Home Notizia Mondo L’approccio ad ultrasuoni potrebbe fornire il farmaco per l’Alzheimer direttamente al…

L’approccio ad ultrasuoni potrebbe fornire il farmaco per l’Alzheimer direttamente al…

0
17

ricercatrice con lunghi capelli ricci che reggono la scansione del cervello
I ricercatori sono alla ricerca di modi praticabili per far passare i farmaci contro l’Alzheimer attraverso la barriera emato-encefalica. Credito immagine: PER Images/Stocksy.
  • Circa 32 milioni di persone nel mondo soffrono della malattia di Alzheimer.
  • Esistono alcuni farmaci – come gli anticorpi monoclonali anti-amiloide – che possono aiutare a rallentare la progressione della malattia.
  • I ricercatori del Rockefeller Neuroscience Institute della West Virginia University affermano che una combinazione di ultrasuoni focalizzati e farmaci con anticorpi monoclonali anti-amiloide può accelerare la rimozione delle placche di beta-amiloide nel cervello delle persone con malattia di Alzheimer.

La malattia neurodegenerativa che colpisce la malattia di Alzheimer 32 milioni di persone Intorno al mondo.

Attualmente non esiste una cura per la malattia di Alzheimer. Ci sono alcuni farmaci disponibili che aiutano a rallentare la progressione della malattia e ad alleviare i sintomi.

Uno di questi tipi di farmaci si chiama anticorpi monoclonali anti-amiloide. Studi precedenti mostrano che questi farmaci, che attualmente includono aducanumab, lecanemabE donanemab – può aiutare a ridurre placca beta-amiloide accumulo nel cervello, che è considerato uno dei cause della malattia di Alzheimer.

Ora i ricercatori del Rockefeller Neuroscience Institute della West Virginia University hanno scoperto che una combinazione di ultrasuoni focalizzati e i farmaci con anticorpi monoclonali anti-amiloide possono accelerare la rimozione delle placche di beta-amiloide nel cervello delle persone con malattia di Alzheimer.

Lo studio è stato recentemente pubblicato in Il giornale di medicina del New England.

Attraversare la barriera emato-encefalica

Secondo i ricercatori, alcuni anticorpi monoclonali anti-amiloide hanno trattamenti per l’Alzheimer difficoltà superare il barriera emato-encefalica per entrare nel cervello.

La barriera ematoencefalica è una membrana semipermeabile tra i vasi sanguigni e il cervello. Se da un lato aiuta a tenere le sostanze nocive lontane dal cervello, dall’altro influisce anche sulla capacità dei farmaci di penetrare nel cervello.

“La barriera emato-encefalica impedisce a oltre il 98% dei farmaci e delle terapie di entrare nel cervello dai vasi sanguigni”, ha affermato il dottor Ali R. Rezai, direttore del Rockefeller Neuroscience Institute e preside associato, professore di ruolo John D. Rockefeller IV. in neuroscienze presso la West Virginia University e autore principale di questo studio Notizie mediche oggi.

“In quanto tali, gli anticorpi anti-beta-amiloide non attraversano facilmente la barriera emato-encefalica”, ha continuato il dottor Rezai. “Se riusciamo ad aprire la barriera emato-encefalica nelle aree con un alto contenuto di beta-amiloide nel cervello, possiamo aumentare l’accesso dell’anticorpo al cervello dopo l’infusione dell’anticorpo”.

Perché gli ultrasuoni focalizzati?

Per questo studio, il dottor Rezai e il suo team hanno deciso di esaminare l’uso degli ultrasuoni focalizzati per aprire in modo sicuro e temporaneo la barriera emato-encefalica per fornire un maggiore accesso agli anticorpi anti-amiloide al cervello.

“Gli ultrasuoni focalizzati sono una tecnologia ambulatoriale minimamente invasiva che non è una procedura chirurgica. Gli ultrasuoni focalizzati aprono temporaneamente la barriera emato-encefalica, consentendo così a più anticorpi di entrare nel cervello, cosa che normalmente sarebbe una sfida a causa della barriera”.

– Dottor Ali R. Rezai

Uno studio pubblicato nel marzo 2023 ha scoperto che l’uso di ultrasuoni focalizzati per aprire la barriera ematoencefalica ha benefici clinici senza effetti collaterali specifici.

