Home Notizia Mondo Gli spinaci riducono il rischio di cancro al colon: lo studio esplora...

Gli spinaci riducono il rischio di cancro al colon: lo studio esplora come

0
56

Un nuovo studio esplora il legame tra consumo di spinaci e cancro al colon. Serbogachuk/Getty Images
  • Precedenti ricerche hanno identificato gli spinaci come aventi proprietà anti-cancro al colon.
  • Uno studio della Texas A&M University (TAMU) a College Station ha scoperto che il vegetale può inibire la crescita dei polipi nelle persone con cancro del colon non genetico o genetico.
  • Hanno scoperto che l’effetto anti-polipo degli spinaci deriva da alcune sorprendenti interazioni metaboliche.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC), il cancro del colon-retto è il Terzo principale causa di morte per cancro negli Stati Uniti.

A parte alcuni tumori della pelle, è anche il terzo tumore più comune sia negli uomini che nelle donne. Il cancro del colon-retto comprende il cancro del colon e il cancro del retto. Il colon e il retto sono entrambe parti dell’intestino crasso.

Ricerca precedente ha stabilito che mangiare spinaci può ridurre fino alla metà il rischio di cancro al colon.

Un nuovo studio del TAMU Health Science Center riafferma le proprietà antitumorali degli spinaci e indaga su come la verdura interagisce con i batteri intestinali e la genetica per ottenere i suoi effetti benefici.

Gli spinaci inibiscono la crescita dei polipi del colon. Di tutti i casi di cancro del colon-retto, il tipo familiare ereditario rappresenta solo il 10-15%. Inoltre, solo il 5-10% dei polipi si trasforma in cancro del colon-retto.

I ricercatori del TAMU avevano precedentemente confermato la capacità degli spinaci di reprimere lo sviluppo di polipi nei ratti che avevano una forma di cancro indotta simile al cancro del colon-retto non genetico o “sporadico” dell’uomo. Circa l’85-90% dei casi di cancro del colon-retto sono sporadici.

Il nuovo studio esamina il valore degli spinaci per le persone con una forma ereditaria di cancro del colon-retto chiamata poliposi adenomatosa familiare.

La poliposi adenomatosa familiare porta alla crescita di più, a volte centinaia, di polipi del colon non cancerosi. La maggior parte delle persone con questa condizione alla fine richiede un intervento chirurgico per rimuovere il colon, dopodiché utilizzeranno potenzialmente tossico farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS) per impedire ai polipi di crescere nel duodeno.

Per il loro studio, i ricercatori hanno somministrato spinaci liofilizzati a ratti con poliposi adenomatosa familiare per 26 settimane. Lo studio suggerisce che il consumo di spinaci potrebbe ritardare la crescita dei polipi, trattenendo la necessità di un trattamento intensivo.

Lo studio appare sulla rivista Microbi intestinali.

Multi-omica

Per capire perché gli spinaci fossero così efficaci nel rallentare la crescita dei polipi, i ricercatori hanno utilizzato una metodologia basata sui dati chiamata multi-omica, che sta diventando sempre più popolare.

Multi-omics analizza i dati provenienti da diversi sistemi del corpo, cercando associazioni che possano suggerire potenziali aree di ricerca.

La parte “omica” della multi-omica si riferisce alla desinenza “ome” nei nomi di tali sistemi.

Notizie mediche oggi ha chiesto all’esperto di omica Pieter Dorrestein, Ph.D., professore alla Skaggs School of Pharmacy and Pharmaceutical Sciences dell’UC San Diego, in California, se il campo della multiomica ha finora fornito importanti spunti medici. Il dottor Dorrestein ha risposto:

“Sì, ce ne sono molti. ne descrivo due:

  1. I tumori hanno i loro microbiomi unici e tali marcatori possono essere potenzialmente utilizzati come diagnostici.
  2. Forse il più sorprendente è questo Inibitori del checkpoint PD1 che sono usati per trattare [the immune system] funzionano come trattamenti per il cancro, ma solo quando il paziente ha la corretta comunità microbica”.

Nello studio attuale, i ricercatori hanno analizzato campioni di tre sistemi:

  • il microbioma — microbi intestinali benefici e dannosi
  • il trascrittoma — la raccolta di RNA e mRNA che le cellule o i tessuti esprimono
  • il metaboloma — metaboliti che le cellule producono durante l’attività metabolica

L’Integrated Metabolomics Analysis Core (IMAC) di TAMU ha condotto l’analisi del metaboloma. IMAC gestisce una suite di spettrometri di massa all’avanguardia che gli consentono di eseguire la metabolomica, lo studio multi-omico di “piccole molecole e metaboliti contenuti all’interno di cellule, tessuti e biofluidi di organismi”.

Arul Jayaraman, fondatore di IMAC, ha descritto lo studio come “una delle analisi metabolomiche più complete del suo genere, specialmente nel contesto della prevenzione del cancro da parte di un alimento completo: gli spinaci”.

Risultati sorprendenti

Il ricercatore senior Dr. Roderick Dashwood descrive il sorprendente risultato dell’analisi del team:

“Il mio pregiudizio è stato quello di concentrarmi sulla storia della clorofilla a causa della mia lunga storia nell’esaminare gli effetti antitumorali della clorofilla. Ma si è scoperto che l’approccio multi-omico ha suggerito altre idee”.

Spiega: “Quando abbiamo esaminato i dati metabolomici, non c’era clorofilla. In realtà erano gli acidi grassi e i derivati ​​dell’acido linoleico a causare gli effetti benefici”.

I ricercatori intendono studiare ulteriormente le proprietà antitumorali dei metaboliti dell’acido linoleico e degli acidi grassi a catena corta nei loro modelli animali. La speranza è che questo lavoro alla fine porti allo studio dei meccanismi metabolomici umani.

Riguardo al fatto che le persone debbano iniziare a consumare spinaci come misura preventiva contro lo sviluppo del cancro al colon, il dott. Dashwood consiglia: “Prima è, meglio è”.

Dice il dott. Dashwood: “Non dovresti aspettare che sorgano i polipi per iniziare a fare questo tipo di cose preventive”.

Gli spinaci offrono molti benefici per la salute in ogni caso, come ha detto la dietista cardiologica Michelle Routhenstein, che è la proprietaria di Entirely Nourished e non è stata coinvolta in questo studio. Notizie mediche oggi:

“Gli spinaci contengono diversi nutrienti che aiutano a proteggere la salute del cuore. Gli spinaci sono una ricca fonte di vitamina K1, che ha dimostrato di aiutare a ridurre il rischio di cardiomegalia. Gli spinaci sono anche naturalmente ricchi di glutatione, che aiuta a potenziare il principale percorso antiossidante nel corpo, [helping] affrontare lo stress ossidativo e supportare la funzione immunitaria.

Routhenstein ha continuato: “Gli spinaci contengono anche folato, che è una delle vitamine necessarie per abbassare i livelli di omocisteina nel corpo: alti livelli di omocisteina portano alla promozione della placca nelle arterie. È stato anche dimostrato che gli alimenti ricchi di folati abbassano i livelli di acido urico inibendo la formazione di purine».

La linea di fondo, ha affermato il dott. Dorrestein, è che “la scienza attuale suggerisce che cibi e bevande zuccherati promuovono il cancro, mentre un maggiore consumo di frutta e verdura è associato a rischi negativi”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here