Home Notizia Mondo Una dieta priva di glutine può alleviare i dolori mestruali?

Una dieta priva di glutine può alleviare i dolori mestruali?

0
8

Il dolore mestruale provoca sofferenza mensile per molte persone. Sebbene il sollievo dal dolore e i trattamenti ormonali possano essere efficaci, spesso hanno effetti collaterali indesiderati. Prove aneddotiche suggeriscono che un cambiamento nella dieta per ridurre l’assunzione di cibi contenenti glutine potrebbe essere la risposta per alcuni. Medical News Today ha parlato con le giovani donne che hanno provato questo approccio e abbiamo anche esplorato la scienza dietro le affermazioni.

Può andare senza glutine aiutare a migliorare i dolori mestruali? Indaghiamo. Credito immagine: JPM/Getty Images

“Sarei svegliato da una sensazione di crampi nella parte inferiore della pancia, quindi mi alzerei rapidamente e prenderei un po’ di dolore[relievers]. Ma prima che iniziassero a lavorare, stavo sdraiato sul pavimento con crampi agonizzanti che si diffondevano lungo le gambe e su per la schiena, tremando, sudando e cercando di non vomitare. Poi sarei stato spazzato via per il resto della giornata”.

La diciottenne Eve* il calvario mensile sarà familiare a molte giovani donne. Più dell’80% delle donne prova dolore durante mestruazioni, e per quasi il 20% delle donne, il dolore è abbastanza forte da avere un impatto sulla loro vita quotidiana.

La buona notizia è che il dolore mestruale generalmente si riduce man mano che una persona invecchia e molte persone che hanno le mestruazioni scoprono che diminuiscono dopo aver avuto figli.

Secondo la dottoressa Polly Cohen, specializzata nella salute delle donne, quel 20% è quasi certamente una sottovalutazione: “Il dolore mestruale è decisamente sottostimato. La maggior parte delle donne pensa che sia una parte normale dell’essere donna, quindi sopportalo o cerca su Internet dei modi per farcela piuttosto che andare dal loro medico.

Perché il ciclo fa male?

Meno del 2% dei mammiferi ha le mestruazioni: umani, alcune scimmie e pipistrelli e persino i più piccoli topo spinoso, che, per inciso, sperimenta anche la sindrome premestruale. Ciò che hanno in comune è che investono molto in gravidanze per uno o due bambini.

Quando un embrione si sta sviluppando, riceve tutti i suoi nutrienti attraverso la placenta, che si attacca alla parete dell’utero materno. Il rivestimento spesso che si accumula durante il ciclo mestruale ferma la placenta causando danni permanenti alla parete uterina.

Se un uovo non viene fecondato, quel rivestimento si rompe e viene versato e un nuovo rivestimento cresce per prepararsi alla prossima possibilità di gravidanza. Ecco perché alcuni mammiferi sperimentano le mestruazioni, il processo attraverso il quale questo tessuto endometriale “inutilizzato” viene eliminato dal corpo.

“Il dolore deriva dalla risposta infiammatoria quando il rivestimento dell’utero viene versato”, ha detto Sally King of Mestrual Matters, un centro di informazioni online senza scopo di lucro MNT.

“Quando le cellule del rivestimento vengono eliminate, i vasi sanguigni nell’utero si rompono, motivo per cui il sangue si perde con le cellule”, ha spiegato.

Prima dei tempi moderni, le femmine non avevano molti periodi, poiché probabilmente trascorrevano la maggior parte della loro vita adulta incinta o allattando. Pertanto, potrebbero avere solo circa 100 periodi nella loro vita.

Ora, la maggior parte ha più di 400 periodi tra la pubertà e la menopausa. Se questi causano gravi dolori ogni mese, possono avere un impatto reale sulle loro vite.

“Il problema è che le mestruazioni sono sempre state un argomento tabù”, ci ha anche detto il dottor Cohen. “Dobbiamo far parlare le persone di loro”.

Il trattamento del dolore mestruale

“Per i medici, il trattamento del dolore mestruale è solitamente un processo per tentativi ed errori”, ha affermato il dott. Cohen.

“Per cominciare, dobbiamo capire se si tratta di dolore primario, che non ha una chiara causa clinica, o dolore secondario, dove c’è una condizione sottostante, come l’endometriosi o i fibromi, che necessiterebbero di cure”.

– Dott.ssa Polly Cohen

“Per il dolore primario, iniziamo con il paracetamolo [acetaminophen]. Se ciò non aiuta, passiamo ai farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) – ibuprofene, quindi acido mefenamico “, ha aggiunto.

Per alcune persone, questi funzionano bene, ma non sono una soluzione a lungo termine.

“L’assunzione di FANS per lungo tempo può causare problemi allo stomaco come ulcere, quindi passiamo ai controlli ormonali – la pillola o la spirale anticoncezionali – che possono funzionare bene per alcune donne”, ha spiegato il dott. Cohen.

Ma cosa succede se hai provato tutti questi e, ancora, niente sembra funzionare? Eva ha detto MNT che era passata dal paracetamolo attraverso diversi FANS alla pillola anticoncezionale:

“Dolore[relievers] impiegare un po’ di tempo per iniziare a lavorare, quindi, a meno che tu non sappia quando il dolore sta per colpire, avrai circa mezz’ora di agonia prima che inizino, il che poi ti lascerà esausto per il resto della giornata. Le pillole anticoncezionali non hanno avuto effetto sul mio dolore mestruale. Non sapevo davvero cosa provare dopo.”

