Home Notizia Mondo La carenza di vitamina D può aumentare il rischio di malattie cardiache?

La carenza di vitamina D può aumentare il rischio di malattie cardiache?

0
40

Lo stato della vitamina D può aiutare a valutare il rischio cardiovascolare. Cyndi Monaghan/Getty Images
  • La vitamina D, nota anche come vitamina del “sole”, è una vitamina liposolubile che esiste in due forme principali: D-2 e D-3.
  • Essendo un micronutriente essenziale e derivato principalmente dalla luce solare, la vitamina D è importante per lo sviluppo di ossa e denti e per il regolare funzionamento del sistema immunitario.
  • Oltre a queste funzioni, studi precedenti suggeriscono un’associazione tra bassi livelli di vitamina D e una maggiore probabilità di sviluppare malattie cardiovascolari.
  • In un nuovo studio, i ricercatori hanno stabilito che vale la pena controllare i livelli di vitamina D quando si valuta il rischio cardiovascolare di una persona.

In tutto il mondo, malattie cardiovascolari (CVD) sono una delle principali cause di morte. Ogni anno, circa 17,9 milioni di persone nel mondo muoiono a causa di complicazioni dovute a malattie cardiache. Per il contesto, ciò significa che le malattie cardiovascolari sono responsabili del 32% di tutti i decessi a livello globale.

Priore studi mostrano che vari fattori, come diverse condizioni di salute, età, storia familiare, dieta e stile di vita, si combinano per influenzare il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari.

Utilizzando un nuovo approccio analitico, i ricercatori in Australia hanno scoperto un ulteriore fattore che può aumentare la probabilità di malattie cardiovascolari di una persona.

L’autrice principale, la prof.ssa Elina Hyppönen, direttrice dell’Australian Centre for Precision Health presso l’Università del South Australia Cancer Research Institute, ha delineato i risultati dello studio per Notizie mediche oggi,

“Abbiamo trovato prove che la carenza di vitamina D può aumentare la pressione sanguigna e il rischio di malattie cardiovascolari”.

“Tuttavia”, ha aggiunto, “l’aumento delle concentrazioni di vitamina D sarà utile solo per quei partecipanti che ne hanno bisogno, e ulteriori benefici derivanti dall’aumento delle concentrazioni oltre il fabbisogno nutrizionale saranno modesti, se esistono”.

I risultati dello studio appaiono nel European Heart Journal.

“Un nuovo entusiasmante approccio”

Nel recente studio, i ricercatori hanno deciso di indagare se esiste una relazione tra la 25-idrossivitamina D sierica, o 25(OH)D, e il rischio di sviluppare malattie cardiovascolari.

I livelli sierici di 25(OH)D sono un indicatore stabilito per lo stato della vitamina D.

Per testare la loro ipotesi, i ricercatori hanno utilizzato un metodo analitico specifico per analizzare i dati della UK Biobank, un ampio studio prospettico di coorte sulla popolazione del Regno Unito di età compresa tra 37 e 73 anni.

I partecipanti sono stati reclutati da 22 centri di valutazione in tutto il Regno Unito tra il 13 marzo 2006 e il 1 ottobre 2009. Hanno compilato questionari fornendo ampie informazioni sulla salute e lo stile di vita al basale e hanno fornito campioni di sangue per biomarcatori e analisi genetiche.

Per lo studio, il team di ricerca ha limitato le analisi dei dati a individui non imparentati che sono stati identificati come bianchi britannici sulla base dell’autodichiarazione e della profilazione genetica. Inoltre, il team ha escluso i partecipanti con informazioni non corrispondenti tra il sesso auto-riferito e il sesso genetico.

Dopo il filtraggio, il team di ricerca ha condotto analisi genetiche tra individui con informazioni complete sulle concentrazioni di 25(OH)D. Come misura di sicurezza, hanno anche raccolto variabili, tra cui età, sesso e tempo di raccolta del campione, che potrebbero influenzare le misurazioni della 25(OH)D nel siero.

Gli scienziati hanno raccolto queste informazioni da un massimo di 295.788 partecipanti.

Cosa dicono i risultati?

I ricercatori hanno confrontato i risultati con quelli di un gruppo di controllo senza diagnosi di CVD. Il team di ricerca ha anche condotto un’analisi secondaria per esaminare l’associazione dei livelli di concentrazione di 25(OH)D con la pressione sanguigna.

