Home Notizia Mondo Crisi del sangue della Croce Rossa americana: come possiamo aiutare?

Crisi del sangue della Croce Rossa americana: come possiamo aiutare?

0
62

Il 27 marzo 2020 a Las Vegas, NV, la leader della squadra della Croce Rossa americana Eva Klappa trasporta scatole di trasporto per il sangue donato durante una raccolta di sangue della Croce Rossa americana. Ethan Miller/Getty Images
  • La Croce Rossa americana ha annunciato questa settimana che sta affrontando la sua prima crisi ematica in mezzo a un’impennata nei casi della variante Omicron di SARS-CoV-2.
  • A causa delle restrizioni dovute alla pandemia di COVID-19, il 68% dei centri trasfusionali negli Stati Uniti ha meno sangue del necessario per soddisfare la domanda regolare.
  • I medici stanno esortando le persone a donare il sangue in modo che gli ospedali possano tenere il passo con la domanda e salvare vite umane.

Al 14 gennaio 2022, il 68% dei centri trasfusionali negli Stati Uniti ha meno di 3 giorni di afflusso di sangue, il minimo necessario per soddisfare la domanda regolare.

In circostanze normali, la Croce Rossa fornisce il 40% dell’afflusso di sangue nazionale degli Stati Uniti utilizzato dagli ospedali. Tuttavia, dall’inizio della pandemia di COVID-19, l’organizzazione ha visto un calo del 10% del numero di donatori di sangue.

Per ovviare a questa carenza, la Croce Rossa sta sensibilizzando e sollecitando le persone a donare il sangue:

“Ora sono necessari tutti i tipi, in particolare i tipi O positivi e O negativi, così come le donazioni di piastrine, per aiutare a invertire questa crisi sanguigna nazionale”, ha scritto la Croce Rossa americana in un comunicato stampa.

“Se non c’è un’opportunità immediata disponibile per donare, ai donatori viene chiesto di fissare un appuntamento nei giorni e nelle settimane a venire per garantire che la Croce Rossa possa ricostituire e mantenere un sufficiente afflusso di sangue”, hanno continuato.

Il sangue non può essere prodotto e non esiste un trattamento alternativo per la trasfusione di sangue. È quindi fondamentale che le persone donino il sangue per salvare vite umane.

Per saperne di più su questo problema, Notizie mediche oggi ha parlato con tre esperti la cui pratica è direttamente influenzata dalla carenza di sangue insieme a due che sono rimasti relativamente inalterati.

Quanto è brutta la situazione?

“Nel nostro ospedale, siamo a corto di centinaia di unità di sangue”, ha affermato la dott.ssa Jennifer Andrews, M.Sc., professore associato di patologia, microbiologia e immunologia e professore associato di pediatria presso il Vanderbilt University Medical Center di Nashville, TN .

Il dottor Andrews è anche il direttore medico della banca del sangue dell’istituto. Lei disse Notizie mediche oggi, “Moltiplicalo per migliaia di ospedali negli Stati Uniti e si sa subito che abbiamo bisogno di migliaia di unità di sangue per sopperire a questa carenza”.

“In questo momento, abbiamo bisogno di quanto più sangue possibile”, ha detto il dottor Brian Wagers, direttore medico associato e medico di medicina d’urgenza presso il Riley Hospital for Children di Indianapolis, IN MNT:

“Non è raro che un paziente utilizzi fino a decine di unità di sangue, specialmente in un paziente traumatizzato. Puoi vedere che solo per un paziente possono essere necessari molti, molti donatori per soddisfare tale esigenza. Abbiamo bisogno di tutti coloro che possono donare tutte le volte che è sicuro che lo facciano”.

Un’unità di sangue è pari a 500 millilitri. La Croce Rossa americana stima che negli Stati Uniti siano necessarie 29.000 unità di globuli rossi ogni giorno. Mentre la trasfusione media di globuli rossi è di circa tre unità, una vittima di un incidente stradale può richiedere fino a 100 unità di sangue.

