Home Notizia Mondo Tutti gli alimenti ultra-processati sono collegati al cancro e al diabete?

Tutti gli alimenti ultra-processati sono collegati al cancro e al diabete?

0
13

Un lavoratore controlla le crocchette di pollo su un nastro trasportatore in una fabbrica di trasformazione alimentare
Un dipendente della fabbrica alimentare Cargill controlla i nuggets di pollo prima di essere impanati in uscita dal nastro trasportatore all’interno della fabbrica di Orleans, Francia centrale, il 9 ottobre 2023. Credito immagine: GUILLAUME SOUVANT/Getty Images
  • Secondo un nuovo studio, una dieta ricca di alimenti ultra-processati è associata allo sviluppo di molteplici condizioni croniche.
  • Particolarmente suscettibili di portare a tumori concomitanti, diabete e problemi cardiaci sono gli alimenti ultra-processati di origine animale e quelli prodotti artificialmente e bevande zuccherate.
  • Sebbene questo studio non abbia trovato alcun legame tra alimenti ultra-processati come pane, cereali o alternative a base vegetale, gli esperti mettono in guardia dal loro consumo eccessivo.
  • Un problema nell’identificazione degli alimenti ultra-processati è che sono generalmente classificati in base al loro grado di lavorazione, con meno enfasi sul valore nutrizionale.

Il consumo di alimenti ultraprocessati è stato collegato a varie malattie croniche individuali come cancrodiabete e malattia cardiovascolare. Ora, un ampio studio conferma che sono legati anche a comorbilità, o combinazioni di tali malattie.

Lo studio rileva che esiste un aumento del 9% della probabilità di sviluppare comorbidità cardiovascolari e cardiometaboliche per coloro la cui dieta consiste in una quantità significativa di alimenti ultra-processati.

Il maggiore aumento del rischio, secondo lo studio, riguardava i prodotti di origine animale e le bevande zuccherate artificialmente.

I ricercatori non hanno trovato alcuna associazione simile tra pane e cereali ultralavorati, alternative a base vegetale e comorbilità.

Lo studio è un’analisi dei dati dell’indagine prospettica europea sul cancro e la nutrizione (EPIC). Si tratta di uno studio prospettico di coorte in corso sulle associazioni tra cancro e altre malattie e fattori di rischio legati allo stile di vita, alla dieta, alla genetica e all’ambiente.

Per il nuovo studio, i ricercatori hanno esaminato i dati di 266.666 partecipanti. Gli alimenti mangiati sono stati classificati in base al loro livello di lavorazione secondo l’indice NOVA. È stato necessario un follow-up medio di 11,2 anni per monitorare lo sviluppo di malattie croniche.

Lo studio è pubblicato in The Lancet Regional Health – Europa.

Alimenti trasformati e alimenti ultra-processati

Non esiste un accordo universale su quali siano esattamente gli attributi che definiscono un alimento trasformato in modo problematico. Ciò è dovuto in gran parte al fatto che la maggior parte degli alimenti moderni, a meno che non provengano direttamente dal luogo in cui vengono coltivati, comportano alcuni processi di lavorazione.

Gli alimenti trasformati possono includere alimenti sani come tofu, pane semplice, tonno o fagioli in scatola e formaggio. Tuttavia, sono gli alimenti ultra-processati, o UPF, a destare maggiore preoccupazione.

Lo standard adottato dalla maggior parte dei ricercatori è l’indice NOVA, sviluppato da Carlos Monteiro e colleghi dell’Università di San Paolo in Brasile.

Il ricercatore senior del nuovo studio, il dottor Heinz Freisling, scienziato in nutrizione e metabolismo per l’Organizzazione Mondiale della Sanità, ha spiegato come funziona l’indice:

“NOVA classifica gli alimenti non in base al loro profilo nutrizionale, ma in base al loro grado di lavorazione in quattro categorie: freschi o minimamente trasformati, ingredienti culinari, trasformati e ultra-trasformati.”

Michelle Routhenstein, dietista di cardiologia preventiva presso FullyNourished.com, che non è stata coinvolta nello studio, ha descritto la categoria finale come “alimenti prodotti esclusivamente utilizzando una combinazione di processi industriali”.

Poiché il grado di lavorazione da solo non racconta tutta la storia – anche gli ingredienti contano – rimane spazio per opinioni personali in merito.

Per il dottor Freisling, “[u]Gli alimenti ultraprocessati sono alimenti che non possono essere preparati in casa a causa della mancanza sia dei macchinari necessari per la preparazione, sia degli ingredienti caratteristici dell’ultraprocessing. Esempi di tali ingredienti sono coloranti, dolcificanti artificiali, conservanti alimentari e altro ancora.

