Home Notizia Mondo Una nuova ricerca sul cancro alla prostata può portare a una migliore...

Una nuova ricerca sul cancro alla prostata può portare a una migliore diagnosi…

0
31

Un ricercatore sul cancro scruta al microscopio
I ricercatori dicono di aver scoperto due nuovi sottotipi di cancro alla prostata. sanjeri/Getty Images
  • I ricercatori affermano che l’intelligenza artificiale li ha aiutati a identificare due sottotipi di cancro alla prostata.
  • Affermano che i nuovi “evotipi” del cancro alla prostata potrebbero essere utilizzati per diagnosticare meglio i pazienti e migliorare il trattamentoS.
  • Aggiungono che i risultati potrebbero essere particolarmente preziosi nel trattamento di una malattia in cui possono verificarsi sia trattamenti insufficienti che eccessivi.

I ricercatori riferiscono che un programma aiutato dall’intelligenza artificiale (AI) li ha aiutati a identificare due distinti sottotipi di cancro alla prostata – una scoperta che secondo loro potrebbe migliorare la diagnosi e il trattamento della malattia, inclusa la prevenzione di interventi chirurgici non necessari.

Loro studio è stato pubblicato oggi sulla rivista Genomica cellulare.

In esso, i ricercatori dell’Università di Oxford e dell’Università di Manchester in Inghilterra hanno identificato gli “evotipi” della prostata utilizzando l’intelligenza artificiale per analizzare i dati del DNA.

I ricercatori hanno studiato i cambiamenti nei campioni di cancro alla prostata di 159 persone utilizzando il sequenziamento genomico per identificare la coppia di evotipi.

I ricercatori affermano che i risultati potrebbero aiutare a sviluppare un test genetico che, se combinato con la stadiazione e la classificazione convenzionali, potrebbe fornire ai pazienti una prognosi e un trattamento precisi.

Ha detto Rupal Mistry, PhD, senior science engagement manager presso Cancer Research UK, che ha contribuito a finanziare lo studio Notizie mediche oggi che la ricerca “ha gettato le basi per trattamenti personalizzati per le persone affette da cancro alla prostata, consentendo a più persone di sconfiggere la malattia”.

“La nostra ricerca dimostra che i tumori della prostata si evolvono lungo percorsi multipli, portando a due distinti tipi di malattie”, ha affermato il dottor Dan Woodcock, ricercatore capo dello studio e leader del gruppo nella scienza dei dati traslazionali presso il Dipartimento di Scienze Chirurgiche di Nuffield presso l’Università di Oxford , in un comunicato stampa. “Questa comprensione è fondamentale in quanto ci consente di classificare i tumori in base al modo in cui si evolve piuttosto che esclusivamente in base alle mutazioni genetiche individuali o ai modelli di espressione”.

Il dottor Michael Morris, capo della sezione dedicata al cancro alla prostata presso il Memorial Sloane Kettering Cancer Center di New York, non coinvolto nello studio, ha detto Notizie mediche oggi che gli evotipi identificati nello studio potrebbero dire a medici e pazienti “quale percorso stanno seguendo e quanto lontano sono arrivati” nella progressione della loro malattia.

Strumenti diagnostici per il cancro alla prostata

I medici hanno attualmente a disposizione una serie di strumenti diagnostici per il cancro alla prostata, ha affermato Morris.

Il cancro alla prostata Punteggio di Gleasonad esempio, si basa su fattori come l’antigene prostatico specifico (PSA) risultati e la maggior parte di un tumore esistente. Esistono anche altri test disponibili in commercio che possono fornire la classificazione genomica della malattia della prostata.

Tuttavia, ha affermato Morris, questi test forniscono solo un’istantanea di dove si trova la malattia al momento della valutazione, mentre l’evotipizzazione prevista nell’ultimo studio “è una modalità più dinamica”.

Morris ha osservato che l’intelligenza artificiale viene utilizzata anche in altri modi, come la valutazione di vetrini e imaging di patologie.

“Questa tecnologia su più fronti sta cambiando il modo in cui valutiamo il cancro alla prostata”, ha affermato.

Tuttavia, la sottodiagnosi e la sovradiagnosi della malattia sono tutt’altro che rare, dicono gli esperti.

“Semplicemente non ne sappiamo abbastanza su cosa significhi una diagnosi di cancro alla prostata. Ci sono molti uomini che hanno una malattia che è o può diventare aggressiva ed essere in grado di trattare la malattia aggressiva in modo più efficace è fondamentale”, ha affermato Naomi Elster, PhD, direttrice della ricerca presso il Prostate Cancer Research Institute, non coinvolta nello studio.

“Ma dall’altra parte della medaglia ci sono troppi uomini che convivono con gli effetti collaterali delle cure contro il cancro di cui forse non avrebbero mai avuto bisogno”, ha detto Elster Notizie mediche oggi. “Questi risultati potrebbero essere l’inizio della nostra capacità di adottare lo stesso approccio “dividi et impera” nei confronti del cancro alla prostata che ha funzionato in altre malattie, come il cancro al seno”.

Il cancro alla prostata è comune ma anche unico

Il cancro alla prostata è tra i forme di cancro più comuni tra gli uomini.

Tuttavia, è anche una forma unica di cancro in quanto i medici possono non raccomandare alcun trattamento in alcune circostanze, ad esempio quando il cancro sembra crescere lentamente o la persona è anziana (e quindi probabile che muoia per cause naturali o di altro tipo prima del il cancro alla prostata diventa una minaccia per la salute).

“Il cancro alla prostata è un processo patologico comune in cui molti dei tumori diagnosticati non sono aggressivi e il trattamento può causare complicazioni e quindi molti di questi tumori meno aggressivi vengono attentamente monitorati con sorveglianza attiva”, ha affermato il dottor Anurag Das, presidente del dipartimento di urologia. allo Staten Island University Hospital di New York che non era coinvolto nello studio. “Tuttavia, alcuni di questi tumori meno aggressivi nel tempo potrebbero diventare più aggressivi e ci sono anche molti tumori a rischio intermedio che potrebbero essere seguiti o trattati”.

”Combinando questo [diagnostic] metodo con metodi più tradizionali che utilizzano la classificazione istochimica, potrebbe essere possibile stratificare meglio il processo patologico e trattare i tumori che devono essere trattati, risparmiando il trattamento per i pazienti la cui malattia difficilmente progredisce”, ha detto Das Notizie mediche oggi.

Il dottor Christian Thomas, direttore della ricerca clinica presso il New England Cancer Specialists nel Maine, che non era coinvolto nello studio, ha detto Notizie mediche oggi che, sebbene i risultati siano interessanti, lo studio presenta diversi limiti, tra cui un campione di piccole dimensioni e persone il cui rischio di cancro alla prostata era caratterizzato da basso a intermedio.

“Non possiamo ancora trarre alcuna conclusione in termini di gestione clinica”, ha affermato. “Questo è il tipo di scoperta – ci sono stati molti articoli di ricerca in passato che hanno fatto cose molto simili – che avrebbe bisogno di essere confermata in uno studio clinico più ampio, preferibilmente uno studio prospettico randomizzato con parametri clinici significativi come misure di risultato.”