Home Notizia Mondo Dieta a basso contenuto di sale e insufficienza cardiaca: risultati sorprendenti sulla...

Dieta a basso contenuto di sale e insufficienza cardiaca: risultati sorprendenti sulla qualità della vita…

0
15

Un nuovo studio rileva che mangiare meno sale può migliorare i sintomi dell’insufficienza cardiaca. Pargpoom Puapansawad/EyeEm/Getty Images
  • Non è chiaro quali siano i benefici completi del mantenimento di una dieta povera di sale per le persone con insufficienza cardiaca.
  • Un nuovo studio ha scoperto che le diete povere di sale possono migliorare la qualità della vita e alcuni sintomi nelle persone con insufficienza cardiaca.
  • Tuttavia, la ricerca suggerisce anche che le diete povere di sale potrebbero non ridurre i ricoveri legati a problemi cardiovascolari.

I medici raccomandano da tempo una riduzione dell’assunzione di sale per l’insufficienza cardiaca o altri problemi cardiaci. Tuttavia, la ricerca è ancora in corso su quanto sia efficace il basso apporto di sodio nel ridurre gli eventi di ricovero o visite al pronto soccorso.

Un recente studio pubblicato in La lancetta hanno scoperto che mentre le diete povere di sodio potrebbero aiutare a migliorare la qualità della vita delle persone con insufficienza cardiaca, non hanno ridotto gli eventi clinici come il ricovero o le visite al pronto soccorso.

Insufficienza cardiaca e raccomandazioni dietetiche a basso contenuto di sale

Insufficienza cardiaca è quando il cuore non può pompare efficacemente il sangue per soddisfare le richieste del corpo. Di conseguenza, il corpo non può ottenere i nutrienti e l’ossigeno di cui ha bisogno. L’insufficienza cardiaca è cronica.

Le persone con insufficienza cardiaca possono sperimentare una varietà di sintomiinclusi i seguenti:

  • Mancanza di respiro, tosse o respiro sibilante persistente
  • Gonfiore a causa dell’accumulo di liquidi in eccesso
  • Sensazione di stanchezza o affaticamento
  • Aumento della frequenza cardiaca, sensazione di palpitazioni cardiache

Il Classificazione funzionale della New York Heart Association (NYHA). è uno standard utilizzato per classificare l’insufficienza cardiaca. Questo sistema colloca le persone in una delle quattro categorie in base a quanto il loro insufficienza cardiaca interferisce con la loro capacità di fare le cose e i loro sintomi causati dall’attività.

Molte organizzazioni e medici incoraggiano le persone che soffrono di insufficienza cardiaca a ridurre la quantità di sale nella loro dieta. In teoria, riducendo la quantità di sodio aiuta a prevenire il sovraccarico di liquidi nelle persone con insufficienza cardiaca.

Il dottor Edo Paz, cardiologo e vicepresidente di Medical presso K Health, che non è stato coinvolto nello studio, ha spiegato a Notizie mediche oggi:

“Abbiamo a lungo istruito i pazienti con insufficienza cardiaca congestizia a limitare il consumo di sodio, poiché il sodio può portare a ritenzione di liquidi, che può provocare esacerbazioni di insufficienza cardiaca”.

I ricercatori del presente studio hanno scoperto che la riduzione dell’assunzione di sodio può avvantaggiare le persone con insufficienza cardiaca.

Tuttavia, hanno scoperto che potrebbe non aiutare a prevenire i ricoveri e altri esiti clinici avversi. I loro risultati offrono maggiori informazioni sulla raccomandazione per l’assunzione di sodio per le persone con insufficienza cardiaca.

Miglioramento della qualità della vita

Lo studio in questione era uno studio randomizzato che includeva oltre 800 partecipanti in sei diversi paesi. I partecipanti erano adulti che soddisfacevano una definizione specifica di insufficienza cardiaca cronica (Classe NYHA 2-3).

