Home Notizia Mondo Il selenio rallenta davvero l’invecchiamento?

Il selenio rallenta davvero l’invecchiamento?

0
23

Disegno di Diego Sabogal.

Il selenio è un minerale traccia, il che significa che il corpo lo richiede solo in quantità molto piccole. È naturalmente presente in molti alimenti ed è disponibile anche come integratore alimentare.

La maggior parte del selenio della nostra dieta viene immagazzinata nel tessuto muscolare, sebbene il tiroide è l’organo con la più alta concentrazione.

Il selenio è un componente importante di enzimi e proteine, note come selenoproteine, che svolgono un ruolo chiave nella riproduzione, nel metabolismo degli ormoni tiroidei e nella sintesi del DNA.

Le selenoproteine ​​agiscono anche come potenti antiossidanti che aiutano a proteggere dalle particelle dannose nel corpo chiamate radicali liberi.

I radicali liberi sono atomi instabili prodotti naturalmente nel corpo come sottoprodotto di normali funzioni all’interno del corpo. Provocano danni alle membrane cellulari e al DNA. Nel tempo, questo può portare a infiammazioni, invecchiamento precoce della pelle e una serie di malattie associate all’età.

Benefici antietà del selenio

Invecchiamento biologico è un processo complesso che coinvolge danni molecolari, squilibri metabolici, cambiamenti del sistema immunitario e una maggiore suscettibilità agli stress ambientali e alle malattie.

Secondo a revisione dal 2018, il selenio può combattere l’invecchiamento e prevenire problemi di salute legati all’età, come tumori, malattie cardiovascolari e disturbi neuropsichiatrici. Alcuni ricercatori ritengono anche che il selenio possa ridursi infiammazione cronicache è strettamente correlato all’invecchiamento.

Secondo alcune ricerche, le selenoproteine ​​sono le principali responsabili di molti dei benefici per la salute del selenio.

Ad esempio, una revisione del 2021 ha rilevato che le selenoproteine ​​svolgono un ruolo chiave nel controllo e nella rimozione proteine ​​mal ripiegate, che si accumulano con l’età. Gli specialisti osservano che l’accumulo di proteine ​​​​mal ripiegate è una caratteristica comune dell’invecchiamento e delle malattie legate all’età, tra cui il diabete di tipo 2 e il morbo di Alzheimer.

Gli esperti ritengono inoltre che il selenio protegga la pelle dallo stress ossidativo ultravioletto (UV) stimolando gli enzimi antiossidanti selenio-dipendenti glutatione perossidasi (GPx) e tioredossina reduttasi (TDR). Il TDR si trova nella membrana plasmatica dei cheratinociti epidermici. Questo può potenzialmente combattere l’invecchiamento della pelle causato dall’esposizione ai raggi UV.

Inoltre, uno studio più recente del 2020 ha rilevato che l’aumento dell’assunzione di selenio nella dieta è associato a telomeri più lunghi. Questo studio ha rilevato che ogni aumento di 20 microgrammi di selenio nella dieta era associato a una lunghezza dei telomeri più lunga dello 0,42% nei partecipanti di età superiore ai 45 anni.

I telomeri sono “cappucci protettivi” situati alle estremità dei nostri cromosomi che influenzano la velocità con cui le cellule invecchiano. Alcuni esperti considerano la lunghezza dei telomeri come un biomarcatore informativo dell’invecchiamento.

Ricercatori credono anche che livelli più elevati di selenio siano associati alla longevità. La mortalità per tutte le cause degli anziani con bassi livelli di selenio è significativamente superiore a quella degli anziani con livelli elevati di selenio.

Ad esempio, i centenari spesso sembrano avere livelli sistemici più elevati di selenio e ferro mentre hanno livelli più bassi di rame rispetto ad altre persone anziane.

Tuttavia, è importante notare che i risultati rimangono contrastanti e sono necessarie ulteriori ricerche sull’argomento. Alcuni studi, come quello di cui sopra, suggeriscono che bassi livelli di selenio possono effettivamente promuovere la longevità.

Altri benefici per la salute

Il selenio può anche svolgere un ruolo importante nella protezione contro alcune malattie legate all’età.

Cardiopatia

Uno meta-analisi hanno scoperto che le persone con livelli di selenio più bassi hanno un rischio maggiore di malattia coronarica. Al contrario, l’a revisione degli studi che hanno utilizzato solo l’integrazione di selenio per la prevenzione primaria delle malattie cardiache non hanno riscontrato effetti statisticamente significativi del selenio su eventi cardiovascolari sia fatali che non fatali.

Anche se alcune ricerche sembrano promettenti, c’è prove insufficienti per supportare l’uso di routine di integratori di selenio, soprattutto in coloro che stanno ottenendo abbastanza dal cibo per prevenire le malattie cardiache in questo momento.

Cancro

C’è l’idea che il selenio possa svolgere un ruolo nella prevenzione del cancro grazie alla sua capacità di proteggere le cellule dai danni e dalle mutazioni del DNA. Tuttavia, le prove su questo rimangono contrastanti.

Secondo un 2018 revisione di 83 studi, non esiste una ricerca solida che suggerisca che il selenio dalla dieta o dagli integratori prevenga il cancro negli esseri umani.

In effetti, alcuni prove suggeriscono che la supplementazione di selenio può aumentare il rischio di cancro della pelle non melanoma e diabete di tipo 2.