32% in meno di placche di beta-amiloide nel cervello

Durante lo studio, tre persone con malattia di Alzheimer lieve hanno ricevuto sei infusioni mensili di aducanumab che sono state immediatamente seguite da ultrasuoni focalizzati per aprire la barriera emato-encefalica nelle regioni del cervello con elevate placche di beta-amiloide.

Dopo 6 mesi di combinazione di ultrasuoni focalizzati e trattamento con anticorpi, i ricercatori hanno trovato una media del 32% in meno di placche di beta-amiloide nelle aree del cervello con apertura della barriera emato-encefalica rispetto alle aree che non erano state aperte.

“Ci aspettavamo una maggiore clearance degli anticorpi con l’apertura della barriera emato-encefalica”, ha detto il dottor Rezai. “Questa ipotesi è stata confermata con questo studio iniziale. Dobbiamo studiare ulteriori pazienti e con un follow-up più lungo”.

Ha anche detto che hanno in programma di combinare in seguito il lecanemab con l’apertura della barriera emato-encefalica.

“Lecanemab è la novità Approvato dalla FDA anticorpo per l’Alzheimer che viene somministrato ogni 2 settimane per 18 mesi e più per ridurre la beta-amiloide nel cervello e la progressione della malattia”, ha continuato il dottor Rezai. “Il nostro obiettivo è [to] indagare se possiamo accelerare ulteriormente la clearance della beta-amiloide in un tempo più breve con l’apertura della barriera ematoencefalica”.

Il principale ostacolo alla somministrazione della terapia è la barriera ematoencefalica

Dopo aver esaminato questo studio, la dottoressa Karen D. Sullivan, neuropsicologa certificata, proprietaria di I CARE FOR YOUR BRAIN e Reid Healthcare Transformation Fellow presso FirstHealth of the Carolinas a Pinehurst, Carolina del Nord, ha detto MNT che questo approccio ha un buon senso dal punto di vista scientifico, poiché far passare le molecole terapeutiche oltre la barriera ematoencefalica altamente selettiva è stata una sfida importante.

“I farmaci progettati per migliorare la funzione cerebrale devono farsi strada nel cervello per svolgere il loro lavoro, e questo è molto più difficile di quanto si pensi”, ha spiegato il dottor Sullivan.

Ha notato:

“Questo sofisticato sistema di controllo (la barriera emato-encefalica) tiene fuori molte sostanze dannose, ma a volte pone un problema, come quando vogliamo introdurre la chemioterapia direttamente nel cervello di qualcuno o nel caso del nuovo anticorpo monoclonale anti-amiloide-beta terapie quando più farmaci assumiamo, maggiore sarà l’eliminazione dell’amiloide che possiamo ottenere”.

“Gli ultrasuoni focalizzati sono stati una forma all’avanguardia e non invasiva di neuromodulazione ormai da qualche tempo e sono entusiasta di questo rapporto”, ha aggiunto.

Per quanto riguarda i prossimi passi in questa ricerca, la dottoressa Sullivan ha detto che le piacerebbe sapere quali miglioramenti funzionali hanno riscontrato questi tre pazienti con l’eliminazione aggiuntiva del 32% di amiloide.

“I test cognitivi sono migliorati o non sono diminuiti così rapidamente?” ha continuato. “Ci sono stati cambiamenti nelle funzioni quotidiane o nell’umore/comportamento? In fin dei conti, questo è ciò che vogliamo dai trattamenti per l’Alzheimer: un cambiamento nella funzione cerebrale, non solo nella struttura cerebrale”.

Gli ultrasuoni potrebbero migliorare il sistema di somministrazione di molti farmaci

MNT ha anche parlato di questo studio con la dottoressa Jennifer Bramen, ricercatrice senior presso il Pacific Neuroscience Institute di Santa Monica, in California.

La Dott.ssa Bramen ha affermato che la sua reazione iniziale a questo studio è stata che gli ultrasuoni focalizzati hanno il potenziale per essere un sistema di somministrazione per molte terapie.

“Le terapie con anticorpi monoclonali anti-amiloide-beta devono raggiungere il cervello per essere efficaci”, ha spiegato. “Sebbene la barriera ematoencefalica sia uno scudo protettivo, rappresenta un ostacolo alla fornitura di queste terapie. I risultati di questo piccolo studio campione sono incoraggianti. Un importante passo successivo sarebbe quello di condurre uno studio clinico randomizzato su un campione più ampio”.