Home Notizia Mondo I casi di demenza triplicheranno entro il 2050

I casi di demenza triplicheranno entro il 2050

0
9

Una nuova ricerca prevede il carico globale della demenza entro il 2050. Catherine MacBride/Stocksy
  • A livello globale, circa 153 milioni di persone avranno la demenza entro il 2050, secondo un nuovo studio.
  • Fattori di rischio come fumo, obesità e glicemia alta potrebbero essere responsabili di quasi 7 milioni di questi casi.
  • Gli aumenti stimati dei casi di demenza in Medio Oriente e nelle aree dell’Africa sono molto più elevati di quelli dell’Europa occidentale e della regione dell’Asia del Pacifico.

Il Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) descrivi la demenza come un termine generico per “la ridotta capacità di ricordare, pensare o prendere decisioni che interferiscono con lo svolgimento delle attività quotidiane”.

La demenza non è una parte prevista dell’invecchiamento, deriva da una varietà di malattie o lesioni che colpiscono il cervello. È progressivo e il settima causa di morte In tutto il mondo.

La malattia colpisce le persone in modo diverso, ma gli esperti classificano ampiamente tre fasi:

  • Fase iniziale: Questo è caratterizzato dall’essere smemorati e perdere la cognizione di tempi e luoghi.
  • Fase intermedia: I primi sintomi diventano più evidenti, la comunicazione può diventare difficile e i cambiamenti nel comportamento possono accompagnare una maggiore dimenticanza e confusione a casa.
  • Fase successiva: Questo è caratterizzato da una quasi totale dipendenza e inattività.

I casi di demenza sono in aumento, essendo aumentati del 117% dal 1990 al 2016. A livello globale, si stima che nel 2019 vissero 57 milioni di persone con demenza.

Secondo il recente studio Global Burden of Disease (GBD), che appare in La lancetta, questa cifra dovrebbe triplicare fino a raggiungere una cifra stimata di 153 milioni nel 2050.

Lo studio è il primo del suo genere a fornire stime previsionali per 195 paesi in tutto il mondo.

Demenza e fattori di stile di vita

Lo studio GBD, che ha analizzato 635 studi esistenti, è stato condotto da ricercatori dell’Università di Washington, a Seattle, e finanziato dalla Bill & Melinda Gates Foundation.

Gli scienziati miravano a migliorare le attuali proiezioni sulla demenza includendo fattori di rischio di demenza riconosciuti, come fumo, obesità, glicemia alta e scarsa istruzione.

Lo studio prevede un enorme aumento del numero di casi di demenza, da 57,4 milioni di casi nel 2019 a 152,8 milioni di casi nel 2050.

I ricercatori hanno scoperto che la prevalenza della demenza con l’età era abbastanza stabile: gli aumenti erano in gran parte dovuti alla crescita della popolazione e all’invecchiamento della popolazione. Tuttavia, hanno previsto che entro il 2050 quasi 7 milioni di casi potrebbero essere dovuti a fattori di stile di vita.

L’autrice principale dello studio Emma Nichols, ricercatrice presso l’Institute for Health Metrics and Evaluation dell’Università di Washington, ha detto Notizie mediche oggi che queste cifre potrebbero essere più elevate se si tenesse conto di altri fattori di rischio.

“Mentre il nostro studio si è concentrato sull’impatto delle tendenze attese nei fattori di rischio modificabili, altri studi hanno suggerito che fino al 40% di tutti i casi di demenza potrebbe essere prevenuto se i fattori di rischio fossero eliminati”.

Parlando con MNT, Hilary Evans, amministratore delegato di Alzheimer’s Research UK, che non è stata coinvolta nello studio, ha dichiarato:

“Queste cifre sorprendenti mettono a nudo la scala scioccante della demenza in tutto il mondo. Oggi ci sono già 57 milioni di persone di troppo che vivono con questa condizione devastante. […]La notizia che quasi 7 milioni di nuovi casi globali potrebbero essere dovuti a una cattiva salute del cuore deve fungere da campanello d’allarme per tutti noi”.

“Il nuovo [GBD] lo studio è un chiaro promemoria della crescente sfida globale della demenza”, ha affermato il Prof. Bart De Strooper, direttore del Dementia Research Institute del Regno Unito, presso l’University College di Londra, che non faceva parte dello studio.

