Indice nazionale di morte file e il set di dati sulla mortalità del Public Access Link 2019, che classifica la mortalità in base a cause specifiche, tra cui cancro, malattie cardiovascolari, diabete e morbo di Alzheimer.

Lo studio ha seguito i partecipanti dall’intervista iniziale fino alla morte o alla fine dello studio nel dicembre 2019, con un follow-up mediano di 7,8 anni.

I partecipanti sono stati divisi in sottogruppi in base a vari fattori sociodemografici – tra cui età, sesso e rapporto di povertà – e alla storia della malattia per valutare l’impatto dell’assunzione di flavonoli.

I ricercatori hanno utilizzato un modello di rischi concorrenti aggiustato per più fattori di confondimento per tenere conto dei rischi di mortalità concorrenti.

Chi ha maggiori probabilità di seguire una dieta ricca di flavonoli?

Lo studio ha rilevato che i gruppi sociodemografici con il più alto apporto totale di flavonoli erano:

  • maschi (55,84%)
  • più giovani (solo il 2,15% ha 80 anni o più)
  • bianchi non ispanici (74,6%)
  • sposato o convivente (67,95%)
  • individui con almeno il diploma di scuola superiore (86,84%)
  • coloro che vivono al di sopra della soglia di povertà (89,63%)
  • consumatori di alcol (92,80%)
  • individui con un indice di massa corporea (BMI) compreso tra 18,5 e 30,0 (63,50%).

Una parte significativa aveva una storia di diabete (72,50%), ipertensione (57,52%), iperlipidemia (26,58%) e patologie cardiache (95,60%–97,53%).

In particolare, ogni aumento di 10 anni dell’età era associato a un aumento significativo del rischio di mortalità. Anche un BMI inferiore a 18,5 o una storia di malattie erano significativamente associati a un rischio più elevato di mortalità per tutte le cause.

I dati suggeriscono che, nonostante il più alto apporto di flavonolo fosse prevalentemente tra i partecipanti bianchi maschi e non ispanici, il fatto di essere donne o messicano-americane era significativamente correlato a un minor rischio di mortalità per tutte le cause.

In che modo l’assunzione di flavonoli può influire sulla morte e sul rischio di malattia

Dopo l’adeguamento per fattori sanitari e sociodemografici, l’analisi ha rivelato associazioni significative tra l’assunzione totale e specifica di flavonoli e i rischi di mortalità per varie cause.

Il più alto apporto di flavonoli alimentari ha ridotto il rischio di mortalità correlata al cancro del 55%, la mortalità per malattie cardiovascolari del 33% e il rischio di morte per altre cause del 36%.

Risultati approfonditi hanno anche evidenziato flavonoli specifici, ciascuno dei quali contribuisce a riduzioni sostanziali dei rischi di mortalità per tutte le cause e per malattie specifiche.

Da notare che il più alto consumo di miricetina ha mostrato una sconcertante diminuzione del 66% del rischio di mortalità specifico per la malattia di Alzheimer.

I ricercatori non hanno osservato alcuna correlazione significativa tra l’assunzione di flavonoli nella dieta e il rischio di mortalità dovuto al diabete.

I risultati dello studio hanno anche rivelato che il consumo di flavonoli ha avuto un maggiore effetto protettivo contro la mortalità per tutte le cause negli individui di età superiore ai 40 anni rispetto agli individui più giovani.

Questi risultati suggeriscono che le diete ricche di flavonoli potrebbero ridurre significativamente il rischio di morte per cancro, malattie cardiache, morbo di Alzheimer e altre cause tra gli adulti statunitensi, in particolare nelle popolazioni mature o che invecchiano.

Quali sono i limiti e i punti salienti dello studio?

I risultati dello studio sull’assunzione di flavonoli e sulla mortalità sono limitati da un set di dati parziale del database NHANES e da una stima dell’assunzione di flavonoli che potrebbe non riflettere accuratamente il consumo durante il periodo di studio.

Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare i risultati, considerando ulteriori fattori dietetici come l’apporto calorico totale e l’utilizzo di integratori di micronutrienti, che potrebbero influenzare gli effetti dei flavonoli osservati.

Notizie mediche oggi hanno discusso questo studio con il dottor Thomas M. Holland, un medico-scienziato del RUSH Institute for Healthy Aging, Rush University System for Health, non coinvolto nello studio.

Egli ha detto: “[I]È un po’ difficile stabilire l’assunzione alimentare di flavonoidi da richiami di 24 ore invece che da questionari sulla frequenza alimentare che fornirebbero dati un po’ più robusti sulle tipiche abitudini o comportamenti di assunzione di cibo”.

Tuttavia, ha suggerito che i richiami di 24 ore forniscano dati adeguati e che il disegno dello studio e la dimensione del campione fossero punti di forza.

I benefici per la salute dei flavonoidi sono ben consolidati, ma questo studio è il primo a esplorare a fondo la relazione tra l’assunzione di flavonoli nella dieta e la mortalità causa-specifica negli esseri umani.

Quindi, anche se ha i suoi limiti, ha spiegato il dottor Holland, “[t]il suo studio fa davvero avanzare la ricerca condotta negli ultimi 15 anni, in particolare negli ultimi 4 anni, in un modo eccezionale.

