Foschia di inquinamento atmosferico sullo skyline della città
Un recente studio mostra una correlazione tra l’esposizione all’inquinamento atmosferico e gli eventi cardiovascolari. zxvisual/Getty Images
  • I ricercatori hanno studiato gli effetti dell’inquinamento atmosferico sulla salute cardiovascolare.
  • Hanno scoperto che l’inquinamento atmosferico è collegato a un numero maggiore di anni di vita persi, morti e anni trascorsi in disabilità.
  • Lo studio ha trovato una correlazione tra inquinamento atmosferico e salute cardiovascolare, ma non un nesso causale.

Circa il 91% della popolazione mondiale vive in luoghi dove l’indice di qualità dell’aria supera i limiti fissati dalle linee guida dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS).

L’inquinamento atmosferico è uno dei maggiori fattori di rischio per la disabilità, insieme all’ipertensione, al fumo e agli alti livelli di glucosio nel sangue. È anche un importante fattore di rischio per le malattie cardiovascolari (CVD), che contribuiscono a circa 1 decesso su 3 a livello globale.

L’inquinamento atmosferico sotto forma di particolato (PM) è solitamente classificato in tre sottogruppi in base al diametro delle particelle:

  • Particelle grossolane: Meno di 10 μm ma più di 2,5 μm (ovvero polvere, polline e ceneri volanti).
  • Particelle fini: Meno di 2,5 μm ma più di 0,1 μm (ovvero particelle di combustione e fumo).
  • Particelle ultrafini: Meno di 0,1 μm (ovvero, particelle di scarico diesel e combustione del legno).

La ricerca mostra che il particolato fine è il fattore di rischio ambientale più influente per la mortalità e la disabilità delle malattie cardiovascolari.

Ulteriori studi sul legame tra PM 2,5 e salute cardiovascolare nel tempo potrebbero informare la politica e le raccomandazioni in materia di salute pubblica.

Recentemente, i ricercatori hanno studiato gli effetti del PM 2.5 e dei decessi per cause cardiovascolari. Hanno scoperto che tra il 1990 e il 2019, il numero di decessi prematuri per malattie cardiovascolari e anni di disabilità legati al PM 2,5 è aumentato del 31% a livello globale.

Il dott. Cheng-Han Chen, cardiologo interventista e direttore medico del programma cardiaco strutturale presso il MemorialCare Saddleback Medical Center di Laguna Hills, in California, non coinvolto nello studio, ha dichiarato MNT:

“Lo studio mostra su scala globale come l’effetto del PM sulle malattie cardiovascolari sia cambiato nel tempo. L’inquinamento atmosferico rimane un fattore di rischio significativo per le malattie cardiovascolari e il problema sembra peggiorare. Rimangono significative disparità di genere e geografiche/sociodemografiche negli effetti dell’inquinamento atmosferico, che ci offrono opportunità per mirare meglio al controllo dell’inquinamento al fine di migliorare la salute delle persone”.

Lo studio è stato recentemente pubblicato su Giornale dell’American Heart Association.

Collegamento dell’inquinamento atmosferico a un rischio più elevato di disabilità, morte

Per lo studio, i ricercatori hanno analizzato i dati del Global Burden of Disease Study 2019, che contiene dati sulla salute di 204 paesi. In particolare, hanno esaminato i dati sulla cardiopatia ischemica e sull’ictus attribuiti al particolato tra il 1990 e il 2019.

L’esposizione all’inquinamento da particolato è stata stimata utilizzando informazioni provenienti da satelliti, monitoraggio a livello del suolo, modelli computerizzati di sostanze chimiche nell’atmosfera e dati sull’uso del suolo.

In particolare, i ricercatori hanno valutato i cambiamenti nel tempo negli anni di vita persi a causa di morte prematura (YLL), anni vissuti con disabilità (YLD) e anni di vita aggiustati per la disabilità (DALY), una misura basata sul tempo che combina YLL e YLD .

I ricercatori hanno notato che i decessi di tutte le età sono aumentati da 2,6 milioni nel 1990 a 3,5 milioni nel 2019.

Il numero di decessi di sesso maschile avvenuti durante il periodo di studio è aumentato del 43%, mentre il numero di decessi di sesso femminile è aumentato del 28,2%.

I ricercatori hanno inoltre notato che i DALY di tutte le età sono aumentati del 31% da 6,8 milioni nel 1990 a 8,9 milioni nel 2019, mentre i YLL sono diminuiti del 36,7% durante lo stesso periodo.

Hanno inoltre riferito che le regioni con condizioni socioeconomiche più elevate avevano il minor numero di YLL e il numero più alto di DALY, il che significa che mentre le persone avevano meno probabilità di morire per condizioni cardiovascolari legate al particolato, avevano maggiori probabilità di convivere con disabilità.

L’inverso era vero per i paesi con condizioni economiche inferiori; le persone avevano maggiori probabilità di morire per condizioni cardiovascolari legate al particolato e meno probabilità di convivere con una disabilità.

Tuttavia, alcuni paesi hanno registrato un calo della mortalità e della disabilità per condizioni cardiovascolari legate al particolato.

“In Europa, la mortalità e la disabilità da PM sono diminuite, probabilmente a causa della minore esposizione al PM, promuovendo misure di controllo dell’inquinamento atmosferico insieme a un accesso di qualità superiore alle strutture e ai servizi sanitari”, ha affermato il dott. Zahir Rahman, cardiologo presso lo Staten Island University Hospital, che non è stato coinvolto nello studio.

