Punteggi feriti come forze di sicurezza, i manifestanti si scontrano a Beirut

0
79

BEIRUT – Scontri tra gatto e topo tra le forze di sicurezza del Libano e manifestanti hanno ferito decine di persone in una notte di violenza che ha scosso sabato centrale Beirut.

La polizia antisommossa ha sparato gas lacrimogeni e cannoni ad acqua, inseguendo manifestanti armati con rami di alberi e insegne in un quartiere commerciale vicino al parlamento libanese.

La folla si è riversata per le strade questa settimana dopo una pausa di proteste in gran parte pacifiche scoppiate a ottobre. Sono furiosi per un'élite al potere che ha guidato il paese verso la peggiore crisi economica degli ultimi decenni.

I pestaggi e gli arresti della polizia nei giorni scorsi hanno allarmato i gruppi per i diritti umani e suscitato timori tra gli attivisti di una mossa per schiacciare il dissenso.

Il fumo usciva dalle bombole di gas lacrimogeni che circondavano i manifestanti mentre le ambulanze sfrecciavano per le strade della capitale. Testimoni hanno riferito che anche le forze di sicurezza hanno sparato proiettili di gomma.

La Croce Rossa libanese ha dichiarato che oltre 100 persone sono state curate per lesioni, di cui almeno 65 portate in ospedale da entrambe le parti.

Una fonte di sicurezza ha riferito che almeno 15 manifestanti sono stati arrestati.

Il presidente Michel Aoun ordinò all'esercito e ai comandanti della sicurezza di ristabilire la calma.

Saad al-Hariri, che si è dimesso da premier in ottobre, ha affermato che la violenza ha minacciato la pace civile. "È una scena folle, sospetta e respinta", ha twittato.

Dopo che i disordini hanno spinto Hariri a smettere, i faidi politici non sono riusciti a concordare un nuovo governo o un piano di salvataggio. La sterlina libanese ha perso quasi la metà del suo valore, la carenza di dollari ha aumentato i prezzi e la fiducia nelle banche è crollata.

Le forze di sicurezza interna (ISF) hanno affermato di essere state "violentemente e direttamente" confrontate sabato sera. "Coloro che stanno ribellando saranno perseguiti, arrestati e deferiti alla magistratura", ha detto su Twitter.

I giovani che cantano "rivoluzione" hanno lanciato pietre, barriere d'acciaio e vasi di fiori alla polizia antisommossa. I manifestanti hanno cercato di spingere nella parte pesantemente barricata del centro di Beirut che comprende il parlamento.

Il ministro degli interni Raya el-Hassan ha affermato che è inaccettabile che i manifestanti "assaltino palesemente" le forze di sicurezza.

I pompieri hanno lanciato un incendio che ha inghiottito un campo di protesta nel centro della città, dove tende infuocate hanno inviato pennacchi di fumo nell'aria. Non è stato immediatamente chiaro cosa abbia causato l'incendio. L'ISF ha negato i media secondo cui alcune delle sue forze avevano dato fuoco al campo, dove gli attivisti avevano tenuto dibattiti e sit-in negli ultimi mesi.

Nel pomeriggio centinaia di persone hanno marciato e cantato contro la classe politica in altre parti della capitale. Un grande stendardo in uno dei raduni recitava: "Se il popolo ha fame, mangerà i suoi sovrani".

Anche la rabbia nei confronti delle banche – che hanno frenato l'accesso delle persone ai propri risparmi – è cresciuta rapidamente, con i manifestanti che hanno rotto le facciate delle banche e i bancomat martedì sera.