Home Notizia Mondo Mangiare frutta e verdura è associato al benessere mentale dei bambini

Mangiare frutta e verdura è associato al benessere mentale dei bambini

0
81

Uno studio recente ha cercato collegamenti tra dieta e benessere mentale nei bambini. xavierarnau/Getty Images
  • Diversi fattori influenzano il benessere mentale, inclusa la nutrizione.
  • Uno studio recente ha scoperto che mangiare più frutta e verdura era collegato a un migliore benessere mentale tra i bambini.
  • D’altra parte, i bambini che hanno saltato i pasti avevano maggiori probabilità di avere punteggi di benessere più bassi.

Sebbene il benessere tra adulti e bambini sia simile, non è esattamente lo stesso per entrambi i gruppi. I bambini stanno ancora crescendo e quando si valuta la salute dei bambini è necessario prendere in considerazione molteplici fattori.

Un’area di interesse è l’associazione tra alimentazione e benessere mentale dei bambini. Un nuovo studio, apparso sulla rivista BMJ Nutrizione, prevenzione e salute, suggerisce che i bambini che mangiano più frutta e verdura hanno maggiori probabilità di avere un migliore senso di benessere mentale rispetto a quelli che mangiano di meno.

Il benessere mentale dei bambini

Il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) fornire la seguente definizione di cosa significa per i bambini essere mentalmente sani:

“Essere mentalmente sani durante l’infanzia significa raggiungere traguardi evolutivi ed emotivi e apprendere abilità sociali sane e come affrontare quando ci sono problemi. I bambini mentalmente sani hanno una qualità di vita positiva e possono funzionare bene a casa, a scuola e nelle loro comunità”.

Lo psicologo e consulente per il benessere Lee Chambers ha ulteriormente spiegato l’impatto del benessere mentale dei bambini su Notizie mediche oggi:

“Il benessere mentale nei bambini gioca un ruolo vitale in più dei loro risultati sulla salute. Il benessere mentale positivo è influenzato da una varietà di fattori e, a sua volta, influisce su una serie di risultati, dall’istruzione alla salute [and from] amicizie al processo decisionale.”

Chambers continua: “Fornisce anche la piattaforma per sviluppare la resilienza, far fronte ai fattori di stress e diventare adulti sani e rotondi. È anche fondamentale per la loro capacità di essere al sicuro e per relazioni sane”.

“In un mondo sempre più dinamico e incerto, il benessere mentale fornisce ai bambini le basi su cui costruire, esplorare e imparare, giocare e divertirsi e affrontare le sfide e le avversità che derivano dall’essere umani”.

La ricerca è in corso quando si tratta di comprendere i fattori che influenzano la salute mentale e il benessere. Il rapporto tra alimentazione e salute mentale è un’area di grande interesse, in particolare per quanto riguarda il modo in cui l’alimentazione è collegata al benessere mentale dei bambini.

Gli autori del recente studio osservano che:

“La nutrizione, un fattore modificabile sia a livello individuale che sociale, ha un’influenza importante sulla salute durante tutto il corso della vita, è strettamente coinvolta nella [the] sviluppo e il normale funzionamento del corpo, e quindi ha il potenziale per influenzare sia la salute fisica che il benessere mentale”.

Lo studio

Il recente studio è stato uno studio trasversale che ha esaminato l’associazione tra il consumo di frutta e verdura da parte dei bambini, le loro scelte alimentari e il loro benessere mentale.

I ricercatori hanno raccolto dati da più di 50 scuole, comprese scuole primarie, scuole secondarie e istituti di istruzione superiore.

Nel Regno Unito, i bambini della scuola primaria hanno un’età compresa tra 5 e 11 anni e quelli della scuola secondaria di età compresa tra 11 e 16 anni.

In base al sistema del Regno Unito, i bambini più grandi inclusi nello studio sarebbero l’equivalente degli anziani delle scuole superiori degli Stati Uniti. I bambini più piccoli inclusi nell’analisi avevano 8 anni.

Questi dati provengono da The Norfolk Children and Young People’s Health and Wellbeing Survey 2017. Un totale di 10.853 bambini hanno compilato questo sondaggio.

Per gli studenti della scuola secondaria, i ricercatori hanno utilizzato una valutazione della salute mentale chiamata Warwick-Edinburgh Mental Wellbeing Scale. Per gli studenti della scuola primaria, hanno utilizzato una valutazione chiamata Stirling Children’s Well-Being Scale.