In un’intervista a MNT, ha avvertito che i fattori di rischio studiati sono solo una parte del quadro più ampio, spiegando che “la composizione genetica di un individuo è un fattore di rischio per l’Alzheimer almeno altrettanto grande dello stile di vita”.

“Sebbene sia consigliabile accumulare le probabilità a tuo favore con le scelte di vita”, ha continuato, “purtroppo, sappiamo che milioni di persone continueranno a sviluppare la demenza, ed è per questo che abbiamo urgente bisogno di ulteriori ricerche che rafforzino la corsa alle cure.”

Casi di demenza per paese

Finora, le stime dei casi di demenza nei singoli paesi non erano state pubblicate. Lo studio GBD evidenzia una grande differenza tra i paesi nella prevalenza prevista della demenza tra il 2019 e il 2050.

Mentre il team prevedeva un aumento dei tassi di demenza in ogni paese, c’erano grandi disparità.

Prevedevano che i casi nel Regno Unito sarebbero passati da 907.000 a quasi 1,6 milioni entro il 2050 e avrebbero visto aumenti modesti simili nella regione dell’Asia del Pacifico a reddito più elevato, con un aumento previsto da 4,8 milioni a 7,4 milioni entro il 2050.

Al contrario, le stime per l’Africa subsahariana orientale sono aumentate del 357%, da 660.000 a oltre 3 milioni entro il 2050. Anche il Nord Africa e il Medio Oriente hanno mostrato un enorme aumento del 367%, con un numero di casi previsto di 14 milioni entro il 2050.

L’impatto più ampio

MNT ha anche parlato con la dott.ssa Karen Harrison Dening, responsabile della ricerca e delle pubblicazioni di Dementia UK, che non è stata coinvolta nello studio.

Ha sottolineato che il probabile aumento dei casi di demenza significa che “Dobbiamo essere consapevoli dei vari fattori di rischio di questa condizione. Fin dalla tenera età, mantenere una routine sana piena di una dieta equilibrata e abbastanza esercizio fisico può aiutare a ridurre il rischio di insorgenza della condizione in modo più ampio”.

Ogni esperto di demenza con cui ha parlato MNT ha convenuto che i cambiamenti nello stile di vita devono essere sostenuti da maggiori investimenti nella salute pubblica.

Il Dr. Harrison Denning ha parlato della necessità di migliorare “la qualità e l’accesso al supporto post-diagnostico per la demenza, che è ancora fuori dalla portata di molte famiglie. […] Fino a quando non avremo un solido piano per la demenza dal governo, con specialisti della demenza al centro, questa continuerà a essere una delle più grandi sfide per la salute del nostro tempo”.

Uno sforzo globale per combattere la demenza

Ha detto il dottor Nichols MNT che “Comprendere il carico della malattia sia a livello globale che a livello nazionale è fondamentale per i responsabili politici e i responsabili delle decisioni per comprendere l’entità del problema e pianificare adeguatamente gli aumenti futuri”.

“Ci auguriamo che le nostre stime specifiche per paese sulla futura prevalenza della demenza possano essere utilizzate dai governi per prepararsi adeguatamente all’aumento dei supporti e dei servizi che saranno necessari alle persone con demenza e ai loro caregiver”.

– Emma Nichols

Evans, facendo eco a questi pensieri, ha commentato che “la demenza non colpisce solo gli individui, può devastare intere famiglie e reti di amici e persone care”.

“Il costo personale straziante della demenza va di pari passo con enormi impatti economici e sociali, rafforzando la richiesta ai governi di tutto il mondo di fare di più per proteggere le vite ora e in futuro”.

Non è mai troppo presto

“Ci sono prove solide che ciò che fa bene al cuore fa bene anche al cervello”, ha spiegato Evans.

“Non fumare, bere solo entro i limiti raccomandati, rimanere mentalmente e fisicamente attivi, seguire una dieta equilibrata e tenere sotto controllo la pressione sanguigna e i livelli di colesterolo possono aiutare a mantenere il nostro cervello sano con l’età”.

“Con molti che pensano ai buoni propositi per il nuovo anno”, ha continuato, “esorto le persone a considerare alcuni semplici passi che tutti possiamo fare per mantenere il cervello sano. Non è mai troppo presto o troppo tardi per iniziare e Think Brain Health Hub dell’Alzheimer’s Research UK può mostrarti come fare”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here