Home Notizia Mondo Trattare il cancro al seno triplo negativo: il composto di cardamomo mostra…

Trattare il cancro al seno triplo negativo: il composto di cardamomo mostra…

0
21

Il cardamomo, una spezia fondamentale nella cucina indiana, potrebbe avere il potenziale per ispirare i trattamenti contro il cancro. Dhiraj Singh/Bloomberg tramite Getty Images
  • Tra i tipi più difficili di cancro al seno da trattare c’è il cancro al seno triplo negativo.
  • Una nuova ricerca suggerisce che la cardamonina, il composto presente nel cardamomo speziato, può aiutare a facilitare la morte delle cellule tumorali riducendo la sua capacità di eludere la risposta immunitaria del corpo.
  • I ricercatori hanno scoperto che il composto può ridurre la vitalità delle due distinte linee cellulari di carcinoma mammario triplo negativo caucasica e afroamericana.

Cancro al seno triplo negativo (TNBC) è una forma particolarmente impegnativa della malattia. Il TNBC costituisce il 10-15% di tutti i tumori al seno ed è particolarmente diffuso nelle donne più giovani, nelle donne nere e nelle donne con la mutazione BRCA1. In genere si diffonde più velocemente e ha una prospettiva meno favorevole rispetto ad altri tumori al seno invasivi.

Le cellule TNBC testano nell’intervallo negativo tre componenti che sono spesso presi di mira nei trattamenti ormonali per altri tumori al seno: recettori degli estrogeni e del progesteronee il proteina HER2. Di conseguenza, ci sono meno trattamenti disponibili per TNBC.

A Filadelfia il 3 aprile, la dott.ssa Patricia Mendonca, assistente professore e analista di ricerca presso la Florida A&M University di Tallahassee, in Florida, ha presentato prove che il composto naturale cardamonina potrebbe avere il potenziale per il trattamento del TNBC. La cardamonina si trova nel cardamomo speziato e in altre piante del Zingiberacee (zenzero) famiglia.

“Noi crediamo [cardamonin] ha un grande potenziale come composto antitumorale che potrebbe essere utilizzato nella prevenzione del cancro al seno triplo negativo o in combinazione con i farmaci esistenti.
– Dott.ssa Patricia Mendonca

Il Dr. Mendonca ha riportato la ricerca alla sessione di Biologia Sperimentale (EB) 2020 della riunione annuale dell’American Society for Investigative Pathology (ASIP) tenutasi dal 2 al 5 aprile 2022.

Perché la cardamonina?

“L’approccio nel nostro laboratorio”, ha affermato il dottor Mendonca, “è quello di studiare diversi composti naturali per il loro potenziale come farmaci antitumorali”.

“Quindi, attualmente, abbiamo molti studi in parallelo che indagano su diversi flavonoidi. Riteniamo che siano una fonte naturale di composti che possono combattere il cancro attraverso l’inibizione dell’infiammazione, dello stress ossidativo e di altri processi che possono portare alla cancerogenesi”, ha continuato.

Il dottor Mendonca ha affermato che la cardamonina è stata un candidato promettente grazie a diverse pubblicazioni che ne documentano gli effetti farmacologici, in particolare le sue proprietà antitumorali contro il cancro al seno, alla prostata e al colon-retto e le malattie infiammatorie e cardiovascolari.

“Prendendo in considerazione tutti gli effetti farmacologici riportati e che la cardamonina è stata utilizzata nella cucina indiana per molti anni e venduta come integratore nei negozi di salute, abbiamo deciso di studiarne l’effetto sull’asse PD-L1/Nrf2”, ha spiegato.

PD-1, PD-L1 e cellule tumorali evasive

Esistono due proteine ​​del checkpoint che svolgono un ruolo importante nella risposta del corpo alle cellule cancerose:

  • PD-1o Proteina di morte cellulare programmata 1, è una proteina espressa su cellule Tle cellule immunitarie che proteggono il corpo dalle infezioni e aiutano a uccidere le cellule tumorali.
  • PD-L1o Programmed Cell Death Ligand 1, è una proteina che può essere trovata in grandi quantità sulle cellule che presentano l’antigene e su alcune cellule tumorali.

Queste proteine ​​aiutano a tenere sotto controllo le risposte immunitarie del corpo.

Quando PD-1 si lega a PD-L1, agisce come un “freno” che impedisce alle cellule T di attaccare altre cellule. Mentre lo fa, impedisce anche alle cellule T di uccidere le cellule tumorali, che hanno grandi quantità di PD-L1, e quindi le aiuta a sfuggire alle difese immunitarie del corpo.

Quindi, l’inibizione del PD-L1 e il blocco del legame con il PD-1 aumenta la capacità delle cellule T di uccidere le cellule tumorali. I farmaci immunoterapici come avelumab (Bavencio) e atezolizumab (Tecentriq) utilizzano questo principio.

La dottoressa Mendonca e il suo team hanno deciso di studiare l’effetto inibitorio della cardamonina sul PD-L1 per vedere se fosse un trattamento praticabile per il cancro al seno triplo negativo.

Due linee cellulari da indirizzare

L’obiettivo dei ricercatori era valutare l’effetto della cardamonina su due distinte linee cellulari TNBC: la linea cellulare MDA-MB-231 (caucasica) e la linea cellulare MDA-MB-468 (afroamericana).

I ricercatori hanno scoperto che il trattamento con cardamonina ha comportato una diminuzione dose-dipendente della vitalità cellulare per entrambe le linee cellulari e ha dimostrato di essere efficace.

“Abbiamo osservato che entrambe le linee cellulari rispondono al composto, inibendo l’espressione di PD-L1, ma a livelli diversi, poiché MDA-MD-231 aveva un’espressione più elevata di PD-L1 dopo la stimolazione”, ha detto il dottor Mendonca Notizie mediche oggi.

I ricercatori hanno notato che dopo la stimolazione con IFN-γ, una citochina che modula una serie di risposte immunitarie, il PD-L1 è stato ridotto nella linea cellulare caucasica ma è aumentato nella linea afroamericana.

Il dottor Mendonca ha affermato che questi risultati supportano altre ricerche che mostrano “differenze nel microambiente tumorale tra africani e non afroamericani”.

Nel complesso, il dottor Mendonca ritiene che la ricerca sia promettente. La cardamonina potrebbe avere il potenziale per essere utilizzata in nuovi trattamenti meno ardue per TNBC diversi dalla chirurgia, dalle radiazioni o dalle attuali chemioterapie.

“Il fatto che la cardamonina sia stata usata per secoli come spezia e, più recentemente, come integratore, dimostra che la sua assunzione è sicura e può apportare benefici per la salute. La nostra ricerca mostra che la cardamonina ha il potenziale per migliorare la terapia del cancro senza tanti effetti collaterali come altri agenti chemioterapici”.
– Dott.ssa Patricia Mendonca

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here