Entrambe queste valutazioni utilizzano un sistema in cui un punteggio più alto indica un livello di benessere più elevato.

Il sondaggio ha anche chiesto informazioni sull’assunzione di frutta e verdura da parte dei bambini e sui tipi di colazioni e pranzi che consumavano.

Gli scienziati hanno anche raccolto dati su altre covariate, come:

  • nutrizione, compreso il consumo di alcol, lo stato dei pasti scolastici gratuiti e la soddisfazione per il peso
  • dati demografici, inclusi età, etnia e livello di privazione
  • salute, comprese le malattie a lungo termine e lo stato di disabilità
  • situazione di vita, compreso se i bambini avevano o meno stanze proprie e se i loro genitori o chi si prendeva cura di loro fumavano o no
  • esperienze avverse, inclusi problemi come sentirsi al sicuro e bullismo

Alcune di queste covariate, come l’uso di alcol, non sono state incluse nel sondaggio per i bambini delle scuole primarie perché i ricercatori le hanno ritenute inappropriate.

Alimentazione e benessere mentale

Lo studio ha rilevato che livelli più elevati di consumo di frutta e verdura erano associati a punteggi di benessere mentale più elevati tra i bambini delle scuole secondarie.

Ha anche scoperto che, nei bambini delle scuole secondarie, consumare solo una bevanda energetica invece della colazione era associato a punteggi di benessere mentale inferiori rispetto al non consumare affatto la colazione.

Per i bambini delle scuole primarie e secondarie, gli scienziati hanno scoperto che i punteggi di benessere mentale erano più alti per coloro che facevano colazione o pranzavano rispetto ai bambini che non mangiavano questi pasti.

La prof.ssa Ailsa Welch, coautrice dello studio, ha evidenziato i seguenti risultati per MNT:

“In una classe di 30 bambini della scuola secondaria, abbiamo scoperto che [four] non aveva niente da mangiare o da bere prima di iniziare le lezioni al mattino, e [three] non aveva niente da mangiare o da bere prima del pomeriggio. Solo il 25% dei bambini ha mangiato [five] o più frutta e verdura al giorno e 1 su 10 non ne mangiava”.

“Queste statistiche sono preoccupanti, poiché è probabile che una cattiva alimentazione abbia un impatto sul rendimento scolastico a scuola, nonché sulla crescita e lo sviluppo”, ha aggiunto il prof. Welch.

“I punteggi più bassi di benessere mentale di coloro che non hanno fatto colazione e di coloro che non hanno pranzato erano della stessa scala di quelli che hanno assistito regolarmente a discussioni o violenze in casa”.

– Prof.ssa Ailsa Welch

Limitazioni e implicazioni

I ricercatori notano alcune limitazioni al loro studio. In primo luogo, poiché i bambini hanno risposto ai questionari solo una volta, gli scienziati non sono stati in grado di monitorare i cambiamenti nel benessere e nella dieta nel tempo.

In secondo luogo, la raccolta dei dati si è basata sull’autodichiarazione dei bambini, che potrebbe essere imprecisa. Notano anche che alcune delle domande relative alle diete dei bambini erano semplicistiche.

Sulla base di ricerche precedenti e dei risultati dello studio, gli autori dello studio sostengono che le scuole lavorino per garantire che il cibo nutriente sia disponibile per tutti i bambini.

Il prof. Welch ha sottolineato a MNT Quello:

“Un’alimentazione di buona qualità deve essere disponibile per tutti i bambini in età scolare per ottimizzare il benessere mentale e consentire ai bambini di realizzare il loro pieno potenziale. Le associazioni trovate tra nutrizione e benessere mentale nel nostro studio indicano che le strategie per migliorare la nutrizione nei bambini in età scolare devono essere studiate e implementate”.

Il prof. Welch ha anche notato che dobbiamo capire le ragioni per cui alcuni studenti non consumano i pasti. Lei disse MNT:

“Sono necessarie ulteriori indagini per scoprire i motivi per cui alcuni bambini non fanno colazione e/o pranzano o consumano solo bevande energetiche. Questi possono includere fattori sociali, culturali, di conoscenza ed economici, compresa la fornitura e l’accesso a [fruits] e le verdure sono limitate nelle aree di deprivazione”.

Nel complesso, questo legame tra nutrizione e benessere mentale sottolinea l’importanza di affrontare le esigenze nutrizionali dei bambini quando si considera il loro benessere mentale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here