Home Notizia Mondo Immunità calante e vaccini COVID-19: quanto dovremmo essere preoccupati?

Immunità calante e vaccini COVID-19: quanto dovremmo essere preoccupati?

0
74

Un centro vaccini per lo più vuoto presso il Berks Cares Vaccine Center a Muhlenberg Township, Pennsylvania, il 1 luglio 2021. Ben Hasty/MediaNews Group/Reading Eagle via Getty Images
  • La ricerca ha riscontrato un calo significativo dei livelli di anticorpi contro SARS-CoV-2, il virus che causa il COVID-19, 6 mesi dopo la seconda dose del vaccino Pfizer-BioNTech.
  • L’evidenza clinica suggerisce anche che il rischio di contrarre un’infezione “svolta” aumenta gradualmente nei mesi successivi alla vaccinazione.
  • Nonostante il calo dei livelli di anticorpi, altri rami del sistema immunitario adattativo sembrano fornire una forte protezione contro infezioni gravi e morte.
  • Tuttavia, i colpi di richiamo potrebbero proteggere gli individui più vulnerabili, ridurre la trasmissione e aiutare a sopprimere l’emergere di nuovi ceppi.

Negli Stati Uniti, il Food and Drug Administration (FDA) ha approvato terze dosi, o “richiamo”, del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 per le persone di età superiore ai 65 anni.

Ha inoltre approvato richiami per le persone con condizioni di salute che li mettono a rischio di un grave COVID-19 e per le persone il cui lavoro li espone ad un alto rischio di infezione, compresi gli operatori sanitari e gli insegnanti.

L’agenzia aveva già dato il via libera ai richiami per le persone con un sistema immunitario gravemente indebolito, come i pazienti sottoposti a trapianto di organi.

Ma ci sono prove per giustificare un lancio più diffuso di colpi di richiamo nella popolazione generale?

Uno studio recente ha scoperto che i livelli sierici di anticorpi contro la proteina spike del virus, che utilizza per entrare nelle cellule, iniziano a diminuire circa 12 settimane dopo la seconda dose del vaccino Pfizer.

I ricercatori hanno scoperto che entro 6 mesi dalla seconda dose, i livelli mediani di questi anticorpi erano scesi a circa il 7% del loro livello di picco, con un intervallo del 2-25%. I ricercatori dicono che questo calo è previsto.

Altro lavoro ha dimostrato che dopo aver ricevuto un vaccino a base di mRNA contro SARS-CoV-2, gli anticorpi potrebbero non circolare, ma sono al picco di attività all’interno dei linfonodi entro 12 settimane.

Tieniti informato con aggiornamenti in tempo reale sull’attuale epidemia di COVID-19 e visita il nostro hub di coronavirus per ulteriori consigli su prevenzione e trattamento.

Cellule che ricordano

A prima vista, questo sembra rappresentare una preoccupante perdita di immunità, ma gli anticorpi sono solo un ramo del sistema immunitario adattativo del corpo.

Il sistema immunitario adattativo include anche cellule che ricordano infezioni o vaccinazioni passate e entrano in azione se incontrano di nuovo lo stesso agente infettivo.

Una recente prestampa di uno studio riporta che il numero di cellule immunitarie note come cellule B di memoria che riconoscono il virus aumenta effettivamente 3-6 mesi dopo la seconda dose del vaccino Pfizer o Moderna.

Sorprendentemente, anche se questi vaccini utilizzano materiale genetico dalla variante originale del virus, le cellule B hanno anche riconosciuto le varianti Alpha, Beta e Delta.

Questo perché i precursori di queste cellule B si evolvono nel tempo nel corpo attraverso un processo di mutazione casuale, che consente alle cellule mature di rilevare nuove varianti del virus man mano che si presentano.

La ricerca ha anche scoperto altri due tipi di cellule immunitarie innescate per rilevare il virus nella maggior parte degli individui 6 mesi dopo la seconda dose di vaccino.

Conosciute come cellule T helper (cellule CD4+) e cellule T killer (cellule CD8+), queste aiutano rispettivamente ad aumentare la risposta immunitaria e a distruggere le cellule infette.

Protezione continua

Questi risultati aiutano a spiegare perché i vaccini continuano a fornire una buona protezione contro le infezioni e le malattie gravi nella maggior parte delle persone.

Un follow-up recentemente pubblicato di uno studio clinico ha rilevato che, sebbene vi fosse un graduale declino dell’efficacia, il vaccino Pfizer è rimasto efficace al 91,3% per 6 mesi dopo la seconda dose. Il picco di protezione è stato del 96,2%, sceso all’83,7% a 4 mesi, con un calo del 6% al mese.

In Sud Africa, dove è prevalente la variante Beta del virus, l’efficacia è stata ancora maggiore. La capacità del vaccino Pfizer di prevenire malattie gravi è stata in media del 96,7%.

Però, diversi studi osservazionali hanno suggerito che le persone anziane hanno un rischio sostanzialmente maggiore di infezione diversi mesi dopo la vaccinazione.

Ad esempio, una prestampa di uno studio in Israele rileva che le persone anziane che hanno ricevuto la seconda dose all’inizio del 2021 avevano quasi il doppio del rischio di malattie gravi durante un’epidemia nel luglio 2021, rispetto alle persone vaccinate più di recente.

I dati del Regno Unito suggeriscono un piccolo ma significativo calo della protezione contro l’ospedalizzazione e la morte 20 settimane dopo la seconda dose del vaccino Pfizer o Oxford-AstraZeneca nell’intera popolazione.

Ma il declino è stato più ripido tra gli anziani e quelli con condizioni di salute che li mettono a maggior rischio di COVID-19 grave.

Fondamentale, tuttavia, un altro studio in Israele ha scoperto che gli anziani che hanno ricevuto una vaccinazione di richiamo avevano meno probabilità di contrarre un’infezione da SARS-CoV-2 o di sviluppare una malattia grave rispetto a quelli che non avevano ricevuto l’iniezione.

Altri vantaggi dei booster

Oltre a ridurre i rischi per gli anziani, una campagna di vaccinazioni di richiamo per le persone vulnerabili può aiutare a rallentare la trasmissione del virus attraverso le popolazioni.

UN Studio di modellazione 2021 suggerisce che ridurre al minimo la trasmissione riduce la probabilità che emergano ceppi del virus più pericolosi e resistenti ai vaccini.

Altri paesi stanno andando oltre gli Stati Uniti nelle loro campagne di vaccinazione di richiamo. Nel Regno Unito, ad esempio, verrà offerto un booster a tutte le persone di età superiore ai 50 anni.

Tuttavia, alcuni critici ritengono che sia irresponsabile somministrare terze dosi di vaccino a persone che non sono particolarmente vulnerabili mentre gran parte del mondo rimane non vaccinata. Come la Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) spiegato in una conferenza stampa:

“Le terze dosi dovrebbero essere prioritarie per i più vulnerabili: quelle popolazioni più a rischio quando vi è evidenza di una diminuzione dell’immunità contro malattie gravi e morte. Non sono per chi è in forma e in salute. […] [W]uando le forniture globali sono così limitate, quando il mondo è in un luogo in cui miliardi di persone non hanno ancora ricevuto alcuna dose, dobbiamo concentrarci sulla somministrazione della prima e della seconda dose».

Per aggiornamenti in tempo reale sugli ultimi sviluppi riguardanti il ​​nuovo coronavirus e COVID-19, fare clic qui.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here