Home Notizia Mondo Uno studio collega l’uso dello smartphone al basso numero di spermatozoi e...

Uno studio collega l’uso dello smartphone al basso numero di spermatozoi e all’infertilità maschile

0
19

Un uomo al cellulare che guarda fuori da una finestra di vetro
Un ampio studio basato sulla popolazione mostra una diminuzione della concentrazione di spermatozoi e del conteggio totale degli spermatozoi con un aumento dell’uso del telefono cellulare. Westend61/Getty Images
  • Gli esperti sanitari hanno cercato per mezzo secolo le influenze ambientali e di stile di vita dietro la diminuzione del numero di spermatozoi maschili.
  • Alcuni ricercatori ritengono che i telefoni cellulari che emettono campi elettromagnetici a radiofrequenza a basso livello possano influire sulla fertilità maschile.
  • Un ampio studio sulla popolazione svizzera ha rivelato una diminuzione della concentrazione e del numero totale di spermatozoi con l’aumento dell’uso del telefono cellulare.
  • I risultati indicano che le tecnologie telefoniche avanzate potrebbero avere un impatto minore sulla qualità dello sperma.

Si ritiene che la fertilità maschile compromessa contribuisca a circa la metà dei casi di infertilità clinica.

L’infertilità maschile è una crescente preoccupazione per la salute pubblica poiché gli esperti hanno osservato un calo del 50% nella conta degli spermatozoi maschili nell’arco di diversi decenni.

Alla ricerca di risposte, i ricercatori hanno studiato vari fattori ambientali per la loro potenziale influenza sulla qualità dello sperma. Questi possono includere:

  • esposizione alle radiazioni
  • perturbatori endocrini
  • abitudini di vita (ad esempio, dieta, stress, alcol, droghe e fumo)

In un recente studio, scienziati dell’Università di Ginevra e dello Swiss Tropical and Public Health Institute hanno esaminato gli effetti che l’uso e il posizionamento del telefono cellulare possono avere sull’infertilità maschile.

Lo studio, durato 13 anni, suggerisce che l’uso dello smartphone può essere associato a una minore concentrazione di spermatozoi e a una conta spermatica totale (TSC) inferiore nei giovani maschi adulti.

Tuttavia, le transizioni al 3G e al 4G potrebbero aver attenuato l’impatto sul numero degli spermatozoi, forse a causa della minore potenza di trasmissione dei telefoni più recenti.

I risultati sono stati recentemente pubblicati in Fertilità e sterilità.

I cellulari influiscono sull’infertilità maschile?

Per lo studio, i ricercatori hanno reclutato 2.886 uomini di età compresa tra 18 e 22 anni tra il 2005 e il 2018 presso i centri di reclutamento militare. I periodi di studio vanno dal 2005 al 2007, dal 2008 al 2011 e dal 2012 al 2018.

Gli specialisti di laboratorio hanno raccolto campioni di sperma e registrato la concentrazione degli spermatozoi, la conta totale degli spermatozoi (TSC) e la motilità.

I partecipanti hanno risposto a domande riguardanti la loro salute riproduttiva e generale, l’istruzione e le abitudini di vita e gli è stato chiesto quanto spesso utilizzano i loro dispositivi. Le risposte sulla frequenza di utilizzo variavano da una volta alla settimana a oltre 20 volte al giorno.

Hanno risposto alle domande un totale di 2.764 soggetti. I ricercatori hanno classificato questi partecipanti in cinque gruppi in base alla frequenza di utilizzo del telefono cellulare.

La concentrazione media di spermatozoi era nettamente più alta tra gli uomini che avevano riferito di usare il telefono una volta alla settimana rispetto a quelli che lo usavano più di 20 volte al giorno.

Inoltre, il primo periodo di studio ha mostrato un legame “più pronunciato” tra l’uso dello smartphone e la concentrazione di sperma rispetto ai periodi successivi. La traiettoria sembra allinearsi con la progressione delle nuove tecnologie dal 2G al 3G al 4G, corrispondente a una diminuzione della potenza di uscita del telefono cellulare.

È importante dove porti il ​​telefono?

I ricercatori hanno anche chiesto ai partecipanti dove tenevano i loro telefoni quando non erano in uso. Le risposte relative alla posizione del telefono in caso di mancato utilizzo includevano pantaloni, giacca, cintura o altre parti non presenti sul corpo.

Circa l’85,7% del gruppo di studio – 2.368 maschi – ha riferito di tenere il telefono nelle tasche dei pantaloni quando non viene utilizzato.

I restanti uomini conservavano il telefono nelle giacche (4,6%) o lontano dal corpo (9,7%).

I modelli di studio non hanno mostrato alcuna associazione tra il portare i telefoni nei pantaloni e parametri di qualità dello sperma inferiori.

Questa mancanza di correlazione era evidente anche nell’analisi stratificata per periodo di reclutamento.

Perché il numero degli spermatozoi maschili sta diminuendo?

Secondo il Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS)un maschio con una concentrazione di spermatozoi inferiore a 15 milioni per millilitro può impiegare più di un anno per concepire un bambino con un partner.

Inoltre, le possibilità di gravidanza sono minori se la concentrazione di spermatozoi scende sotto i 40 milioni per millilitro.

La ricerca indica che il numero di spermatozoi è sceso a una media di 47 milioni di spermatozoi per millilitro da 99 milioni. Ciò è particolarmente vero nelle nazioni occidentali.

Notizie mediche oggi hanno discusso dello studio svizzero con il dottor Hussain Ahmad, un consulente nel Regno Unito. Non è stato coinvolto nella ricerca.

