Home Consiglio Medico Malattie & Sintomi Chirurgia per la malattia di Crohn

Chirurgia per la malattia di Crohn

0
3

Cos’è la malattia di Crohn?

La malattia di Crohn è una malattia infiammatoria intestinale che causa un’infiammazione cronica del tratto intestinale. L’infiammazione di solito colpisce l’estremità dell’intestino tenue, o ileo, e la prima porzione del colon. Tuttavia, la malattia può svilupparsi in qualsiasi parte del tratto intestinale, inclusi:

  • bocca
  • esofago
  • stomaco
  • retto

La malattia di Crohn può verificarsi anche negli strati del rivestimento intestinale. L’infiammazione e l’irritazione persistenti spesso causano sintomi fastidiosi, come:

  • diarrea
  • gonfiore
  • dolore addominale
  • fatica
  • una perdita di appetito
  • nausea
  • feci sanguinolente

La maggior parte delle persone con malattia di Crohn necessita di cure. Sebbene non esista una cura per la malattia, i medici possono prescrivere farmaci destinati a controllare l’infiammazione e alleviare i sintomi.

Quando è indicato un intervento chirurgico per la malattia di Crohn?

I farmaci non sono sempre sufficienti e alcune persone con malattia di Crohn alla fine necessitano di un intervento chirurgico. Si stima che il 75% delle persone con la malattia richieda un qualche tipo di intervento chirurgico per alleviare i sintomi. La chirurgia è spesso considerata un trattamento di ultima istanza per la malattia di Crohn.

Se il medico trova tessuto canceroso o indicatori potenzialmente cancerogeni nel colon, potrebbe essere necessario un intervento chirurgico. Le persone con malattia di Crohn sono a maggior rischio di cancro del colon-retto, ma la rimozione di alcune sezioni del colon può aiutare a prevenire lo sviluppo di questo tipo di cancro.

Potresti anche aver bisogno di un intervento chirurgico perché i farmaci che stai assumendo causano gravi effetti collaterali o hanno smesso di funzionare in modo altrettanto efficace.

Se la malattia di Crohn sta creando complicazioni che rappresentano un’emergenza medica, potresti anche aver bisogno di un intervento chirurgico. Queste complicazioni possono includere:

  • un ascesso intestinale
  • una perforazione intestinale
  • una fistola, che è una connessione anormale tra due cavità, come il retto e la vescica
  • un blocco o un’ostruzione intestinale
  • megacolon tossico
  • sanguinamento incontrollato

Sebbene la chirurgia possa aiutare molte persone che convivono con la malattia di Crohn, tutte le operazioni comportano alcuni rischi. Alcuni tipi di intervento chirurgico potrebbero non essere appropriati per te. Tu e il tuo medico potete valutare i rischi per l’intervento chirurgico e discutere se l’intervento chirurgico potrebbe aiutarvi a vivere una vita più sana.

Tipi di intervento chirurgico per la malattia di Crohn

Il tipo di intervento chirurgico che il chirurgo eseguirà dipende dalla parte del tratto intestinale interessata.

Stomia

Una stomia comporta la creazione di un buco per il tuo corpo per eliminarne il contenuto. Il chirurgo può eseguire questo intervento dopo aver rimosso una parte dell’intestino tenue o crasso. Quando il chirurgo esegue questa procedura sull’intestino tenue, si parla di ileostomia. Quando eseguono questa procedura sull’intestino crasso, si chiama colostomia. Una colostomia e un’ileostomia comportano la creazione di un foro nell’addome. In alcuni casi, il chirurgo può invertire questa procedura una volta che l’intestino ha avuto il tempo di guarire.

Esempi di altri interventi chirurgici usati per trattare la malattia di Crohn includono quanto segue:

  • una resezione intestinale, che comporta la rimozione della porzione danneggiata dell’intestino
  • una colectomia, che comporta la rimozione di sezioni malate del colon
  • una proctocolectomia, che consiste nella rimozione del colon e del retto e spesso comporta la creazione di una stomia per raccogliere i prodotti di scarto
  • una stenoplastica, che comporta l’accorciamento e l’allargamento dell’intestino per ridurre gli effetti delle cicatrici.

I chirurghi possono eseguire la maggior parte di queste procedure utilizzando una tecnica minimamente invasiva o la laparoscopia. Questi metodi prevedono la realizzazione di piccole incisioni e l’utilizzo di strumenti e telecamere speciali per visualizzare l’interno del corpo. In alcuni casi, tuttavia, il chirurgo potrebbe dover eseguire incisioni più grandi durante le procedure.

Rischi di un intervento chirurgico per la malattia di Crohn

Tutte le procedure chirurgiche comportano alcuni rischi. Se stai subendo un intervento chirurgico per il morbo di Crohn, è possibile che il tuo chirurgo tagli accidentalmente un’area di intestino sano, il che potrebbe causare un sanguinamento significativo. Ulteriori rischi includono quanto segue:

Infezione

Qualsiasi intervento chirurgico che comporta incisioni comporta rischi di infezione. L’apertura della cavità corporea consente ai batteri nocivi di entrare e infettare il corpo. Le incisioni chirurgiche possono anche essere infettate dopo l’intervento se non vengono curate adeguatamente.