Come gli alimenti ultra-processati possono causare comorbilità

Perché il consumo di alimenti ultra-processati potrebbe causare comorbilità? “Questo è attualmente un tema caldo di ricerca perché non è ancora chiaro il motivo per cui gli alimenti ultra-processati mostrino questo forte legame con un’ampia gamma di condizioni”, ha affermato il dottor Freisling.

Ha ipotizzato che forse ciò abbia a che fare con la pronta disponibilità e il minor costo di tali alimenti per il consumatore. Progettati per il sapore e l’imperibilità, le persone tendono a mangiarli troppo.

“Ad esempio, una semplice pannocchia di mais bollita non può competere con un sacchetto di tortilla chips”, ha affermato il dottor Freisling.

Ha anche suggerito che gli additivi, compresi i dolcificanti artificiali, potrebbero svolgere un ruolo.

“La pura mancanza di fibre alimentari e la matrice alimentare modificata – la matrice naturale o la forma di un alimento a livello microscopico – potrebbero svolgere un ruolo importante”, ha aggiunto.

Routhenstein ha osservato che anche i metodi di elaborazione stessi potrebbero essere responsabili. Ha detto che i metodi di ultraprocessazione creano sottoprodotti all’interno del cibo che possono favorire la malattia.

“Ad esempio, i prodotti finali della glicazione avanzata (AGE) si formano come sottoprodotto di alcune produzioni alimentari e possono portare a infiammazioni e stress ossidativo, contribuendo negativamente a un’ampia gamma di condizioni di salute”, ha sottolineato Routhenstein.

“I livelli di AGE sono più alti per grammo negli alimenti ultra-processati che utilizzano calore secco, come cracker, patatine e biscotti”, ha inoltre osservato..

Il pane, i cereali e le alternative vegetali sono più salutari?

Anche se lo studio non ha trovato alcuna associazione tra pane e cereali ultra-processati e alternative a base vegetale, il dottor Freisling non crede che ciò significhi che dovrebbero essere considerati una componente utile nella propria dieta.

“Rimango preoccupato perché le persone che seguono una dieta con un’elevata percentuale di alimenti ultra-processati di solito consumano questi alimenti in modo generalizzato”, ha affermato.

Inoltre, sebbene lo studio si occupi delle comorbilità, tali alimenti sono stati collegati a singole malattie croniche in studi precedenti.

Sostituti più sani degli alimenti ultra-processati

Routhenstein ha offerto diversi alimenti facilmente preparabili che possono sostituire gli alimenti ultra-processati nella propria dieta.

“Un semplice scambio che puoi fare è cambiare gli yogurt al gusto di frutta per preparare il tuo yogurt e una ciotola di frutta”, ha detto Routhenstein.

Un altro miglioramento relativo allo yogurt sarebbe quello di sostituire le proteine ​​del siero di latte in polvere che contengono emulsionanti, esaltatori di sapidità e isolati con ¾ di tazza di yogurt greco non aromatizzato/non zuccherato.

Routhenstein ha fornito alcuni altri suggerimenti, come sostituire la carne ultra lavorata come la pancetta con una versione fatta in casa di tempeh e funghi.

Una ricetta vegetale

“Aggiungere aminoacidi di cocco, aceto di mele e un tocco di sciroppo d’acero con un pizzico di paprika affumicata al tempeh affettato e ai funghi shiitake è un modo per ridurre le carni lavorate e aggiungere una proteina ricca di nutrienti che fa bene al cuore , intestino e ossa. Ciò potrebbe anche aiutare a ridurre lo stress ossidativo, l’opposto di ciò che fanno gli alimenti ultraprocessati!”
—Michelle Routhenstein

Alcuni alimenti ultra-processati sono OK da mangiare?

“Abbiamo dimostrato che un fattore di rischio – in questo caso un elevato consumo di alimenti ultra-processati – non è solo legato a un rischio più elevato di una malattia grave, ad esempio il diabete, ma può aumentare il rischio di [experiencing] una combinazione di malattie, nota come multimorbilità”, ha affermato il dottor Freisling.

“In secondo luogo”, ha affermato, “penso che sia importante comunicare al pubblico che alcuni sottogruppi di alimenti ultraprocessati dovrebbero essere preferiti rispetto ad altri. Ad esempio, prodotti di origine vegetale rispetto a prodotti di origine animale.

Routhenstein concorda con questo secondo punto, affermando: “Ciò fa luce sulla necessità di valutare il valore nutritivo come le fibre nel compensare gli effetti dannosi degli alimenti ultra-processati come definito dalla scala di classificazione NOVA”.