Home Notizia Mondo Come parlare ai propri cari dell’Ucraina e di altre notizie angoscianti

Come parlare ai propri cari dell’Ucraina e di altre notizie angoscianti

0
29

L’empatia per la difficile situazione del popolo ucraino è del tutto naturale e appropriata. Ma il flusso costante di notizie sconvolgenti può danneggiare il benessere mentale di individui vulnerabili, come bambini e persone che hanno vissuto i propri eventi traumatici. Medical News Today ha chiesto agli psicoterapeuti consigli su come discutere in modo sensibile le notizie angoscianti.

Un bambino tiene una bandiera nazionale ucraina con un cuore d’amore disegnato su di essa mentre partecipa a una protesta con sua madre il 28 febbraio 2022 a Martin Place, Sydney, Australia. James D. Morgan/Getty Images

Viviamo in un’epoca in cui chiunque maneggia uno smartphone in una zona di guerra può mostrare al resto del mondo esattamente cosa sta succedendo. La tecnologia rende più difficile per i media controllati dallo stato nascondere la verità e aiuta a rispondere a entrambe le parti del conflitto.

Ma la raffica di storie e immagini angoscianti sui social media e sulla televisione può anche danneggiare il benessere mentale delle persone vulnerabili.

“La guerra in Ucraina ha scatenato forti emozioni, come rabbia, paura, preoccupazione, confusione e ansia”, ha affermato Yamila Lezcano, consulente per la salute mentale autorizzata e direttrice del programma della Miami Mental Health Awareness Initiative.

“Il pensiero di una guerra in un altro paese, sebbene distante dagli Stati Uniti, può ancora essere opprimente per molti e portare a preoccupazioni per la sicurezza delle loro stesse vite”, ha detto Notizie mediche oggi.

“La prospettiva di una guerra è un argomento estremamente spiacevole e intimidatorio per la maggior parte di noi, poiché ci ricorda che non siamo in grado di controllare gran parte di ciò che accade nel mondo”, ha osservato Yalda Safai, psichiatra di New York, NY.

“Quando l’incertezza colpisce, le persone immaginano scenari peggiori, che possono portare a sentimenti di impotenza e ansia”, ha detto.

Parliamo dell’Ucraina

Riconoscere la situazione in Ucraina è di fondamentale importanza, così come parlarne con i propri cari in modo solidale e sensibile.

Persone inclini all’ansia

Secondo Lezcano, il modo migliore per aiutare gli adulti vulnerabili che si sentono ansiosi per il conflitto è riconoscere i loro sentimenti e sostenerli nella ricerca di modi per far fronte.

“Ascoltare e comunicare in modo non giudicante è essenziale, poiché aiuta la persona a sentirsi ascoltata e compresa senza essere giudicata”, ha affermato.

“Questo può facilitare il parlare liberamente dei loro problemi e chiedere aiuto se ne hanno bisogno”, ha aggiunto.

Aivigail Lev, fondatore e direttore del Bay Area CBT Center di San Francisco e Oakland, in California, ha affermato che è importante essere onesti sulla situazione in Ucraina.

“Non possiamo proteggere le persone da ciò che sta accadendo nel mondo”, ha detto. “Ricoprire di zucchero la situazione non aiuterà”.

“Fai loro sapere che sei lì per aiutarli a elaborare i loro sentimenti”, ha consigliato Joe Vaccaro, PsyD, direttore esecutivo di Newport Healthcare a Orange County, CA.

“Lasciati coinvolgere in attività all’aperto che riducono lo stress insieme, come fare le passeggiate durante le conversazioni”, ha aggiunto.

Ha anche suggerito di incoraggiarli a cercare la meditazione e la consapevolezza come strumenti per gestire l’ansia.

Sopravvissuti al trauma

Le notizie dall’Ucraina potrebbero essere particolarmente sconvolgenti per coloro che hanno ricordi traumatici legati alla guerra. Tieni presente che i sopravvissuti al trauma sono spesso sopraffatti dai loro sentimenti, ha detto Lezcano.

“[Tell them] che non sono soli nei loro sentimenti e che è comune per molte persone esprimere angoscia dopo che si è verificato un trauma, specialmente quando determinate situazioni, come la guerra in Ucraina, potrebbero fungere da fattore scatenante”, ha affermato.

“Il supporto sociale è un fattore protettivo per aiutare gli adulti vulnerabili a sentirsi al sicuro e in contatto con le persone che si prendono veramente cura di loro”, ha sottolineato.