Malattia della tiroide

Il selenio svolge un ruolo chiave nella funzione tiroidea. Alcuni studi suggeriscono che avere livelli di selenio ottimali può proteggere dalle malattie della tiroide e preservare la salute generale.

Tuttavia, secondo il Ufficio degli integratori alimentarisono necessarie ulteriori ricerche per determinare se gli integratori di selenio possono trattare o prevenire le malattie della tiroide.

Declino cognitivo

Poiché i livelli sierici di selenio diminuiscono con l’età, concentrazioni di selenio marginali o carenti possono essere associate all’età declino della funzione cerebrale. Gli esperti ritengono che ciò potrebbe essere dovuto alle proprietà antiossidanti del selenio.

Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per determinare se l’integrazione di selenio può aiutare a trattare o prevenire il declino cognitivo legato all’età negli anziani.

Devo prendere un integratore di selenio?

Nel complesso, la ricerca rimane in conflitto per quanto riguarda l’integrazione di selenio e l’effetto del selenio sull’invecchiamento.

Secondo la revisione del 2018 discussa sopra, la maggior parte degli studi indica che l’integrazione di selenio ha proprietà anti-invecchiamento e previene le malattie legate all’invecchiamento. Tuttavia, sono necessari ulteriori studi per chiarire il suo ruolo.

Al momento, non ci sono prove concrete che l’integrazione di selenio avvantaggia una persona che non è a rischio di carenza.

Una carenza di selenio è rara negli Stati Uniti a causa del suolo ricco di selenio che si trova in tutto il Nord America.

Tuttavia, alcuni gruppi sono a rischio di carenza di selenio, tra cui:

  • persone che vivono con l’HIV
  • persone con insufficienza renale che richiedono emodialisi
  • persone che vivono in regioni a basso contenuto di selenio, inclusi alcuni paesi europei, Russia e Cina.

Il rischio è ulteriormente aumentato per le persone che vivono in aree a basso contenuto di selenio che seguono una dieta vegetariana o vegana.

La carenza di selenio può indebolire la capacità delle cellule di crescere e dividersi, il che può contribuire all’invecchiamento. Può anche portare a una guarigione ritardata delle ferite, allo sviluppo della cataratta e alla perdita di colore.

Altro in nutrizione onesta
Mostra tutto

Le diete antinfiammatorie funzionano davvero?

Grelin: Tutto sull’ormone della fame

Cosa sappiamo delle microplastiche negli alimenti?

Fonti di cibo

La maggior parte degli adulti ha bisogno 55 microgrammi (mcg) di selenio al giorno. Le donne in gravidanza, tuttavia, dovrebbero consumare 60 mcg. Durante l’allattamento, il selenio deve aumentare ulteriormente a 70 mcg.

Poiché il corpo umano non genera il proprio selenio, è essenziale ottenere quantità ottimali dalla dieta, in modo che possa giovare alla salute generale.

Per fortuna, il selenio si trova in un’ampia varietà di alimenti che possono essere facilmente incorporati nella dieta di una persona.

Poiché il selenio si trova nel suolo, i suoi livelli nel cibo si baseranno sulla quantità di selenio presente nel terreno in cui è stato coltivato il cibo.

Le noci del Brasile, i frutti di mare e le carni d’organo sono tra le più alte fonti alimentari di selenio. Ad esempio, un’oncia di noci brasiliane ha 544 mcg di selenio o il 989% del valore giornaliero raccomandato (DV).

Altre buone fonti alimentari di selenio includono:

  • tonno pinnagialla
  • halibut
  • sardine
  • Manzo
  • prosciutto
  • gamberetto
  • fiocchi di latte
  • riso integrale
  • uova sode
  • pane di farina integrale
  • fagioli/lenticchie.

Potenziali rischi

Se una persona supera costantemente il limite superiore raccomandato di 400 mcg di selenio attraverso alimenti o integratori, può causare effetti negativi sulla salute.

Uno dei primi segni di assunzione eccessiva di selenio è un odore di aglio nell’alito e un sapore metallico in bocca.

Altro segni di assunzione cronicamente elevata di selenio sono:

  • perdita o fragilità dei capelli e delle unghie
  • lesioni cutanee
  • denti screziati o cariati
  • nausea
  • diarrea
  • fatica
  • irritabilità.

L’assunzione di megadosi di selenio può portare a tossicità acuta da selenioche può portare a sindrome da distress respiratorio acuto, gravi sintomi gastrointestinali e neurologici, insufficienza renale, insufficienza cardiaca e, in casi estremi, morte.

La linea di fondo

Il selenio è un minerale importante che è necessario per molte importanti funzioni all’interno del corpo. Ci sono anche prove limitate che possa fornire diversi benefici per la salute.

Le selenoproteine ​​sono potenti antiossidanti che possono aiutare a proteggere dai danni causati dai radicali liberi che portano all’invecchiamento e alle condizioni di salute legate all’età.

Al momento, non ci sono prove che gli integratori di selenio possano rallentare o prevenire l’invecchiamento. Tuttavia, è importante includere quantità ottimali di selenio nella dieta perché svolge un ruolo nella neutralizzazione dei radicali liberi e nella riduzione dell’infiammazione, entrambi fattori che possono contribuire all’invecchiamento precoce.

Se ritieni di avere una carenza di selenio o stai pensando di assumere integratori di selenio, assicurati di parlare con il tuo medico.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here