Tuttavia, non tutti sono stati ugualmente colpiti dalla carenza di sangue a livello nazionale. Bryan Schmitt, DO, direttore medico del dipartimento di laboratorio e patologia dei bambini del Minnesota, ha detto Notizie mediche oggi:

“Per fortuna, al Children’s Minnesota, non siamo stati colpiti dalla carenza di sangue a livello nazionale. Il nostro fornitore ci ha chiesto di tenere a portata di mano circa il 20% di sangue in meno a causa della carenza a livello nazionale. Siamo anche più attenti all’utilizzo del nostro prodotto”.

Ha avvertito, tuttavia, che mentre le normali operazioni al Children’s Minnesota non sono state influenzate, “i sistemi sanitari non possono sostenere un basso afflusso di sangue per sempre”.

In che modo il COVID-19 ha influenzato l’afflusso di sangue?

“Durante la fase iniziale della pandemia negli Stati Uniti, l’afflusso di sangue è diminuito, ma il nostro uso è diminuito contemporaneamente poiché gli interventi chirurgici elettivi e non urgenti sono stati annullati in tutto il paese”, Suzanne Arinsburg, DO, direttore della banca del sangue e dei servizi trasfusionali per il monte Sinai Ospedale detto MNT. “Con la ripresa di questi interventi chirurgici, i centri di raccolta del sangue non sono stati in grado di tenere il passo con la domanda”.

Il dottor Wagers ha affermato che uno dei motivi principali per cui i centri di raccolta del sangue non sono stati in grado di tenere il passo con la domanda è che “molti dei modi in cui le persone erano solite donare il sangue, ad esempio attraverso raccolte di sangue della comunità o siti pop-up in generale raduni, sono stati ridotti o cancellati” a causa delle continue restrizioni legate al COVID-19.

“Nonostante l’allentamento di queste restrizioni in varie parti del Paese, i ripetuti picchi di malattia COVID-19 legati alle varianti hanno continuato a deprimere le donazioni. Molti ospedali e altre organizzazioni stanno sponsorizzando raccolte di sangue, ma anche il ritorno su queste sta diminuendo, il che significa che le successive raccolte di sangue non stanno raccogliendo la stessa quantità di donazioni che hanno fatto in passato”, ha continuato.

Il dottor Andrews ha aggiunto che anche gli operatori sanitari che si ammalano e si mettono in quarantena a causa del COVID-19 hanno influenzato le donazioni di sangue:

“Poiché i donatori di sangue sani e gli operatori sanitari sono malati o messi in quarantena a causa di [SARS-CoV-2] infezione, non sono in grado di donare sangue o elaborare sangue da inviare agli ospedali. Ciò significa che la “catena di approvvigionamento” del sangue si interrompe in modo che gli ospedali non ricevano il sangue di cui abbiamo bisogno per trasfondere i pazienti”.

“Il sangue deve essere consegnato agli ospedali in modo regolare e coerente, proprio come i generi alimentari devono essere consegnati al tuo negozio di alimentari locale. Finiamo con gli scaffali vuoti nella nostra banca del sangue, proprio come fa il tuo negozio di alimentari di quartiere se la catena di approvvigionamento si rompe. Ma il sangue è costantemente necessario per salvare vite umane, quindi questa catena di approvvigionamento non vede l’ora di essere sanata”, ha aggiunto.

Cosa significa la carenza di sangue per i pazienti?

“Non possiamo trasfondere pazienti che necessitano di trasfusioni di sangue. I pazienti devono aspettare. Come ematologo pediatrico, curo i bambini con malattie del sangue, inclusa l’anemia falciforme, e li mando a casa se stanno abbastanza bene solo per sperare che avremo più sangue domani”, ha affermato il dottor Andrews.

“Per i pazienti già molto malati in ospedale o sottoposti a interventi chirurgici salvavita come un trapianto di fegato, o vengono trasfusi a una dose inferiore alla normale dose di sangue o anche loro devono aspettare. Questo può essere mortale per alcuni dei nostri pazienti più malati”, ha aggiunto.