Bambini

“Le notizie provenienti dall’Ucraina sono angoscianti per gli spettatori di tutte le età, ma possono essere particolarmente difficili per bambini e adolescenti”, ha affermato Aude Henin, Ph.D., co-direttore del programma di terapia comportamentale cognitiva infantile presso il Massachusetts General Hospital di Boston.

“Quando si decide se sollevare il tema dell’Ucraina con [young people]i genitori possono seguire l’esempio del bambino e chiedere informazioni su ciò che il bambino sa”, ha detto.

“Con i bambini molto piccoli, potrebbe essere meglio non sollevare l’argomento a meno che il bambino non lo sollevi”, ha aggiunto.

Brandy Porche, un consulente professionale autorizzato con Mindpath Health con sede a Dallas, TX, ha dichiarato:

“Non importa l’età di tuo figlio, non condividere storie di guerra prima di andare a letto, poiché la guerra non è mai una favola della buonanotte appropriata. […] Qualunque sia il tuo tono, tuo figlio lo imiterà nello spirito. Se hai paura e la tua voce lo riflette, tuo figlio avrà paura. Va bene trasmettere preoccupazione ed empatia. Ma per favore non trasmettere rabbia o ansia perché questo si trasferisce al bambino”.

La dott.ssa Toya Roberson-Moore, psichiatra dell’infanzia e dell’adolescenza, Pathlight Mood & Anxiety Center, ha consigliato:

“I bambini avranno domande su cosa sta succedendo in Ucraina. Incoraggiali a sviluppare le loro capacità di pensiero critico e a impegnarsi in modo ponderato negli eventi attuali, mentre allo stesso tempo navigano le loro emozioni in modo sano, sicuro e produttivo”.

Adolescenti e giovani adulti

“Con meno esperienza di vita e indipendenza rispetto agli adulti, anche i giovani adulti e gli adolescenti hanno bisogno di aiuto per navigare nelle notizie sulla crisi”, ha affermato Amanda Fialk, Ph.D., LCSW, partner e direttore clinico presso The Dorm a New York, NY, che fornisce supporto psicologico ai giovani adulti.

“I genitori dovrebbero ascoltare, essere autentici, porre domande aperte e convalidare i sentimenti che il loro bambino sta esprimendo”, ha affermato il dottor Fialk.

“Fai sapere ai tuoi figli che va bene sentirsi tristi, preoccupati, spaventati e arrabbiati per questa situazione”, ha aggiunto.

“Riconosci il negativo ma concentrati sulle storie positive nelle tue discussioni”, ha consigliato il dottor Vaccaro. “Parlare di organizzazioni che stanno aiutando le persone bisognose e di giovani appassionati di pace, per esempio”, ha detto.

Dovremmo evitare l’argomento?

“Per quelli già [experiencing] ansia generalizzata, la prospettiva di un mondo instabile può sembrare un evento catastrofico”, ha affermato il dottor Safai. “Se i tuoi cari rientrano in questa categoria, evitare del tutto l’argomento potrebbe essere a loro vantaggio.”

Per tutti gli altri, invece, ha detto che era importante impegnarsi in una conversazione educativa.

“Se decidi di sollevare il pesante argomento della guerra alla prossima riunione di famiglia, ricorda di rompere l’abitudine di rimuginare su risultati negativi, evitare catastrofi e mantenere una prospettiva equilibrata”.

– Dottor Safai

Strategie di coping sane e malsane

“Incoraggiate la persona amata a riconoscere i propri limiti quando si tratta di consumare notizie/social media durante questo periodo, sia che ciò significhi limitare del tutto il tempo sullo schermo, disattivare le notifiche di notizie, ecc.”, ha consigliato il dottor Vaccaro.

“Invece di ‘scorrere il destino’ quando si sentono ansiosi, incoraggiali a uscire! Stare all’aperto e respirare aria fresca può ridurre lo stress e l’ansia”, ha detto.

Le persone dovrebbero diffidare della tentazione di alleviare la propria ansia con alcol o altre sostanze, ha affermato Dave Marlon, ex CEO di CrossRoads del Nevada meridionale, centro per il trattamento dell’abuso di sostanze e co-fondatore e CEO di Vegas Stronger.

“Provere empatia per le persone che subiscono le atrocità della guerra che si verificano in Ucraina è naturale e appropriato”, ha affermato. “Far fronte alla preoccupazione e alla tristezza aumentando il consumo di alcol e altre droghe non è una risposta salutare”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here