Il dottor Ahmad ha condiviso che una miriade di fattori influenzano il conteggio degli spermatozoi, come:

  • uso di droghe (su prescrizione e illegali)
  • uso di alcol
  • uso del tabacco
  • fatica
  • inattività fisica

“In generale, il mondo è molto più “medicato” di quanto lo fosse in passato. Gran parte di ciò può essere attribuito ai progressi nel settore sanitario per la diagnosi e il trattamento, nonché all’aumento dello stress e della pressione derivanti dagli stili di vita moderni. Quando si combinano questi due fattori, a più pazienti viene diagnosticato lo stress e trattati con farmaci. In teoria, sperimentare un livello di stress che richiede cure mediche raddoppia le possibilità che gli uomini colpiti abbiano problemi di fertilità”.

— Dr. Hussain Ahmad, consulente medico

Le “sostanze chimiche per sempre” influenzano la fertilità nei maschi?

Le sostanze poli e perfluoroalchiliche artificiali (PFAS) sono state ampiamente utilizzate nelle industrie e nei prodotti di consumo.

I PFAS, noti anche come “sostanze chimiche per sempre”, vengono gradualmente eliminati a causa dei forti legami con molteplici effetti sulla salute, inclusa la ridotta qualità dello sperma.

Tuttavia, queste sostanze chimiche persistono nell’ambiente e nel corpo umano.

Una revisione del 2022 suggerisce che i PFAS si accumulano a livelli rilevabili in tutto il corpo e all’interno dei fluidi corporei come il liquido seminale.

Le radiazioni dei cellulari hanno effetti a lungo termine?

I ricercatori hanno collaborato a questo studio trasversale su larga scala sull’uso del telefono cellulare e sulla qualità dello sperma. Il loro lavoro ha raccolto oltre un decennio di dati su migliaia di uomini in Svizzera.

La dipendenza dai dati auto-riferiti è una limitazione significativa. Per superare questo problema nelle ricerche future, gli autori hanno lanciato un altro studio in cui i partecipanti scaricheranno un’applicazione per smartphone.

Questo studio ha riguardato solo i maschi di età compresa tra 18 e 22 anni. Gli effetti dei campi elettromagnetici a radiofrequenza (RF-EMF) emessi dai telefoni cellulari sugli uomini più anziani devono ancora essere esplorati.

Il dottor Neil Paulvin, DO, un medico di longevità e medicina rigenerativa certificato con sede a New York, non coinvolto nello studio, ha spiegato a MNT:

“I risultati non sono del tutto conclusivi, ma dato che l’associazione è inferiore nel 2023 rispetto al periodo 2005-2007, l’effetto che l’uso del cellulare può avere sulla fertilità sarà probabilmente meno evidente per gli uomini più giovani e più evidente per gli uomini più anziani. uomini, dato che sarebbero più propensi a utilizzare i telefoni cellulari tra il 2005 e il 2007”.

Lo ha detto l’urologo Dr. Justin Houman, anch’egli non coinvolto nello studio MNT che “gli uomini più anziani, con la loro esposizione prolungata alle radiazioni dei telefoni cellulari e l’effetto cumulativo di altri fattori ambientali e di stile di vita, potrebbero correre un rischio maggiore”.

I telefoni cellulari più vecchi possono causare danni riproduttivi

“Mentre l’esatto meccanismo dell’impatto rimane oggetto di dibattito, la correlazione evidenzia la necessità di un uso cauto, in particolare con i modelli di telefoni più vecchi associati ad emissioni più elevate”, ha aggiunto il dottor Houman.

I ricercatori hanno concluso: “La mancanza di prove chiare di un’associazione negativa tra l’uso del telefono cellulare e la fertilità maschile, così come il drammatico aumento dell’uso del telefono cellulare negli ultimi dieci anni, sottolinea la necessità di ulteriori ricerche in questo settore”.

Gli autori dello studio hanno anche espresso la necessità di “studi osservazionali prospettici” per valutare l’esposizione ai campi elettromagnetici RF ai testicoli e all’asse ipotalamo-ipofisi-gonadi”.

“Ciò ci consentirebbe di esaminare l’associazione tra l’uso del telefono cellulare, l’esposizione ai campi elettromagnetici RF e la qualità dello sperma e di comprendere meglio la modalità di azione dei campi elettromagnetici RF sul sistema riproduttivo maschile”, hanno affermato i ricercatori.

Molti fattori influenzano i tassi di fertilità

Lo ha detto il dottor Ahmad MNT che, sebbene lo studio svizzero sia interessante e meriti ulteriori indagini, potrebbe esserci un quadro più ampio che influenza lo stress e i tassi di fertilità che vale la pena esaminare.

Altri fattori che contribuiscono allo stress e al calo dei tassi di fertilità potrebbero includere anche:

  • fattori economici
  • continue notizie negative dal mondo
  • pressioni dei social media

“[This means] che sempre più individui sperimentano livelli di stress che richiedono cure mediche”, ha osservato il dottor Ahmad.

In effetti, alcuni esperti si chiedono se l’uso del telefono cellulare, di per sé, possa influire in modo significativo sulla fertilità maschile.

Il dottor Paulvin ha osservato che non esiste un verdetto chiaro sulla questione perché “viviamo in un mondo in cui è praticamente impossibile operare senza l’uso frequente del cellulare”.

“Tuttavia è difficile trarre conclusioni definitive da questo studio, perché ci sono tanti altri fattori che influenzano la fertilità. E sebbene questo studio abbia concluso che l’uso del telefono cellulare influisce sulla concentrazione dello sperma, ci sono molti fattori con cui non è stata trovata alcuna associazione”, ha concluso il dottor Paulvin.