“Un aspetto degno di nota dello studio è l’analisi dettagliata di vari tipi di flavonoli, tra cui il flavonolo totale, l’isoramnetina, il canferolo, la miricetina e la quercetina”, ha aggiunto Michelle Routhenstein, RD, una dietista registrata specializzata in nutrizione cardiologica preventiva presso Fully Nourished, e chi non è stato coinvolto in questo studio.

“Considerando questi specifici composti flavonoidi, lo studio fornisce una comprensione sfumata di come i diversi componenti delle diete ricche di flavonoidi possono influenzare i rischi di mortalità”, ha affermato.

Il dottor Holland ha sottolineato:

“L’aspetto principale qui è che i dati mostrano una reiterazione del consumo di nutrienti e [bioactive] Gli alimenti ricchi in una dieta più sana sono associati a un ridotto rischio di alcuni degli alimenti più dannosi non-[communicable] malattia processi che affliggono il mondo”.

Consigli degli esperti per aumentare l’assunzione di flavonoli nella dieta

Per incorporare più azioni di promozione della salute, alimenti ricchi di flavonoliil Dr. Holland ha suggerito un passaggio generale a una dieta più sana, come la dieta MIND o la dieta Verde Mediterranea.

“Queste diete rappresentano uno dei modi principali con cui possiamo salvaguardare la salute cognitiva, mitigando allo stesso tempo i rischi di demenza di Alzheimer, mortalità per tutte le cause, cancro e malattie cardiovascolari, date le loro elevate concentrazioni di flavonoidi”, ha spiegato.

Kiran Campbell, RDN, dietista registrato e proprietario di Kiran Campbell Nutrition, non coinvolto nello studio, concorda sul fatto che è essenziale un’attenzione più ampia alla dieta.

Studi suggeriscono che l’assunzione complessiva di frutta e verdura fornisce maggiori benefici per la salute rispetto a concentrarsi su un singolo composto vegetale come i flavonoidi”, ha affermato.

Secondo Routhenstein e Campbell, per coloro che desiderano incorporare più flavonoli in una dieta sana, alcune delle fonti più ricche includono:

  • tè: tè verde e nero
  • cioccolato: cioccolato fondente o cacao
  • legumi: ceci e soia
  • frutta: mele, uva, ciliegie, agrumi
  • verdure: cipolla rossa, carciofi, peperoni
  • frutti di bosco: ribes nero, mirtilli rossi e altri frutti di bosco
  • erbe aromatiche: aneto, prezzemolo e origano
  • foglia di colore verde scuro: spinaci e cavoli
  • cereali/pseudo-grani: grano saraceno e quinoa

Le fonti alimentari di flavonoli sono migliori degli integratori?

In breve, sì. Ottenere flavonoli da cibi integrali è preferibile agli integratori.

Sebbene i livelli di flavonoidi non siano preoccupanti rispetto alle quantità presenti negli alimenti, gli integratori ad alta potenza possono portare a un consumo eccessivo e tossicità dei flavonoidi.

Flavonoidi Sono spesso considerati sicuri perché naturali, ma gli integratori possono superare i livelli di assunzione sicuri o interagire con i farmaci, portando a potenziali rischi, ha avvertito Campbell.

Il Dr. Holland ha inoltre suggerito:

“[C]Considera l’idea di incorporare frutta e verdura intera nella tua dieta e goderti una tazza di tè. Se decidi di utilizzare gli integratori, è consigliabile farlo sotto la guida del tuo medico di base per aiutarti a colmare eventuali lacune nutrizionali che potresti avere. Questo approccio consente di beneficiare della diversità di quantità e qualità dei nutrienti presenti negli alimenti integrali, compresi preziosi bioattivi come i flavonoli”.

Speranza di migliorare la longevità e gli esiti delle malattie

Lo studio conclude che esiste un legame significativo tra l’assunzione di flavonoli alimentari e i tassi di mortalità negli adulti statunitensi.

I risultati suggeriscono che l’assunzione di flavonoli può aiutare a prevedere la sopravvivenza delle malattie e che le modifiche dietetiche possono essere utilizzate per gestire i rischi per la salute.

In particolare, l’assunzione di flavonoli può avere un impatto positivo sui tassi di mortalità complessivi e sui tassi di mortalità specifici per cancro, morbo di Alzheimer e malattie cardiovascolari, riflettendo i potenti effetti antitumorali, antinfiammatori e antiossidanti dei flavonoli.

Campbell ha spiegato che la maggior parte delle condizioni croniche iniziano a presentarsi durante gli anni successivi, quindi gli individui che hanno queste condizioni o che corrono un rischio maggiore di svilupparle potrebbero trovare incoraggiante sapere che il fattore protettivo contro la mortalità era più forte per gli over 40.

Il dottor Holland è d’accordo, concludendo che, sebbene apportare cambiamenti precocemente nella vita sia l’ideale, “non è mai troppo presto o troppo tardi per iniziare ad implementare cambiamenti nello stile di vita sano, in particolare per quanto riguarda la dieta e l’attività fisica”.