Home Notizia Mondo 10 minuti di corsa migliorano le funzioni cerebrali e migliorano l’umore

10 minuti di corsa migliorano le funzioni cerebrali e migliorano l’umore

0
108

Può un breve periodo migliorare l’umore e le prestazioni cognitive? BONNINSTUDIO/Stocksy
  • Un nuovo studio in Giappone ha dimostrato che correre per soli 10 minuti può aumentare l’attività cerebrale.
  • I ricercatori hanno scoperto che la breve sessione di corsa ha migliorato la funzione esecutiva del cervello, un insieme di processi che includono attenzione, memoria, pianificazione, organizzazione e controllo degli impulsi.
  • La corsa era anche collegata a un migliore flusso sanguigno nella corteccia prefrontale e a un umore migliore.

La corsa è probabilmente uno dei modi più semplici per beneficiare dell’esercizio fisico perché è sia economico che accessibile.

La corsa migliora la salute cardiovascolare, rafforza i muscoli e migliora la forza ossea. Oltre a questi benefici fisici, la corsa è associata a una migliore salute mentale.

Un team di scienziati dell’Università di Tsukuba in Giappone ha recentemente completato uno studio su piccola scala che ha dimostrato che solo 10 minuti di corsa di intensità moderata migliorano sia l’umore che l’elaborazione esecutiva.

L’imaging cerebrale ha mostrato che la corsa aumenta il flusso sanguigno locale in varie parti della corteccia prefrontale dopo la sessione rispetto alla non corsa. La corteccia prefrontale svolge un ruolo importante nel controllo dell’umore e delle funzioni esecutive.

I risultati dello studio appaiono sulla rivista Rapporti scientifici.

In che modo la corsa influisce sul cervello?

Il cervello deve elaborare grandi quantità di informazioni sensoriali per coordinare il movimento della corsa mantenendo il corpo in equilibrio. Forse per questo motivo, la ricerca ha dimostrato che la corteccia prefrontale si attiva durante la corsa.

Inoltre, l’impatto meccanico della corsa aumenta la circolazione sanguigna, che può anche favorire l’attività cerebrale.

Gli scienziati hanno anche studiato il movimento su e giù della testa che si verifica durante la corsa negli animali. Hanno concluso che questo movimento può contribuire alla regolazione del recettore della serotonina nella corteccia prefrontale. Questo, a sua volta, può svolgere un ruolo nel migliorare l’umore e il controllo cognitivo.

Correre contro riposare

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno studiato la funzione cerebrale esecutiva e l’umore dopo una sessione di corsa di 10 minuti su un tapis roulant. Hanno quindi confrontato questi con la funzione cerebrale e l’umore a riposo.

I ricercatori hanno valutato la funzione esecutiva utilizzando il compito di Stroop, che prevede la presentazione ai partecipanti di parole colorate scritte con colori incongrui. Ad esempio, la parola “rosso” può apparire con le lettere colorate in blu.

Il più rapidamente possibile, i partecipanti devono nominare il colore delle lettere piuttosto che leggere la parola stessa.

Mentre i partecipanti svolgevano il compito di Stroop, gli scienziati hanno valutato l’attività cerebrale monitorando i cambiamenti del flusso sanguigno utilizzando la spettroscopia nel vicino infrarosso, un metodo non invasivo di imaging ottico.

Quando un’area specifica del cervello viene attivata, la quantità di sangue in quell’area cambia rapidamente. La spettroscopia nel vicino infrarosso misura questi cambiamenti.

I partecipanti hanno anche completato un Scala dell’umore bidimensionale questionario prima e dopo le sessioni di corsa e di riposo per valutare eventuali cambiamenti di umore.

Cosa hanno trovato?

I risultati hanno mostrato che la sessione di corsa ha portato a un significativo aumento dell’umore rispetto alla sessione di controllo. In particolare, la scala dell’umore ha mostrato un aumento del piacere e dell’eccitazione.

