Home Notizia Mondo COVID-19: il virus attivo, possibilmente infettivo, persiste dopo 10 giorni

COVID-19: il virus attivo, possibilmente infettivo, persiste dopo 10 giorni

0
37

Quanto tempo persiste SARS-CoV-2 nelle persone dopo l’infezione? Kobi Wolf/Bloomberg tramite Getty Images
  • Un nuovo studio suggerisce che la recente tendenza ad accorciare i periodi di isolamento e quarantena per COVID-19 potrebbe essere errata.
  • Gli scienziati hanno misurato la presenza del virus attivo utilizzando sequenze di RNA anziché frammenti di virus, rilevati dal test della reazione a catena della polimerasi (PCR).
  • Hanno scoperto che più di 1 persona su 10 risultata positiva per SARS-CoV-2 ha mantenuto infezioni attive per più di 10 giorni.
  • Non è chiaro se la presenza prolungata del virus attivo significhi che rimanga infettivo.

Mentre la pandemia di COVID-19 continua, le autorità sanitarie hanno rivisto la quantità di tempo in cui le persone con un’infezione da SARS-CoV-2 dovrebbero rimanere in isolamento o in quarantena.

Il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) attualmente raccomanda che le persone che risultano positive al test SARS-CoV-2 rimangano in isolamento per 5 giorni, seguiti da 5 giorni in cui indossano una maschera per il viso intorno agli altri. La guida per la quarantena è la stessa.

Un nuovo studio trova prove che il 13% di coloro che sono risultati positivi per un’infezione da SARS-CoV-2 hanno mantenuto infezioni attive per più di 10 giorni.

I ricercatori hanno trovato livelli clinicamente significativi del virus SARS-CoV-2 fino a 68 giorni in alcuni individui.

Di ulteriore preoccupazione è che non c’era nulla di clinicamente notevole in coloro le cui infezioni superavano i 10 giorni, rendendo difficile o impossibile la loro identificazione utilizzando sintomi o altri segni esterni.

I ricercatori dell’Università di Exeter nel Regno Unito hanno esaminato retroattivamente l’RNA subgenomico (sgRNA) e e sequenze genomiche geniche in 176 persone che avevano ricevuto risultati positivi al test PCR.

Lorna Harries, autrice senior dello studio e professoressa di genetica molecolare di Exeter, ha spiegato che sgRNA Notizie mediche oggi:

“Quando [SARS-CoV-2] sta crescendo attivamente, parti della sua sequenza di RNA che di solito non si trovano vicine tra loro si uniscono. Questo è sgRNA, abbreviazione di RNA subgenomico. Misurare questo ci consente di ottenere una misura se il virus rilevato potrebbe essere attivo e potenzialmente infettivo”.

Test PCR per frammenti SARS-CoV-2. Sebbene la loro presenza confermi che una persona ha contratto un’infezione, il test non è in grado di distinguere tra virus morto e virus ancora in replica.

Sebbene gli autori dell’attuale studio credano che l’sgRNA “fornisca un marker per la replicazione attiva del virus”, non tutti è d’accordo.

“Con questo studio, è importante riconoscere che non è chiaro se la presenza di sgRNA sia indicativa di contagiosità”, ha detto il dottor Amesh Ashok Adalja della Johns Hopkins MNT. Il dottor Adalja, un assistente professore, non è stato coinvolto nello studio.

I risultati dello studio compaiono nel Giornale internazionale delle malattie infettive.

Trovare un equilibrio

I periodi di isolamento o quarantena interrompono la vita e il lavoro delle persone. Di conseguenza, le autorità sanitarie hanno buone ragioni per mantenere queste interruzioni il più breve possibile dal punto di vista medico.

Inoltre, il Centro per la prevenzione e il controllo delle malattie afferma che le prove supportano le sue nuove raccomandazioni,

“Il cambiamento è motivato dalla scienza che dimostra che la maggior parte della trasmissione di SARS-CoV-2 si verifica all’inizio del decorso della malattia, generalmente 1-2 giorni prima dell’insorgenza dei sintomi e 2-3 giorni dopo”.

La dott.ssa Adalja ha affermato che il nuovo studio non significa che il CDC stia commettendo un errore, perché “l’obiettivo è fornire una guida che le persone possano effettivamente seguire che blocchi anche il massa di trasmissione”.

Ha osservato che ci sono “dati di lunga data dalle indagini sui contatti dei casi che illustrano che la trasmissione diventa estremamente rara 5 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi”.

Sollevare il dubbio

Il professor Harries non era d’accordo, dicendo: “Sono a disagio per il passaggio a un isolamento di 5 giorni, basato sui nostri dati, così come su quelli degli altri”.

“Decidere la durata dell’isolamento è ovviamente un equilibrio tra prevenire la trasmissione e mantenere la società aperta”, ha aggiunto il prof. Harries, “ma i nostri dati suggeriscono che le persone differiranno per quanto tempo sono infettive, e in particolare in contesti vulnerabili, come le case di cura per anziani, potrebbe essere prudente utilizzare misure di sicurezza aggiuntive per proteggere le persone”.

Anche le nuove varianti di SARS-CoV-2 sono una preoccupazione, ha affermato il prof. “Dato che Delta e Omicron sono molto più infettivi, la quantità di virus che deve essere trasferita per infettare qualcun altro potrebbe essere inferiore, quindi più persone cadrebbero al di sopra di una soglia di rilevanza clinica”.

Per gli aggiornamenti in tempo reale sugli ultimi sviluppi relativi al COVID-19, fare clic qui.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here