Home Notizia Mondo Demenza: la fragilità è un fattore di rischio indipendente, dice lo studio

Demenza: la fragilità è un fattore di rischio indipendente, dice lo studio

0
73

Una nuova ricerca indaga su un altro potenziale fattore di rischio per la demenza: l’aumento della fragilità. Credito immagine: Michelle Arnold/EyeEm/Getty Images.
  • Una serie di fattori genetici, comportamentali e ambientali provoca la demenza, che colpisce milioni di persone, soprattutto anziani.
  • In un nuovo studio, i ricercatori hanno trovato un legame tra una maggiore fragilità e un rischio più elevato di demenza.
  • C’era un legame tra i livelli di fragilità e il rischio di demenza, anche per le persone geneticamente a rischio di demenza.

In un nuovo studio, i ricercatori hanno trovato un’associazione tra una maggiore fragilità e un rischio più elevato di sviluppare demenza.

Lo studio, che presenta nel Journal of Neurology, Neurosurgery and Psychiatry, fornisce ulteriori informazioni agli scienziati per migliorare la loro comprensione delle complesse cause della demenza.

Demenza

Secondo il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), la demenza descrive una serie di disturbi che inducono una persona a sviluppare problemi cognitivi.

Il tipo più comune di demenza è il morbo di Alzheimer, una malattia neurodegenerativa che colpisce tipicamente le persone anziane. Di 5,8 milioni di persone negli Stati Uniti ha avuto la malattia di Alzheimer nel 2020.

Entro il 2060, il CDC stima che questo numero aumenterà probabilmente a 14 milioni persone.

La malattia di Alzheimer inizia con sintomi lievi, come un peggioramento della memoria. Alcune persone possono presumere che questo sintomo sia una parte naturale dell’invecchiamento, come non tutta la perdita di memoria è dovuto alla demenza. Tuttavia, se la malattia progredisce, può diventare grave, rendendo le persone incapaci di riconoscere amici intimi o familiari o di prendersi cura di se stesse.

C’è nessuna cura conosciuta per il morbo di Alzheimer. Gli scienziati ritengono che una combinazione di fattori genetici, comportamentali e ambientali sia responsabile della condizione. Pertanto, i medici si concentrano sulla prevenzione dello sviluppo della malattia da parte delle persone e sull’aiuto a gestirne i sintomi.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha chiamato per un maggiore impegno da parte dei governi di tutto il mondo per affrontare le demenze come il morbo di Alzheimer.

Il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS, afferma: “La demenza priva milioni di persone della loro memoria, indipendenza e dignità, ma priva anche il resto di noi delle persone che conosciamo e amiamo”.

“Il mondo sta abbandonando le persone affette da demenza, e questo fa male a tutti noi. Quattro anni fa, i governi hanno concordato una serie chiara di obiettivi per migliorare la cura della demenza. Ma gli obiettivi da soli non bastano. Abbiamo bisogno di un’azione concertata per garantire che tutte le persone con demenza siano in grado di vivere con il sostegno e la dignità che meritano”, sottolinea il dott. Ghebreyesus.

Fattore di rischio fragilità?

Nel presente studio, i ricercatori volevano ottenere maggiori informazioni sugli effetti dei fattori di stile di vita potenzialmente modificabili sul rischio di demenza di una persona, in particolare per le persone con una predisposizione genetica alla demenza.

I ricercatori si sono concentrati sul livello di fragilità di una persona. La fragilità descrive una serie di problemi di salute e può essere utile per aiutare i medici a determinare se una persona ha la demenza o è probabile che la sviluppi.

Gli scienziati hanno attinto ai dati della UK Biobank, un database genetico e sanitario su larga scala nel Regno Unito.

Hanno utilizzato i dati di 196.123 persone, esaminando il rischio genetico di demenza, fragilità e comportamenti salutari di ogni partecipante. Hanno quindi verificato quali individui hanno sviluppato la demenza in un periodo di 10 anni.

