Un tecnico di laboratorio o un ricercatore mette gocce di una soluzione chimica in un contenitore per test
Gli scienziati continuano a esaminare le cause delle malattie autoimmuni. tianyu wu/Getty Images
  • Sebbene attualmente non esistano cure per le malattie autoimmuni, i ricercatori stanno ancora cercando di scoprirne le cause nella speranza di sviluppare nuovi trattamenti.
  • I ricercatori hanno recentemente sviluppato un nuovo tipo di vaccino chiamato “vaccino inverso” che ha mostrato il potenziale nell’invertire completamente le malattie autoimmuni nei topi.
  • Gli scienziati sono stati in grado di farlo senza bloccare il resto del sistema immunitario.

I ricercatori della Pritzker School of Molecular Engineering dell’Università di Chicago affermano di aver sviluppato un nuovo tipo di vaccino chiamato “vaccino inverso” tramite un modello murino.

Il nuovo vaccino è stato in grado di invertire completamente le malattie autoimmuni come la sclerosi multipla, il diabete di tipo 1 e il morbo di Crohn senza bloccare completamente il resto del sistema immunitario nei topi.

Uno stimato 1 persona su 10 in tutto il mondo c’è una malattia autoimmune, una condizione in cui il sistema immunitario attacca erroneamente cellule e tessuti sani all’interno del corpo.

In generale, attualmente non esistono cure per le malattie autoimmuni. I medici utilizzano una varietà di metodi, incluso farmacichirurgia e cambiamenti nello stile di vita – per controllare i sintomi, a volte definiti “riacutizzazioni”.

I ricercatori ancora non conoscono le principali cause delle malattie autoimmuni. Tuttavia, lo sanno genetica, fattori ambientalied esposizione a determinati infezione virale può aumentare il rischio di una persona.

Questo studio è stato recentemente pubblicato sulla rivista Ingegneria Biomedica della Natura.

Come funziona un vaccino inverso?

Durante questo studio, i ricercatori hanno sviluppato un nuovo tipo di vaccino chiamato vaccino inverso.

Secondo il dottor Jeffrey Hubbell, professore di ingegneria tissutale presso la Pritzker School of Molecular Engineering dell’Università di Chicago e autore principale di questo studio, un normale vaccino induce l’attivazione delle cellule immunitarie per creare cellule che possono uccidere le cellule infette e generare anticorpi che possono legarsi e neutralizzare i virus che li infetterebbero.

“Un vaccino inverso può invece indebolire tale immunità”, ha spiegato Hubbell Notizie mediche oggi.

“In una malattia autoimmune, stiamo cercando vaccini inversi che possano disattivare le cellule immunitarie che sono state erroneamente autorizzate ad attaccare le proprie cellule e persino generare cellule che possono agire in modo da ridurre ulteriormente l’immunità, chiamate cellule T regolatorie,” Egli ha detto.

Attraverso l’uso del vaccino inverso, gli scienziati sono stati in grado di farlo senza arrestare l’intero sistema immunitario del corpo.

“Attualmente, le malattie autoimmuni vengono trattate in un modo che crea aspecificità soppressione immunitaria, piuttosto che la modulazione immunitaria specifica per la malattia autoimmune”, ha affermato Hubbell. “Chiaramente, è meglio avere un sistema immunitario intatto e affrontare le molecole e le cellule specifiche che il corpo attacca erroneamente”.

“Inoltre, questi approcci immunosoppressivi devono essere somministrati in modo cronico, mentre un approccio vaccinale ha il potenziale per essere durevole e, se la durabilità è molto buona, anche curativo”, ha aggiunto.

Testare il vaccino inversoe

Per questo studio, Hubbell e il suo team hanno utilizzato un modello murino di una malattia simile alla sclerosi multipla chiamata encefalomielite autoimmune.

In entrambe le condizioni, il sistema immunitario attacca erroneamente mielinache forma un protettivo guaina attorno al corpo nervicompresi quelli nel midollo spinale e nel cervello.