I ricercatori affermano che il livello medio di concentrazione di 25 (OH) D tra i 267.980 partecipanti alla fine intervistati era di 50 nanomoli per litro (nmol/l).

Notano inoltre che:

  • L’11,4% (32.868) dei partecipanti aveva concentrazioni inferiori a 25 nmol/l
  • Il 41,3% (119.243) dei partecipanti aveva concentrazioni comprese tra 25 e 49,9 nmol/l
  • Il 35,3% (101.848) dei partecipanti aveva concentrazioni comprese tra 50 e 74,9 nmol/l
  • Il 10,5% (30,314) dei partecipanti aveva concentrazioni comprese tra 75 e 99,9 nmol/l
  • L’1,4% (4.110) dei partecipanti aveva concentrazioni comprese tra 100 e 124,9 nmol/l

Meno dello 0,1% dei partecipanti aveva livelli di concentrazione di 25(OH)D superiori a 125 nmol/l.

Ulteriori analisi hanno rivelato che gli individui con 25(OH)D sierico a 25 nmol/l avevano un rischio di CVD superiore dell’11% rispetto a quelli con concentrazioni di 50 nmol/l.

Tuttavia, sembrava esserci una riduzione della probabilità di insorgenza di malattie cardiovascolari con valori di concentrazione più elevati. Ad esempio, i partecipanti con concentrazioni di 75 nmol/l avevano una probabilità di CVD inferiore del 2% rispetto a quelli a 50 nmol/l.

Gli scienziati chiamano questo fenomeno un’associazione non lineare, in cui un cambiamento nel valore di un’entità non sempre corrisponde a un cambiamento costante nel valore dell’altra entità.

I ricercatori hanno osservato associazioni non lineari simili nella relazione tra le concentrazioni di 25(OH)D e i livelli di pressione sanguigna dei partecipanti. A 25 nmol/l c’è stato un notevole aumento dei valori della pressione sanguigna rispetto a 50 nmol/l.

I risultati hanno portato gli scienziati a concludere che la carenza di vitamina D può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari.

Cosa ne pensano gli esperti?

Per comprendere appieno le implicazioni dei risultati, MNT contattato gli esperti.

Il Dr. Rigved Tadwalkar, un cardiologo certificato presso il Providence Saint John’s Health Center di Santa Monica, in California, ha osservato che lo studio ha implicazioni cliniche.

Ha osservato che c’è stata a lungo confusione sull’opportunità di controllare i livelli di vitamina D durante la valutazione del rischio cardiovascolare e cosa fare con le informazioni dopo aver ottenuto i risultati,

“[However, now], questo studio stabilisce che vale la pena controllare i livelli di vitamina D allo scopo di valutare il rischio cardiovascolare e, inoltre, integrare la vitamina D per coloro che sono più carenti”.

Punti di forza e limiti

Gli autori spiegano che la forza del loro studio risiede nel nuovo modo in cui hanno analizzato i loro dati. A loro conoscenza, lo studio è la prima analisi genetica che utilizza un quadro non lineare per esplorare la forma dell’associazione di 25(OH)D con il rischio di CVD.

Inoltre, attraverso rigorose pratiche sperimentali, sono stati in grado di ridurre al minimo i pregiudizi e ridurre i risultati casuali.

Nonostante i punti di forza, lo studio non è privo di limiti. Innanzitutto, limitando l’analisi ai partecipanti di origine britannica bianca, non è chiaro se i risultati dello studio siano applicabili ad altri gruppi etnici.

Inoltre, con un tasso di risposta del 5%, UK Biobank non è rappresentativa della popolazione generale del Regno Unito, nonostante la sua ampia dimensione del campione.

Tuttavia, i risultati dello studio possono portare a nuove possibilità nella gestione e nella diagnosi delle malattie cardiovascolari.

I commenti finali del Dr. Tadwalkar sullo studio condividono un ottimismo simile:

“Le persone dovrebbero discutere il controllo del proprio livello di vitamina D con i propri medici, poiché esiste una variabilità da un medico all’altro sul fatto che questo venga controllato di routine. Se il livello di vitamina D risulta significativamente basso, ora ci sono prove che suggeriscono che l’aumento di questo livello ridurrà il rischio di malattie cardiovascolari, incluso il rischio di malattia coronarica e ictus”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here