Le persone nell’intervento in corso hanno anche completato il test di Stroop in un tempo significativamente più veloce e hanno sperimentato un aumento dei segnali cerebrali nella corteccia prefrontale bilaterale.

Notizie mediche oggi contattato il primo autore Chorphaka Damrongthai e l’ultimo autore Prof. Hideaki Soya:

“I risultati ci hanno sorpreso, in quanto 10 minuti di corsa moderata migliorano non solo la funzione esecutiva ma anche l’umore piacevole in coincidenza con l’attivazione prefrontale bilaterale”.

“Sulla base di studi precedenti, compreso il nostro”, hanno continuato, “è stato rivelato che l’esercizio fisico aumenta la funzione esecutiva attivando prevalentemente la corteccia prefrontale dorsolaterale sinistra, che è un locus cerebrale implicato nel controllo inibitorio e dell’umore, senza riportare cambiamenti di piacevole umore.”

“Quasi [all] questi studi hanno utilizzato la pedalata, non la corsa. […] La corsa può stimolare la corteccia prefrontale in modo più ampio a beneficio dell’umore e della funzione esecutiva rispetto ad altre forme di esercizio che non richiedono la stessa coordinazione dell’attività di carico, come la pedalata.

Alcune limitazioni

Solo 26 partecipanti hanno preso parte allo studio. Un piccolo numero di partecipanti rende più difficile trarre conclusioni dai risultati sulla popolazione più ampia.

Inoltre, è importante notare che la scala dell’umore è auto-riferita e, quindi, soggetta a pregiudizi. Le persone potrebbero non dare sempre risposte completamente accurate, perché non lo sanno o perché vogliono fare una buona impressione.

Marilyn Moffat, professore di fisioterapia presso la Steinhardt School of Culture, Education, and Human Development di New York City della New York University, ha detto MNT:

“È difficile dire se questi cambiamenti legati all’aumento dell’eccitazione e del livello di piacere potrebbero essere associati agli aumenti dei livelli ematici degli endocannabinoidi neuromodulatori che possono verificarsi con la corsa, promuovendo così effetti psicoattivi a breve termine. [that lead] a una diminuzione dell’ansia e a una maggiore sensazione di calma”.

Alcune prove mostrano che l’esercizio fisico regolare aumenta le dimensioni dell’ippocampo, che è una parte del cervello vitale per l’immagazzinamento della memoria. Il prof. Moffat si chiede se questo potrebbe avere un ruolo negli effetti che il team ha visto in questo studio.

Tuttavia, dal documento non è chiaro se i partecipanti si esercitassero regolarmente.

Ulteriori lavori

Il prof. Moffat ha detto MNT che lei “vorrebbe vedere un confronto tra esercizio sotto carico (corsa, danza) e non sotto carico (pedalata) usando livelli simili di intensità e durate simili sia nelle popolazioni più giovani che in quelle più anziane per vedere se esistono differenze. “

I ricercatori affermano che è importante dimostrare un esercizio minimo efficace che andrà a beneficio sia della salute mentale che fisica.

Può essere difficile per alcuni individui attenersi ai regimi di esercizio. I risultati di questo studio sono importanti perché sapere che anche solo un breve periodo è vantaggioso può rendere più facile per le persone uscire e trarre beneficio dall’esercizio.

Gli autori dello studio hanno detto MNT, “Per estendere i nostri risultati basati sui nostri numerosi studi sugli animali, stiamo lavorando sulla corsa a intensità della luce [and] il suo effetto benefico nel promuovere la salute mentale”.

“Vorremmo incoraggiare le persone, specialmente le persone vulnerabili […], per mantenere il loro corpo e il loro cervello in forma utilizzando il nostro modello di esercizio minimo”. Dicono che 10 minuti di corsa a intensità moderata “sono una forma di esercizio facilmente accessibile che richiede un’attrezzatura minima”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here