Home Notizia Mondo Il fenomeno del ‘super freddo’: cos’è e dobbiamo preoccuparci?

Il fenomeno del ‘super freddo’: cos’è e dobbiamo preoccuparci?

0
11

Il “super raffreddore” che stanno vivendo gli australiani potrebbe essere causato dal sistema immunitario che combatte i nuovi virus dopo il blocco.
Bai Xuefei/Xinhua tramite Getty Images
  • Mentre gli australiani allentano le misure di sicurezza COVID-19, un “super raffreddore” sta investendo la nazione.
  • Poiché il COVID-19 può manifestarsi allo stesso modo di un raffreddore, la nuova malattia sta causando confusione e sollevando timori per le infezioni da SARS-CoV-2.
  • Gli esperti ritengono che il fenomeno sia il risultato dei primi incontri tra nuovi virus e sistemi immunitari che rientrano nel mondo dopo l’isolamento.

I sintomi sono inquietantemente familiari e ha gli australiani al limite. Ma non è COVID-19. È solo un comune virus del raffreddore, o forse una serie di virus che attraversa la popolazione locale. Alcuni lo considerano, o loro, come il “super freddo” dell’Australia.

Gli esperti sospettano che la straordinaria diffusione del super raffreddore sia dovuta alla collisione dei sistemi immunitari che sono stati in un periodo di isolamento di quasi 2 anni sopraffatti da una miriade di nuovi germi tutto in una volta.

Lo ha detto il professor Ian Mackay dell’Università del Queensland, in Australia Notizie mediche oggi:

“Alcuni di quelli che potremmo sentire ‘super raffreddori’ potrebbero essere solo raffreddori normali che abbiamo semplicemente dimenticato di riconoscere perché l’Australia li ha tenuti a bada con successo durante la pandemia”.

Un simile effetto super freddo è stato segnalato nel novembre dello scorso anno nel Regno Unito quando i residenti si sono avventurati per la prima volta fuori dal blocco.

“Senza alcuni studi”, ha osservato il dottor Mackay, “presumo che si tratti solo di malattie acute del tratto respiratorio, causate da una serie di diversi virus endemici. E per essere chiari, quando dico “endemici”, intendo virus che sono sempre con noi in un certo numero; una linea di base di infezioni che ticchettano”.

È probabile che fenomeni simili di “super freddo” si verifichino in tutto il mondo quando le misure di sicurezza COVID-19 vengono allentate.

Decisamente malato, ma con cosa?

I sintomi che le persone stanno vivendo sono i classici segni di un’infezione del tratto respiratorio superiore: naso che cola, mal di gola e occhi appiccicosi.

Può anche verificarsi una tosse secca e la guarigione di solito avviene entro 5-7 giorni, ha detto la dott.ssa Charlotte Hespe, MD, con sede a Sydney. Mail giornaliera.

Alcune persone hanno anche sintomi influenzali come febbre, mal di testa e dolori muscolari.

Questi sintomi sembrano molto simili a quelli del COVID-19, sebbene il COVID-19 abbia alcuni sintomi che non accompagnano un raffreddore o un’influenza, come la perdita del gusto o dell’olfatto.

La strategia più sicura è eseguire un test COVID-19 se si verificano tali sintomi.

Un’influenza regolare, che dura in genere 10-15 giorni, è più sgradevole e può essere pericolosa anche quando non è COVID-19. Gli esperti raccomandano di ottenere vaccini antinfluenzali disponibili come un modo per aiutare il proprio sistema immunitario mentre rientra nel mondo.

Gli esperti incoraggiano anche le persone a rimanere al passo con le vaccinazioni e i richiami COVID-19.

Stagione influenzale

La rapida proliferazione del super raffreddore e delle influenze in Australia è vista come una prova che la stagione influenzale di quest’anno potrebbe essere difficile.

Ha detto il dottor Mackay:

“L’influenza potrebbe non avere una grande stagione quest’anno, o potrebbe. Ma sappiamo che sta circolando in altre parti del mondo e, con i viaggi aperti, mi aspetto che arriverà e vedremo una diffusione dell’influenza molto rapida”.

“Vedremo”, ha ipotizzato il dottor Mackay, “l’intero spettro di esiti da infezioni asintomatiche, a malattie simil-influenzali lievi e moderate con febbre, dolori muscolari, stanchezza e problemi respiratori. Ma vedremo anche i nostri ospedali già occupati ulteriormente stressati dall’influenza poiché alcune malattie gravi includono stress su polmoni, cuore e cervello”.

“L’influenza grave colpisce i giovanissimi (la percentuale più alta) e gli anziani. Vedremo anche morti, ma tradizionalmente siamo stati pessimi nel catturare accuratamente quelli dovuti all’influenza”, secondo il dottor Mackay. “Senza test di laboratorio per definire quale virus abbiamo, indovineremo se questi sono dovuti all’attuale virus pandemico o influenza o a un altro dei 200 virus respiratori acuti”.

Combattere la fatica

Un altro problema è la “stanchezza da vaccino”, con molti che sentono di aver fatto abbastanza vaccinazioni. Allo stesso modo, molti sono stanchi di indossare la mascherina e di distanziamento sociale.

Nonostante la stanchezza, tuttavia, il dottor Mackay ha prescritto un comportamento sensato di fronte a superraffreddori, influenza e COVID-19. Ha detto che dovremmo fare “le stesse identiche cose che abbiamo visto raccomandate per SARS-CoV-2, il nostro attuale agente patogeno pandemico”.

“Lavarsi le mani (un’ottima regola generale per evitare che virus e batteri ci infettino); indossa una maschera perché è più intelligente presumere che si tratti di tutti virus nell’aria che espiriamo con il respiro”.

“E”, ha detto il dottor Mackay, “incontrarsi all’aperto, almeno fino a quando gli affari e i leader non si prenderanno sul serio la pulizia dell’aria negli spazi aerei interni nel modo in cui ci aspettiamo che la nostra acqua e il nostro cibo siano privi di virus che causano malattie. Gli ambienti interni possono utilizzare filtri altamente efficienti, UV integrati [air conditioners] o un numero maggiore di ricambi d’aria ambiente al minuto.

“Finché non inizieremo a prenderci cura dell’aria, dovremo prenderci cura di noi stessi e mantenerci in salute”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here