Home Notizia Mondo Meno della metà delle persone transgender si sente assistita dal medico di...

Meno della metà delle persone transgender si sente assistita dal medico di famiglia

0
36

Un nuovo studio sottolinea l’importanza delle interazioni positive tra le persone transgender ei loro medici. Nolwen Cifuentes/Getty Images
  • Un nuovo studio condotto in Nuova Zelanda ha dimostrato che, per le persone transgender, le esperienze negative con gli operatori sanitari sono associate a un aumentato rischio di disagio psicologico e pensieri suicidi.
  • Al contrario, le esperienze positive o di supporto con i medici di base (PCP) hanno ridotto il rischio di questi esiti negativi sulla salute mentale.
  • Questo studio sottolinea l’importanza di migliorare la consapevolezza e l’educazione dei PCP sull’assistenza sanitaria transgender.

Gli studi hanno costantemente dimostrato che gli individui transgender hanno un rischio maggiore di problemi di salute mentale rispetto agli individui cisgender.

Un nuovo studio ha scoperto che gli individui transgender che hanno riportato esperienze di supporto con il loro PCP avevano meno probabilità di manifestare sintomi di ansia o depressione o avere pensieri suicidi.

Tuttavia, solo circa la metà delle persone intervistate ha riportato un’esperienza positiva con il proprio PCP, sottolineando l’importanza di formare operatori sanitari per migliorare la cura delle persone transgender.

Lo studio appare sul diario Usanza familiare.

Interazioni con operatori sanitari

Le interazioni negative con gli operatori sanitari sono prevalenti tra gli individui transgender. Una mancanza di consapevolezza e formazione scolastica tra il personale medico sui bisogni sanitari delle persone transgender sono alcune delle ragioni di queste esperienze sanitarie negative.

Tuttavia, anche piccoli passi indicativi di rispetto verso le persone transgender, come l’uso di pronomi di genere e nomi attuali corretti, possono contribuire a un’esperienza sanitaria positiva.

Studi precedenti hanno dimostrato che le frequenti esperienze sanitarie negative degli individui transgender sono associate a un rischio maggiore di depressione e pensieri suicidi.

Tuttavia, l’attuale studio è il primo a valutare gli effetti di esperienze sanitarie positive o di supporto sui risultati della salute mentale negli individui transgender in Nuova Zelanda.

Sondaggio Counting Ourself

I ricercatori hanno utilizzato i dati del sondaggio Counting Ourselves del 2018, che raccoglie informazioni sulla salute delle persone transgender di età pari o superiore a 14 anni che risiedono in Nuova Zelanda.

Lo studio ha incluso 948 persone transgender che hanno fornito feedback sulle loro esperienze sanitarie e sulla salute mentale negative e positive.

Gli scienziati hanno utilizzato un questionario standardizzato per valutare i livelli di disagio psicologico sulla base dell’ansia e dei sintomi depressivi che gli individui avevano sperimentato nelle 4 settimane precedenti.

I ricercatori hanno anche determinato il numero di tentativi di autolesionismo e la frequenza di pensieri o comportamenti suicidi nei 12 mesi precedenti.

Esperienze di salute negative

Parte del questionario ha valutato le esperienze negative più frequenti che le persone hanno avuto nei rapporti con gli operatori sanitari, inclusi medici, infermieri e personale amministrativo.

Ha rivelato che il 47% dei partecipanti aveva dovuto educare gli operatori sanitari sulle persone transgender per ricevere le cure necessarie.

I partecipanti hanno anche riferito di aver incontrato frequentemente domande non necessarie o invasive da parte degli operatori sanitari. Un’altra esperienza comune delle persone transgender è stata quella degli operatori sanitari che hanno ammesso la mancanza di conoscenze adeguate sui trattamenti che affermano il genere.

Queste esperienze di salute negative sono state associate a un aumento del disagio psicologico e a un rischio più elevato di autolesionismo o suicidio.

Interazioni di supporto

Le domande sulle interazioni di supporto hanno valutato le esperienze positive che gli individui transgender avevano avuto con il loro PCP.

Il sondaggio ha rilevato che solo il 57% delle persone si sentiva come se il proprio PCP li trattasse in modo simile agli altri pazienti quando cercavano assistenza per motivi non correlati all’assistenza di affermazione del genere.

Solo il 48% dei partecipanti al sondaggio ha percepito i propri PCP come a sostegno delle proprie esigenze sanitarie di affermazione del genere.

Meno di un quarto dei PCP aveva una conoscenza adeguata sull’assistenza di affermazione di genere e circa il 43% ha mostrato la volontà di acquisire le conoscenze necessarie sull’assistenza di affermazione di genere.

Allo stesso modo, solo il 40% dei PCP ha utilizzato i pronomi di genere corretti e il 47% ha utilizzato il nome attuale della persona.

I ricercatori hanno scoperto che un numero maggiore di esperienze di supporto con i PCP era associato a un minor disagio psicologico e una ridotta probabilità di tentato suicidio nell’anno precedente.

Ogni ulteriore esperienza positiva con un PCP ha ridotto il rischio di tentato suicidio dell’11%. Allo stesso modo, ogni esperienza negativa è stata associata ad un aumento del 20% del rischio di tentato suicidio.

Il coautore dello studio, il dottor Gareth Treharne, professore di psicologia all’Università di Otago in Nuova Zelanda, ha detto Notizie mediche oggi:

“Questi risultati dimostrano l’importanza di considerare gli effetti protettivi dell’avere medici di base che supportano i pazienti transgender che forniscono. Questi effetti protettivi possono contrastare alcuni degli effetti dannosi delle esperienze sanitarie negative, ma è urgente vedere un miglioramento negli aspetti delle cure di supporto che sono una questione di diritti umani fondamentali per le persone transgender”.

Implicazioni

Gli autori osservano che la formazione medica dei medici di base in Nuova Zelanda non include la formazione sull’assistenza sanitaria transgender.

L’altra coautrice dello studio, la dott.ssa Rona Carroll, docente senior in sanità primaria e medicina generale presso l’Università di Otago, ha detto MNT:

“Le scuole di medicina hanno un ruolo importante da svolgere nel garantire che i nostri futuri medici abbiano le conoscenze e la fiducia necessarie per fornire cure di supporto ai loro pazienti transgender e i programmi di formazione post-laurea di medicina generale dovrebbero incorporare l’assistenza sanitaria transgender come abilità chiave nel loro curriculum. L’impatto positivo che ciò può avere sui risultati dei pazienti è significativo e la necessità è urgente”.

Allo stesso modo, il dottor Treharne ha osservato: “È necessaria un’ulteriore formazione dei medici di base e i medici devono assumersi la responsabilità del proprio apprendimento in merito a soddisfare i bisogni delle persone transgender”.