Home Notizia Mondo Una nuova terapia può fermare le metastasi nel carcinoma mammario triplo negativo

Una nuova terapia può fermare le metastasi nel carcinoma mammario triplo negativo

0
49

Una nuova ricerca sui topi offre speranza per fermare la diffusione del cancro al seno triplo negativo. VICTOR TORRES / Stocksy
  • Gli scienziati hanno dimostrato che l’espressione dell’oncoproteina MYC è alterata nella maggior parte dei tumori.
  • Gli scienziati hanno anche dimostrato che l’inibizione del MYC può ridurre la progressione del tumore.
  • Tuttavia, alcuni scienziati temono che l’inibizione del MYC possa inavvertitamente promuovere la diffusione del cancro.
  • Nel presente studio, i ricercatori hanno scoperto che l’inibitore MYC Omomyc ha fermato la diffusione del cancro al seno triplo negativo nei topi.

Lo studio, che appare nel diario Comunicazioni sulla ricerca sul cancrooffre la speranza che Omomyc possa essere efficace anche negli esseri umani.

IL MIO C

L’oncoproteina MYC svolge un ruolo nella promozione della maggior parte delle forme umane di cancro. Le oncoproteine ​​sono prodotte da geni che promuovono il cancro. Gli scienziati hanno scoperto che MYC incoraggia la proliferazione delle cellule tumorali e ne aumenta la sopravvivenza.

Sebbene il ruolo di MYC nello sviluppo dei tumori sia chiaro, gli scienziati sono divisi sul fatto che MYC promuova le metastasi, ovvero la diffusione dei tumori ad altre parti del corpo di una persona.

Alcuni scienziati suggeriscono che MYC incoraggia questa diffusione, mentre altri indicano che inibisce la diffusione dei tumori.

Di conseguenza, gli scienziati dietro il presente studio volevano ottenere maggiori informazioni per aiutare a risolvere questo dibattito.

Notizie mediche oggi ha parlato con la dott.ssa Laura Soucek dell’Istituto di oncologia Vall D’hebron, Barcellona, ​​Spagna, e l’autore corrispondente dello studio.

“Il mio laboratorio si è concentrato su MYC, un obiettivo ‘più ricercato’ nella terapia del cancro, sin dal suo inizio”, ha affermato il dottor Soucek.

“Con questo ultimo lavoro, abbiamo mirato a far luce su un argomento controverso nella biologia MYC. Infatti, mentre MYC ha avuto un ruolo ben consolidato nella progressione del tumore primario, il suo ruolo nelle metastasi non era ancora chiaro, poiché in letteratura c’erano rapporti contrastanti che suggerivano una sua funzione sia pro-metastatica che antimetastatica, quindi si raccomandava cautela quando si utilizza un inibitore MYC in un ambiente metastatico.

“In sostanza, ci stavano dicendo che l’inibizione del MYC potrebbe aiutare nel trattamento dei tumori primari ma allo stesso tempo potrebbe promuovere nuove metastasi. Poiché i nuovi inibitori del MYC stanno finalmente raggiungendo la clinica e vengono testati su pazienti metastatici avanzati, era una priorità per noi e per l’intero campo della biologia del MYC chiarire questo rischio”.

Studio preclinico

La dott.ssa Soucek e i suoi colleghi hanno sviluppato l’inibitore MYC Omomyc e in ricerche precedenti hanno mostrato i suoi effetti sull’inibizione della crescita del tumore.

Nel presente studio, i ricercatori erano particolarmente interessati agli effetti che Omomyc potrebbe avere sulle metastasi carcinoma mammario triplo negativouna forma aggressiva di cancro difficile da trattare per i medici.

“Ci siamo concentrati sul cancro al seno triplo negativo, il sottotipo più aggressivo di cancro al seno, che spesso presenta metastasi già alla diagnosi. Al giorno d’oggi, le metastasi sono la vera sfida nel trattamento del cancro a causa della loro frequente resistenza alla terapia”, ha spiegato il dottor Soucek.

Risultati promettenti

Dopo aver esaminato gli effetti di Omomyc su in vitro cellule e poi nei topi, la dott.ssa Soucek e i suoi colleghi hanno trovato risultati promettenti.

“I nostri dati in modelli preclinici – cellule e modelli animali – mostrano che l’inibizione di MYC da parte di Omomyc ha un profondo effetto su diversi aspetti del processo metastatico, sia prevenendo l’instaurazione delle lesioni metastatiche sia riducendole in numero e volume una volta che sono già formato”, ha detto il dottor Soucek.

“In alcuni casi, le metastasi sono state persino eradicate”, afferma il dottor Daniel Massó-Vallés, un precedente ricercatore post-dottorato presso la società di ricerca sul cancro Peptomyc e il primo autore dello studio.

Il dottor Pavani Chalasani, del College of Medicine di Tucson, Università dell’Arizona, ha parlato con MNT, lodando lo studio. Il dottor Chalasani non è stato coinvolto nella ricerca.

“Gli autori presentano risultati molto interessanti, nuovi ed entusiasmanti sull’inibizione del MYC come potenziale opzione di trattamento”, ha osservato il dottor Chalasani.

Il dottor Soucek ha affermato che erano già in corso piani per verificare se Omomyc inibisse anche lo sviluppo del tumore e la metastasi negli esseri umani.

“La buona notizia è che il composto Omomyc – noto anche come OMO-103 – è già in fase di sperimentazione clinica I/IIa, il che significa che la sua sicurezza ed efficacia sono attualmente in fase di sperimentazione per la prima volta in pazienti oncologici – con varie indicazioni oncologiche . Si spera che presto sapremo se l’effetto sulle metastasi osservato nei modelli preclinici sarà ricapitolato nei pazienti. Non ci resta che aspettare e vedere”.

– Dottor Soucek