I ricercatori hanno posizionato i partecipanti in modo casuale in uno dei due gruppi. Il gruppo di intervento ha seguito una dieta a basso contenuto di sodio in cui ha consumato meno di 1.500 mg di sodio al giorno. Il gruppo di controllo ha ricevuto lo standard di cura per la regione in cui si trovava.

I ricercatori hanno esaminato in particolare l’incidenza di tre eventi principali in 12 mesi:

  • Ricovero per problemi cardiovascolari
  • Visite al pronto soccorso relative a problemi cardiovascolari
  • Morte per tutte le cause

Hanno anche esaminato alcuni altri risultati, incluso se seguire una dieta a basso contenuto di sodio ha migliorato la qualità della vita e la classificazione NYHA tra i partecipanti.

I ricercatori hanno visto che i ricoveri, le visite al pronto soccorso e tutte le cause di morte non sono state ridotte per i partecipanti al gruppo di dieta a basso contenuto di sodio rispetto al gruppo di controllo.

Tuttavia, hanno scoperto un moderato beneficio sulla qualità della vita e nella classificazione della scala NYHA nel gruppo che aveva ridotto l’assunzione di sodio.

Il Dr. Paz ha offerto il seguente riassunto dei risultati dello studio:

“[F]Seguire una dieta a basso contenuto di sale non ha ridotto la morte o i viaggi in ospedale nelle persone con insufficienza cardiaca congestizia. Nonostante questo fatto, c’era ancora un segnale di beneficio in alcuni endpoint chiave a favore di una dieta a basso contenuto di sale, comprese le valutazioni funzionali”.

Limiti dello studio e ricerca continua

L’autore dello studio, il professor Justin A. Ezekowitz, ha spiegato MNT che questo era “il più grande studio del suo tipo per testare se la riduzione di sodio nella dieta per i pazienti con insufficienza cardiaca altera o meno il rischio di eventi clinici futuri”.

Tuttavia, ha sottolineato che non avevano “l’opportunità di testare questa strategia prima in un ampio studio pragmatico guidato da eventi clinici”.

Lo studio aveva molte altre limitazioni. In primo luogo, gli autori dello studio osservano che hanno seguito i partecipanti solo per 12 mesi. Pertanto, è possibile che la riduzione del sodio nella dieta possa avere impatti a lungo termine che i ricercatori non hanno osservato.

A causa della natura dello studio, c’era un potenziale pregiudizio perché i ricercatori sapevano chi era nei gruppi di controllo e di intervento.

I ricercatori riconoscono anche che i partecipanti al gruppo di controllo potrebbero aver ridotto l’assunzione di sodio in modo indipendente.

Poiché la sperimentazione è stata conclusa in anticipo, i risultati potrebbero anche sovrastimare i rischi e l’efficienza relativi agli interventi. Infine, lo studio potrebbe aver incluso pazienti con diversi rischi per la salute a causa del modo in cui i partecipanti sono stati selezionati.

Questi risultati indicano che una ridotta assunzione di sodio non ha un impatto significativo sugli eventi clinici. Pertanto, i ricercatori raccomandano che i professionisti sanitari lo guardino come altri trattamenti medici e valutino i benefici in base alle esigenze specifiche di ciascun paziente.

Il dottor Paz osserva che continuerà a raccomandare diete povere di sale per i pazienti con insufficienza cardiaca:

“Nel complesso, non è chiaro se i modelli di pratica cambieranno e, per quel che vale, continuerò a consigliare ai pazienti con insufficienza cardiaca congestizia di limitare l’assunzione di sale e liquidi”.

Il Prof. Ezekowitz ha raccomandato che questo studio necessiti di prove di follow-up con tempi di follow-up ancora più lunghi.

“Abbiamo bisogno di più prove nell’area, testando diverse popolazioni, interventi e follow-up a lungo termine”, ha affermato.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here