Queste persone erano un sottoinsieme dei partecipanti della Biobanca britannica, che sono più di 500.000. I ricercatori hanno incluso solo quelli di età superiore ai 60 anni al basale che non avevano demenza e avevano dati completi disponibili sui loro rischi di demenza e fragilità.

Fragilità legata alla demenza

Durante il periodo di studio, 1.762 partecipanti hanno sviluppato demenza. I ricercatori hanno scoperto che questi partecipanti avevano maggiori probabilità di avere un livello maggiore di fragilità rispetto alle persone che non hanno sviluppato la demenza.

I partecipanti più fragili avevano una probabilità 3,68 volte maggiore di sviluppare demenza rispetto ai partecipanti meno fragili, indipendentemente dal rischio genetico.

I ricercatori hanno anche scoperto che la fragilità aumenta il rischio di demenza anche per le persone già geneticamente predisposte a sviluppare la condizione.

L’autore principale Dr. David Ward, della Divisione di Medicina Geriatrica presso la Dalhousie University, Nuova Scozia, Canada, afferma che “[w]Stiamo assistendo a prove crescenti che intraprendere azioni significative durante la vita può ridurre significativamente il rischio di demenza”.

“La nostra ricerca è un importante passo avanti nella comprensione di come ridurre la fragilità potrebbe aiutare a migliorare drasticamente le possibilità di una persona di evitare la demenza, indipendentemente dalla sua predisposizione genetica alla condizione”, aggiunge.

“Questo è eccitante perché crediamo che alcune delle cause alla base della fragilità siano di per sé prevenibili. Nel nostro studio, questo sembrava essere possibile in parte attraverso l’adozione di comportamenti di stile di vita sani”.

La coautrice, la dott.ssa Janice Ranson, dell’Università di Exeter Medical School, nel Regno Unito, afferma che “[t]Questi risultati hanno implicazioni estremamente positive, mostrando che non è vero che la demenza è inevitabile, anche se sei ad alto rischio genetico”.

Secondo lei, “[w]Possiamo intraprendere azioni significative per ridurre il nostro rischio; affrontare la fragilità potrebbe essere una strategia efficace per mantenere la salute del cervello, oltre ad aiutare le persone a rimanere mobili e indipendenti più a lungo in età avanzata”.

Parlando con Notizie mediche oggi, la dott.ssa Laura Phipps – dell’Alzheimer’s Research UK – ha anche affermato che lo studio ha fornito ulteriori prove del fatto che una persona può ridurre il rischio di demenza attraverso i cambiamenti dello stile di vita.

“Questo studio su larga scala si aggiunge a un solido corpo di prove che tracciano una connessione tra salute fisica e salute del cervello”, ci ha detto. “Il rischio di demenza è influenzato da un complesso mix di età, genetica e fattori di stile di vita, e questa ricerca si aggiunge a studi precedenti che suggeriscono che i comportamenti sani possono anche essere in grado di ridurre l’impatto di alcuni geni di rischio”.

“I comportamenti specifici esaminati in questo studio – mangiare una dieta sana, rimanere fisicamente attivi, non fumare e non bere troppo – sono tutti noti per essere importanti per la salute del cervello, ma i meccanismi esatti alla base di questo collegamento non sono ancora del tutto chiari. Questi risultati suggeriscono che questi comportamenti salutari per il cuore possono aiutare a ridurre il rischio di demenza proteggendo dalla fragilità con l’avanzare dell’età».

– Dott.ssa Laura Phipps

“Non è mai troppo presto o troppo tardi per prendere provvedimenti per pensare alla salute del cervello e questo studio fornisce un altro motivo per aggiungere abitudini salutari ai propositi per il nuovo anno. Visita www.thinkbrainhealth.org.uk per i consigli di Alzheimer’s Research UK su come mantenere il cervello sano e ridurre il rischio di demenza”, consiglia il dott. Phipps.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here