Malassorbimento

L’intestino tenue è responsabile della digestione di molte sostanze nutritive nel cibo. Un intervento chirurgico per rimuovere tutto o una parte dell’intestino tenue può causare malassorbimento. Questa condizione influisce sulla capacità del corpo di assorbire una quantità sufficiente di nutrienti, il che aumenta il rischio di carenze nutrizionali.

Ulcere marginali

Ulcere marginali possono svilupparsi nel sito in cui il chirurgo ricuce insieme l’intestino. Ciò impedisce all’area di guarire correttamente. Il risultato può essere molto doloroso e portare a infezioni o perforazioni intestinali.

Pouchite

La pouchite può verificarsi dopo che il chirurgo ha rimosso il colon se ha ricollegato l’estremità dell’intestino tenue all’ano. Questa procedura è chiamata anastamosi ileoanale. Durante questa procedura, il chirurgo crea una sacca a forma di J per raccogliere i rifiuti e rallentare il transito di tali rifiuti nell’ano. Questo riduce l’incontinenza. La pouchite si verifica se questa sacca a forma di J si infiamma. I sintomi comuni di pouchite includono una perdita di controllo intestinale, sangue nelle feci e febbre.

Restrizioni

Striature o cicatrici potrebbero svilupparsi nel sito chirurgico. Il danno risultante può rendere difficile il passaggio del cibo e delle feci digeriti attraverso il corpo. Questo può eventualmente portare a un’ostruzione dell’intestino tenue o alla perforazione intestinale.

C’è anche la possibilità che alcuni interventi chirurgici non funzionino come previsto e che i sintomi possano continuare.

È importante che tu e il tuo medico discutiate di questi rischi prima dell’intervento chirurgico. In genere, la chirurgia non è consigliata se i rischi superano i benefici.

Ridurre al minimo i rischi per le complicazioni post-procedura comporta l’ascolto attento delle istruzioni del medico dopo l’intervento chirurgico. Ciò include mantenere le incisioni pulite e asciutte e seguire qualsiasi dieta speciale che il medico potrebbe raccomandare.

Quando chiamare il medico

Dovresti chiamare il tuo medico se sviluppi sintomi gravi che potrebbero indicare la presenza di un’infezione o un’altra complicanza. Questi sintomi includono:

  • gonfiore addominale
  • sangue nelle feci
  • dolore al petto
  • confusione
  • una febbre superiore a 101 ° F
  • dolore che non si attenua nel tempo
  • pus o secrezione maleodorante proveniente dalle incisioni
  • fiato corto
  • l’incapacità di mangiare o bere qualcosa

Chiama immediatamente il tuo medico se manifesti uno di questi sintomi dopo l’intervento.

Recupero da un intervento chirurgico per il morbo di Crohn

La durata del tempo di recupero può variare a seconda dell’approccio chirurgico e del tipo di intervento chirurgico eseguito. Alcune persone potrebbero dover rimanere in ospedale solo per pochi giorni dopo l’intervento. Altri potrebbero dover rimanere per un paio di settimane. Parla con il tuo medico del tempo di recupero stimato per il tuo particolare intervento chirurgico.

Il tuo medico ti darà istruzioni su come recuperare a casa. Molte persone sono incoraggiate a seguire una dieta povera di fibre ea basso residuo dopo l’intervento chirurgico. Questo dà al tuo intestino il tempo di riposare perché non deve lavorare così duramente per digerire i cibi.

Esempi di alimenti a basso contenuto di fibre ea basso residuo includono:

  • avocado
  • frutta in scatola o cotta
  • pasta
  • patate
  • riso
  • verdure ben cotte

Occasionalmente potresti sentirti stanco oa disagio durante il recupero. Tuttavia, dovresti sentirti molto meglio quando il tuo periodo di recupero volge al termine. Idealmente, il tuo intervento chirurgico dovrebbe ridurre i sintomi della malattia di Crohn.

Trovare supporto dopo l’intervento chirurgico per la malattia di Crohn

Mentre la chirurgia può certamente aiutare ad alleviare i sintomi, la rimozione di una parte dell’intestino può cambiarti la vita. Può influenzare il modo in cui mangi, bevi e usi il bagno. Se hai problemi ad adattarti dopo l’intervento chirurgico, dovresti prendere in considerazione l’idea di unirti a un gruppo di supporto.

Sono disponibili molti gruppi di supporto. Puoi unirti a loro per discutere le tue sfide con altri che hanno avuto o che stanno vivendo esperienze simili. Per trovare gruppi di supporto nella tua zona o online, visita i siti web della Crohn’s & Colitis Foundation of America e della United Ostomy Associations of America. Puoi anche chiedere al tuo medico se può consigliare risorse di supporto locale.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here