Quando è stato somministrato il vaccino inverso, gli scienziati hanno riferito che il sistema immunitario ha smesso di attaccare la mielina. Ciò ha permesso ai nervi di iniziare a funzionare correttamente e ha invertito i sintomi della malattia nei topi.

“Il corpo ha una serie di meccanismi per prevenire l’autoimmunità”, ha spiegato Hubbell. “Uno di questi meccanismi previene le risposte autoimmuni alle nostre cellule che invecchiano e muoiono. Tali cellule nel sangue vengono eliminate da cellule specializzate nel fegato e vengono processate in modo da indurre e mantenere la tolleranza ai detriti cellulari morenti.

“Nel nostro approccio, abbiamo creato molecole che sembrano detriti di cellule morenti e che portano le proteine ​​che vengono attaccate in una particolare malattia autoimmune”, ha aggiunto. “Questo dirotta uno dei meccanismi che il corpo utilizza per mantenere la tolleranza.”

Cos’è una malattia autoimmune?

Un sistema immunitario sano protegge il corpo dalle infezioni causate da virus e batteri.

A volte, il sistema immunitario è erroneamente programmato per pensare che i tessuti o le cellule sane del corpo siano organismi dannosi da attaccare. Questo è ciò che causa una malattia autoimmune.

Esistono più di 100 malattie autoimmuni. Alcuni dei più comunemente conosciuti sono:

  • sclerosi multipla
  • diabete di tipo 1
  • artrite reumatoide
  • lupus
  • celiachia
  • Morbo di Crohn
  • Tiroidite di Hashimoto
  • sindrome di Sjogren
  • malattia infiammatoria intestinale
  • psoriasi

Le malattie autoimmuni sono condizioni croniche. Ognuno ha i suoi sintomi specifici, anche se la maggior parte di essi presenta alcuni sintomi comunemente condivisi come dolore, affaticamento, debolezza muscolare e infiammazione o gonfiore in diverse parti del corpo.

Sebbene ogni malattia autoimmune colpisca una persona in modo diverso, ricerche precedenti mostrano che le persone che hanno una malattia autoimmune corrono un rischio maggiore di cardiopatia, depressione, danno d’organoE cancro.

Prossimi passi nella ricerca sulle malattie autoimmuni

Alla domanda su quanto velocemente potremmo vedere un vaccino inverso per le malattie autoimmuni disponibile per i medici, Hubbell ha detto che i test clinici sono già iniziati per alcune condizioni.

“L’approccio generale presentato in questo articolo è attualmente in fase di sperimentazione clinica nella malattia celiaca e nella sclerosi multipla, e siamo molto entusiasti di vedere i risultati che emergeranno da questi studi”, ha affermato. “Nel mio laboratorio, stiamo esplorando questo aspetto nelle malattie autoimmuni come la sclerosi multipla, il diabete di tipo 1, l’asma allergico e l’allergia alimentare, nonché nella prevenzione dell’immunità ai farmaci usati per trattare malattie congeniteche sono spesso immunogenici”.

Notizie mediche oggi ha parlato di questo studio anche con la dottoressa Barbara Giesser, neurologa e specialista in sclerosi multipla presso il Pacific Neuroscience Institute presso il Providence Saint John’s Health Center in California.

“Si tratta di uno studio dimostrativo in un modello animale di malattia demielinizzante”, ha spiegato. “Ciò suggerisce che, invece di sopprimere il sistema immunitario, il danno ai nervi nella SM potrebbe essere prevenuto “desensibilizzando” alcune cellule immunitarie a una proteina mielinica. Ciò potrebbe avere il vantaggio di non aumentare la suscettibilità alle infezioni, che è un problema con alcune delle terapie modificanti la malattia più immunosoppressori attualmente in uso”.

“Questo è uno studio preliminare su un modello murino e sono necessari studi sull’uomo per determinare se questo approccio è sicuro ed efficace nelle persone”.
— Dott.ssa Barbara Giesser