“Inoltre, il Vanderbilt University Medical Center è l’unico centro traumatologico di livello 1 a Nashville, quindi abbiamo sempre bisogno di avere sangue extra a portata di mano per salvare la vita della prossima vittima del trauma che sta morendo dissanguata. Potrebbe essere chiunque di noi, avere un incidente sulla strada per andare al lavoro o a scuola, o avere un bambino quando improvvisamente si verifica un’emorragia pericolosa per la vita. Se questo non ha ancora colpito te o i tuoi cari, potrebbe molto presto, non importa dove vivi”, ha spiegato.

Il dottor Wagers ha aggiunto che i requisiti per diversi gruppi sanguigni complicano ulteriormente la carenza:

“Ci sono anche alcuni gruppi sanguigni che sono colpiti dalla carenza in diversi modi. Quando ricevi sangue, devi anche essere abbinato in modo appropriato in modo che il tuo corpo “accetta” quel sangue e non abbia una reazione avversa ad esso”.

“Gli ospedali devono anche tenere conto della probabilità che qualcuno abbia bisogno di una trasfusione di sangue e di altri interventi durante la pianificazione degli interventi chirurgici. Se non c’è sangue del tipo corretto o altri prodotti sanguigni disponibili, il paziente potrebbe non essere in grado di ricevere l’intervento chirurgico nel periodo di tempo originariamente programmato”, ha aggiunto.

In che modo il pubblico può aiutare a risolvere la carenza di sangue?

Tutti gli esperti intervistati hanno affermato che uno dei modi migliori con cui il pubblico può aiutare la carenza di sangue in corso negli Stati Uniti – e salvare vite umane – è donare il sangue.

“Per favore, fissa un appuntamento per donare il sangue il prima possibile: vai su redcrossblood.org e cerca la raccolta di sangue più vicina al tuo codice postale negli Stati Uniti e dì ai tuoi amici e familiari di fissare un appuntamento oggi. Per favore, continua a donare il sangue: abbiamo bisogno di un apporto di sangue costante e regolare per continuare a salvare vite umane”.

– Dottor Andrews

“E per favore, fai tutto il possibile per prevenire [SARS-CoV-2] infezioni, come essere vaccinati o potenziati. La continua pandemia è la causa principale di questa grave carenza di sangue”, ha aggiunto.

Sebbene l’Università di Pittsburgh Medical Center (UMPC) non sia immediatamente interessato dalla carenza, un portavoce dell’università ha fatto eco a questo sentimento:

“UMPC ha le scorte di sangue necessarie per prendersi cura dei nostri pazienti […] [However, we encourage] membri della comunità a donare sangue salvavita attraverso le loro raccolte di sangue locali”.

“Anche se siamo in una pandemia, i bambini continuano a subire lesioni potenzialmente letali e hanno bisogno di interventi chirurgici per curare malattie molto gravi. Avere un adeguato apporto di sangue a portata di mano è una parte estremamente importante per il successo di questi sforzi”, ha affermato il dott. Schmitt.

Altri hanno sottolineato che ci sono altri modi per ottenere aiuto per risolvere la carenza oltre alla donazione del sangue:

“È anche importante che le persone amplifichino i loro sforzi ospitando le raccolte di sangue della comunità a cadenza regolare in modo che altre persone possano avere l’opportunità di donare il sangue”, ha affermato il dottor Wagers.

“Avere altri che condividono le loro storie personali di familiari o altri cari che hanno beneficiato della ricezione di emoderivati ​​è anche utile per motivare e ispirare gli altri a restituire e donare il sangue”.

Il Dr. Arinsburg ha aggiunto: “Considerate fare volontariato in una raccolta di sangue locale o ospitarne una. Le informazioni su come fare volontariato o ospitare una raccolta di sangue sono disponibili online per il tuo centro ematologico locale.

Tuttavia, donare il sangue è ancora il modo migliore per essere coinvolti personalmente. Ha concluso: “La donazione di sangue è essenziale e sicura. Se sei idoneo, fai una donazione oggi.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here