Home Notizia Mondo L’esercizio fisico può allontanare l’Alzheimer regolando i livelli di ferro nel cervello

L’esercizio fisico può allontanare l’Alzheimer regolando i livelli di ferro nel cervello

0
52

Una nuova ricerca sui topi suggerisce che l’esercizio fisico può mantenere il cervello sano migliorando il metabolismo del ferro. Jalapeno/Getty Images
  • È noto che la mancanza di attività fisica aumenta il rischio di una persona con il morbo di Alzheimer.
  • Un nuovo studio sui topi suggerisce che l’esercizio fisico può proteggere dall’Alzheimer migliorando la regolazione del metabolismo del ferro nel cervello.
  • L’esercizio fisico regolare riduce i livelli circolanti di una proteina chiamata interleuchina-6 che favorisce l’infiammazione.
  • La proteina può anche cambiare il modo in cui il cervello immagazzina il ferro.

L’attività fisica regolare ha una vasta gamma di benefici per la salute. Questi includono un ridotto rischio di malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2, varie condizioni di salute mentale e demenza.

Mantenersi fisicamente attivi aiuta a mantenere la flessibilità del cervello e a migliorare la memoria. Inoltre riduce al minimo il declino che può verificarsi nella crescita e nella connettività delle cellule nervose quando le persone invecchiano.

Precedenti ricerche su un modello murino del morbo di Alzheimer hanno mostrato che l’esercizio fisico potrebbe persino invertire alcuni dei disturbi cognitivi che caratterizzano questa forma di demenza.

Gli stessi scienziati hanno ora scoperto che l’esercizio fisico può ritardare il progresso dell’Alzheimer cambiando il modo in cui il cervello immagazzina il ferro.

Lo studio, condotto dai ricercatori dell’Università della Finlandia orientale a Kuopio, appare nel Rivista internazionale di scienze molecolari.

Fattori di rischio dello stile di vita

Il morbo di Alzheimer, la forma più comune di demenza, provoca la degenerazione di parti del cervello che svolgono un ruolo nel pensiero, nella memoria e nel linguaggio.

Nel 2020, fino a 5,8 milioni di persone negli Stati Uniti vivevano con l’Alzheimer.

La maggior parte dei casi è associata a malattie legate all’età e fattori di rischio genetici, ma i fattori dello stile di vita, come l’inattività fisica e una dieta non nutritiva, svolgono un ruolo importante.

Tuttavia, il modo esatto in cui l’attività fisica protegge il cervello dagli effetti dell’Alzheimer non è chiaro.

Un indizio è che sia il normale processo di invecchiamento che l’Alzheimer sono associati a cambiamenti nel modo in cui il cervello gestisce il ferro.

Ricerca ha collegato l’accumulo di ferro nel cervello e le modifiche nel metabolismo del ferro alla formazione di placche di una proteina tossica chiamata beta-amiloide che caratterizzano la malattia.

L’esercizio fisico regolare può migliorare il metabolismo del ferro e prevenire l’accumulo di questo minerale nel cervello, ma i meccanismi alla base di questo effetto sono incerti.

Il nuovo studio aiuta a risolvere il mistero.

Ruote per esercizi

Nel nuovo studio, gli scienziati hanno confrontato i topi geneticamente predisposti a sviluppare l’Alzheimer con topi normali o “di tipo selvatico”.

La metà dei topi aveva libero accesso a una ruota per esercizi nelle loro gabbie, mentre gli altri animali conducevano una vita più sedentaria.

Dopo 6 mesi, gli scienziati hanno misurato i livelli di ferro e le proteine ​​essenziali per la sua regolazione nel cervello e nei muscoli dei topi.

Hanno scoperto che la corsa alterava il metabolismo e il trasporto del ferro nel cervello e aumentava il contenuto di ferro nei muscoli.

L’esercizio ha ridotto i livelli delle proteine ​​ferritina ed epcidina, che promuovono l’accumulo di ferro nella corteccia cerebrale.

Ha anche ridotto la quantità di beta-amiloide nel cervello dei topi che erano predisposti a sviluppare l’Alzheimer.

Allo stesso tempo, le concentrazioni della molecola di segnalazione interleuchina-6 (IL-6), che promuove l’infiammazione, erano più basse nella corteccia e nel plasma sanguigno degli animali che si esercitavano.

Negli esseri umani, è noto che l’esercizio regolare sopprime la quantità di IL-6 circolante nel sangue, mentre l’inattività aumenta questi livelli.

IL-6, che può attraversare la barriera emato-encefalica, favorisce l’accumulo di ferro attraverso i suoi effetti sull’epcidina durante l’infiammazione.

Conclusioni provvisorie

I ricercatori, quindi, ipotizzano che sopprimendo l’IL-6, l’esercizio fisico regolare aiuta a proteggere il cervello dall’interruzione dell’omeostasi del ferro, che è una caratteristica sia dell’invecchiamento che dell’Alzheimer.

Concludono:

“Questo studio evidenzia l’importanza della disregolazione del ferro in [Alzheimer’s] e dimostra che l’esercizio di corsa volontario a lungo termine modula l’omeostasi del ferro nel cervello e nei muscoli scheletrici di entrambi [wild type mice and mice with Alzheimer’s]. Il nostro studio è il primo a collegare le alterazioni cerebrali dell’omeostasi del ferro con la diminuzione dell’epcidina e dell’IL-6 in risposta all’esercizio fisico regolare”.

La principale limitazione dello studio era che riguardava un modello animale della malattia, che può differire in modo importante dalla presentazione della malattia nell’uomo.

Inoltre, l’esercizio fisico può avere effetti diversi sul metabolismo del ferro nei topi e nelle persone.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here