Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Intubazione endotracheale

Intubazione endotracheale

0
8

Cos’è l’intubazione endotracheale?

L’intubazione endotracheale (EI) è spesso una procedura di emergenza eseguita su persone incoscienti o che non possono respirare da sole. EI mantiene le vie aeree aperte e aiuta a prevenire il soffocamento.

In una tipica EI, ti viene data l’anestesia. Quindi, un tubo di plastica flessibile viene inserito nella trachea attraverso la bocca per aiutarti a respirare.

La trachea, nota anche come trachea, è un tubo che trasporta l’ossigeno ai polmoni. La dimensione del tubo di respirazione corrisponde alla tua età e alle dimensioni della gola. Il tubo è tenuto in posizione da una piccola cuffia d’aria che si gonfia attorno al tubo dopo che è stato inserito.

La tua trachea inizia appena sotto la laringe, o la casella vocale, e si estende verso il basso dietro lo sterno o lo sterno. La tua trachea quindi si divide e diventa due tubi più piccoli: i bronchi principali destro e sinistro. Ogni tubo si collega a uno dei tuoi polmoni. I bronchi continuano quindi a dividersi in passaggi d’aria sempre più piccoli all’interno del polmone.

La tua trachea è composta da cartilagine resistente, muscoli e tessuto connettivo. Il suo rivestimento è composto da tessuto liscio. Ogni volta che inspiri, la tua trachea diventa leggermente più lunga e larga. Ritorna alle sue dimensioni rilassate mentre espiri.

Potresti avere difficoltà a respirare o non essere in grado di respirare affatto se un percorso lungo le vie aeree è bloccato o danneggiato. Questo è quando l’EI può essere necessario.

Perché viene eseguita l’intubazione endotracheale?

Potrebbe essere necessaria questa procedura per uno dei seguenti motivi:

  • per aprire le vie aeree in modo da poter ricevere anestesia, farmaci o ossigeno
  • per proteggere i tuoi polmoni
  • hai smesso di respirare o hai difficoltà a respirare
  • hai bisogno di una macchina che ti aiuti a respirare
  • hai un trauma cranico e non riesci a respirare da solo
  • è necessario essere sedati per un periodo di tempo per riprendersi da un grave infortunio o malattia

EI mantiene aperte le vie aeree. Ciò consente all’ossigeno di passare liberamente da e verso i polmoni durante la respirazione.

Quali sono i rischi dell’intubazione endotracheale?

Rischi di anestesia

In genere, sarai sotto anestesia generale durante la procedura. Ciò significa che non sentirai nulla mentre il tubo viene inserito. Le persone sane di solito non hanno problemi con l’anestesia generale, ma c’è un piccolo rischio di complicazioni a lungo termine. Questi rischi dipendono in gran parte dalla tua salute generale e dal tipo di procedura che stai subendo.

I fattori che possono aumentare il rischio di complicanze con l’anestesia includono:

  • problemi cronici ai polmoni, ai reni o al cuore
  • diabete
  • storia di convulsioni
  • una storia familiare di reazioni avverse all’anestesia
  • apnea notturna
  • obesità
  • allergie al cibo o ai farmaci
  • uso di alcol
  • fumare
  • età

Complicazioni più gravi possono verificarsi negli anziani che hanno problemi medici significativi. Queste complicazioni sono rare ma possono includere:

  • infarto
  • infezione polmonare
  • colpo
  • temporanea confusione mentale
  • Morte

Circa una o due persone su 1.000 possono diventare parzialmente sveglie durante l’anestesia generale. Se ciò accade, le persone di solito sono consapevoli di ciò che li circonda ma non avvertono alcun dolore. In rare occasioni, possono provare un forte dolore. Ciò può portare a complicazioni psicologiche a lungo termine, come il disturbo da stress post-traumatico (PTSD). Alcuni fattori possono rendere più probabile questa situazione:

  • chirurgia d’urgenza
  • problemi cardiaci o polmonari
  • uso a lungo termine di oppiacei, tranquillanti o cocaina
  • consumo quotidiano di alcol

Rischi di intubazione

Ci sono alcuni rischi legati all’intubazione, come:

  • lesioni ai denti o lavori dentali
  • lesioni alla gola o alla trachea
  • un accumulo di troppo fluido negli organi o nei tessuti
  • sanguinamento
  • complicazioni o lesioni polmonari
  • aspirazione (contenuto dello stomaco e acidi che finiscono nei polmoni)

Un anestesista o un ambulanza EMT la valuterà prima della procedura per ridurre il rischio che si verifichino queste complicazioni. Sarai anche monitorato attentamente durante tutta la procedura.

Come mi preparo per l’intubazione endotracheale?

L’intubazione è una procedura invasiva e può causare un notevole disagio. Tuttavia, in genere ti verrà somministrata un’anestesia generale e un farmaco rilassante per i muscoli in modo da non sentire alcun dolore. Con determinate condizioni mediche, potrebbe essere necessario eseguire la procedura mentre una persona è ancora sveglia. Un anestetico locale viene utilizzato per intorpidire le vie aeree al fine di ridurre il disagio. Il tuo anestesista ti farà sapere prima dell’intubazione se questa situazione si applica a te.

Come viene eseguita l’intubazione endotracheale?

L’EI di solito viene eseguita in ospedale, dove ti verrà somministrata l’anestesia. In situazioni di emergenza, un paramedico sulla scena dell’emergenza può eseguire l’EI.

In una tipica procedura EI, riceverai prima un anestetico. Una volta sedato, il tuo anestesista aprirà la bocca e inserirà un piccolo strumento con una luce chiamata laringoscopio. Questo strumento viene utilizzato per vedere l’interno della laringe, o casella vocale. Una volta che le corde vocali sono state localizzate, un tubo di plastica flessibile verrà inserito nella tua bocca e passato oltre le corde vocali nella parte inferiore della tua trachea. In situazioni difficili, è possibile utilizzare un laringoscopio con videocamera per fornire una visione più dettagliata delle vie aeree.

Il tuo anestesista ascolterà quindi il tuo respiro attraverso uno stetoscopio per assicurarsi che il tubo sia nel posto giusto. Quando non hai più bisogno di aiuto per respirare, il tubo viene rimosso. Durante le procedure chirurgiche e nell’unità di terapia intensiva, il tubo è collegato a un ventilatore, o macchina per la respirazione, una volta che è nella posizione corretta. In alcune situazioni, potrebbe essere necessario fissare temporaneamente il tubo a una borsa. Il tuo anestesista userà la sacca per pompare ossigeno nei tuoi polmoni.

Cosa aspettarsi dopo l’intubazione endotracheale

Potresti avere un leggero mal di gola o qualche difficoltà a deglutire dopo la procedura, ma dovrebbe scomparire rapidamente.

C’è anche un leggero rischio di complicazioni dovute alla procedura. Assicurati di chiamare subito il medico se mostri uno dei seguenti sintomi:

  • gonfiore del viso
  • un forte mal di gola
  • dolore al petto
  • difficoltà a deglutire
  • difficoltà a parlare
  • dolore al collo
  • fiato corto

Questi sintomi possono essere un segno di altri problemi con le vie aeree.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here