Un cambiamento nella dieta?

“Dopo aver lasciato la scuola, ho trovato lavoro in Germania occupandomi di due bambini”, ci ha detto Eve. “Uno di loro [had celiac disease] quindi ha dovuto evitare il glutine nella sua dieta. Poiché anche una piccola quantità di glutine poteva farlo ammalare gravemente, l’intera famiglia era priva di glutine.

“Ero così occupata a badare ai ragazzi che ero stata lì un paio di mesi prima di rendermi conto che avevo notato a malapena il ciclo”, ha continuato Eve. “La mamma è un medico, quindi le ho chiesto se la dieta priva di glutine avrebbe potuto fermare il dolore”.

“Ha detto che non era stata in grado di trovare alcuna ricerca clinica al riguardo, ma che la ragazza che aveva lavorato per loro prima di me aveva notato la stessa cosa: nessun dolore mestruale e periodi molto più brevi e più leggeri”.

– Vigilia

Mentre era in Germania, Eve ha seguito una dieta priva di glutine con la famiglia ma ha mangiato normalmente fuori casa: “Non stavo evitando del tutto il grano […] ma stavo decisamente mangiando molto meno del solito. Ma per quei 6 mesi, non ho avuto quasi dolori mestruali.

Paige*, 21 anni, ci ha raccontato una storia simile: “Il mio dolore mestruale era così forte che mi hanno fatto fare un’ecografia per verificare se avevo l’endometriosi. Per fortuna non ce l’ho”.

Ha quindi provato a ridurre l’assunzione di glutine.

“Da studente”, ha riflettuto, “è facile vivere di pasta e pane, ma ho trovato alternative, come riso, quinoa e pane di segale”.

“La differenza è stata sorprendente”, ha detto Paige. “I miei periodi sono molto più facili e non ho i terribili effetti collaterali – macchie, emorragie e aumento di peso – che ho avuto quando ho provato la pillola anticoncezionale”.

Cosa dice la scienza?

“Ci sono poche prove scientifiche che suggeriscono che il dolore mestruale sia influenzato dal grano o dal glutine nella dieta”, ha detto Sally King, “ma sappiamo che una dieta antinfiammatoria può ridurre il dolore mestruale e la perdita di sangue”.

“E le diete altamente infiammatorie, con molti alimenti trasformati, caffeina, alcol e carne possono certamente peggiorare il dolore e altri sintomi ciclici”, ha osservato.

“Trovo che i miei periodi peggiori se ho mangiato cibo spazzatura o anche troppo alcol”, ha detto Paige. “Ma ridurre il glutine nella mia dieta regolare ha sicuramente aiutato molto”.

Alcuni ricercatori hanno già osservato un legame tra glutine, grano e infiammazione, quindi il dott. Cohen ha convenuto che questo potrebbe essere il motivo per cui il cambiamento nella dieta ha funzionato.

“Abbiamo visto associazioni tra dieta e dolore mestruale”, ha detto MNT. “Uno studio ha scoperto che una dieta vegana a basso contenuto di grassi riduce il dolore mestruale, ma si trattava di un piccolo studio, quindi non possiamo trarre conclusioni definitive”, ha avvertito.

“Il problema con gli studi sulla dieta è che è molto difficile controllare altri fattori; ecco perché così pochi sono fatti in questo settore”, ha continuato a spiegare il dott. Cohen.

“Voglio essere un medico, quindi ho pensato di provare a sperimentare su me stesso”, ha detto Eve. “Quando sono tornato dalla Germania ho provato a mangiare normalmente, con una discreta quantità di pasta e pane. Ho avuto il periodo più doloroso di sempre: il dolore è durato 4 giorni e mi ha completamente spiazzato”.

Tornare a una dieta a basso contenuto di glutine l’ha vista di nuovo quasi senza dolore, ha detto MNT.

Tuttavia, una dieta priva di glutine potrebbe non funzionare per tutti. La dottoressa Cohen ha detto che, come medico, non poteva dire ai pazienti di andare senza glutine per combattere il dolore mestruale senza ulteriori prove scientifiche, poiché limitare la propria dieta potrebbe avere altri effetti inaspettati sulla salute.

Per Eva, “[i]È difficile eliminare completamente il grano e il glutine, ma sperimenterò quanto posso mangiare e se tagliarlo in determinati periodi del mese funziona”, ha detto.

“Ho detto alle mie sorelle e a un paio di amici che hanno forti dolori mestruali di ridurre il glutine e hanno scoperto che fa davvero la differenza”, ci ha detto.

Una causa alla base del dolore mestruale deve essere esclusa prima che una persona provi a cambiare la propria dieta e dovrebbe prendere tali decisioni solo dopo aver consultato il proprio medico.

Tuttavia, secondo il dott. Cohen, potrebbe valere la pena provare a ridurre il grano o il glutine. “Dal momento che il dolore è dovuto all’infiammazione e i prodotti del grano causano infiammazione in alcune persone, potrebbe essere d’aiuto”, ha detto.

* Abbiamo cambiato i nomi di alcuni contributori per proteggere le loro identità.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here