Perché l’inquinamento atmosferico aumenta il rischio di malattie cardiache?

MNT ha parlato con il Dr. Wei Chung-Su, PhD, assistente professore e ricercatore di scienze ambientali con UTHealth Houston, non coinvolto nello studio, su come l’inquinamento atmosferico da particolato contribuisce al rischio di malattie cardiache.

“Dopo essere state inalate nel sistema respiratorio umano, le particelle grossolane generalmente si fermano nelle vie aeree superiori. Tuttavia, le particelle fini e ultrafini possono raggiungere e depositarsi all’interno [deeper areas in the lungs]”, ha detto il dottor Chung-Su.

Il dottor Chung-su ha continuato a spiegare che quando il particolato si deposita nella regione polmonare, le sostanze nocive delle particelle possono penetrare nel sistema circolatorio. Ciò può quindi causare stress ossidativo e infiammazione, che a sua volta induce effetti cardiovascolari dannosi.

Il dottor Sameer Chaudhari, un cardiologo del Novant Health Heart & Vascular Institute di Monroe, North Carolina, non coinvolto nello studio, ha detto MNT di più su questi effetti cardiovascolari:

“Sia l’infiammazione che l’ossidazione coinvolgono una complessa catena di reazioni chimiche all’interno del corpo. Alla fine portano a cambiamenti avversi nel sistema circolatorio, causando restringimento o spasmi delle arterie, l’accumulo di “placche” (aterosclerosi) e il rilascio di sottoprodotti dannosi, che alla fine portano ad un aumento del rischio di ictus, malattia coronarica, cuore attacco e morte”.

Diversi tipi di inquinamento atmosferico possono portare a diversi esiti di salute

I ricercatori hanno esaminato l’esposizione all’inquinamento atmosferico sia all’aperto che al chiuso.

Mentre è più probabile che l’esposizione all’inquinamento dell’aria esterna porti a scarsi risultati per la salute, anche l’esposizione all’inquinamento dell’aria interna può causare danni. Ad esempio, utilizzando combustibili da biomassa per cucinare al chiuso senza un’adeguata ventilazione aumenta l’inquinamento dell’aria interna livelli.

Il dottor Rahman ha affermato che mentre i decessi legati all’inquinamento indoor sono generalmente diminuiti in tutto il mondo, sono aumentati nell’Africa sub-sahariana, probabilmente a causa dell’uso di fonti di combustibili solidi per cucinare e riscaldare. Potrebbero essere giustificate ulteriori ricerche sugli effetti dell’esposizione all’inquinamento dell’aria interna.

Inoltre, non è chiaro perché i maschi abbiano maggiori probabilità di morire per eventi cardiovascolari legati all’inquinamento atmosferico rispetto alle femmine. Sono necessari ulteriori studi che indaghino sulle differenze basate sul sesso nei decessi correlati all’inquinamento atmosferico.

Il dottor Rahman ha osservato che mentre lo studio mostra un’associazione tra inquinamento da particolato e salute cardiovascolare, non è possibile dedurre alcuna relazione causale.

MNT ha anche parlato con il Dr. Chen dei limiti dello studio. Ha osservato che lo studio non distingue tra gli effetti di diversi tipi di particolato e che diversi tipi di particolato hanno diversi effetti sulla salute.

Ha aggiunto che i dati dei paesi a basso e medio reddito potrebbero essere meno affidabili di quelli dei paesi con sistemi di segnalazione dell’assistenza sanitaria sviluppati, il che significa che le conclusioni per questi paesi potrebbero essere meno solide.

“Inoltre, lo studio è in grado di esaminare solo la cardiopatia ischemica e l’ictus, piuttosto che l’intero spettro delle malattie cardiovascolari, e quindi probabilmente sottovaluta l’impatto effettivo del PM sul rischio di malattie cardiovascolari”, ha continuato.

Proteggersi dai pericolosi livelli di inquinamento atmosferico

MNT ha chiesto al dottor Chen come i lettori possono proteggere la propria salute quando l’indice di qualità dell’aria raggiunge livelli pericolosi, come durante gli incendi. Ha osservato che è importante tenere d’occhio l’indice di qualità dell’aria locale.

“Con il peggioramento della qualità dell’aria, le persone appartenenti a “gruppi sensibili” come bambini, [people with asthma], o le persone con problemi cardiaci o polmonari, dovrebbero limitare il loro tempo all’aperto. Quando la qualità dell’aria raggiunge un livello “pericoloso”, raccomandiamo a tutte le persone di rimanere in casa con le finestre chiuse”, ha aggiunto il dottor Chen.

MNT ha anche chiesto al dottor Chaudhari dei modi per proteggersi dai livelli pericolosi di inquinamento atmosferico. Ha raccomandato:

  • Evitare il più possibile l’esposizione ad agenti di particolato visibilmente evidenti come fumo, polveri di fumi, pollini, incendi, sostanze chimiche e gas potenzialmente pericolosi.
  • Utilizzo di dispositivi di protezione come maschere, scudi e coperture protettive.
  • Richiedere assistenza medica per eventuali condizioni di salute potenzialmente derivanti dal particolato.

Infine, ha osservato che dovrebbero essere rivolti appelli ai funzionari della sanità pubblica e ai responsabili politici per migliorare la qualità dell’aria e ridurre al minimo l’inquinamento.