Regno Unito in pista per il 31 gennaio Brexit mentre il PM Johnson vince il voto sull'affare

0
91

LONDRA – Il primo ministro Boris Johnson ha ottenuto l'approvazione per il suo accordo sulla Brexit in parlamento venerdì, il primo passo verso l'adempimento del suo impegno elettorale per consegnare la partenza della Gran Bretagna dall'Unione Europea entro il 31 gennaio dopo la sua vittoria schiacciante.

Il primo ministro britannico Boris Johnson parla durante il dibattito sul Queen's Speech alla Camera dei Comuni, a Londra, Gran Bretagna, 19 dicembre 2019. © Parlamento britannico / Jessica Taylor / Handout via REUTERS

I legislatori hanno votato da 358 a 234 per approvare la seconda lettura della legislazione, sottolineando la grande maggioranza di Johnson in parlamento che dovrebbe garantire una regolare ratifica dell'accordo sul divorzio per attuare il più grande cambiamento di politica della Gran Bretagna in oltre 40 anni.

Più di tre anni da quando la Gran Bretagna ha votato per uscire dall'UE in un referendum del 2016, la profonda incertezza sulla Brexit è stata ora sostituita da una scadenza precisa per la fine di gennaio. Solo in seguito il primo ministro dovrà affrontare i colloqui per assicurarsi un accordo commerciale con il blocco e un'altra data obiettivo della fine del prossimo anno.

Ottenere "il voto sulla Brexit concluso per Natale" è stato l'obiettivo principale di Johnson, dimostrando che, a differenza del suo predecessore Theresa May, che era stato sventato in parlamento, ora ha il regno libero di portare avanti la Brexit nonostante le continue critiche dei legislatori dell'opposizione.

"Questo è il momento in cui andiamo avanti e scartiamo le vecchie etichette di" lasciare "e" rimanere "… ora è il momento di agire insieme come una nazione rinvigorita, un Regno Unito", ha detto Johnson al parlamento prima del voto.

“Ora è il momento di riunirci e scrivere un nuovo ed eccitante capitolo nella nostra storia nazionale, per stringere una nuova collaborazione con i nostri amici europei, per alzarci in piedi nel mondo, per iniziare la guarigione per la quale tutta la gente di questo paese brama “.

Le fasi finali della ratifica avranno luogo dopo Natale, con la camera bassa del parlamento che avrà tempo fino al 9 gennaio per approvare la legge o la legge sull'accordo di recesso, concedendole poco più di tre settimane per poi passare attraverso la camera alta e ricevere il Royal Assent.

La Commissione europea ha dichiarato di essere pronta a prendere misure formali per adottare anche l'accordo dalla sua parte.

IL COMMERCIO PARLA PER VENIRE

Dopo aver lasciato, la Gran Bretagna dovrà garantire nuovi accordi commerciali con l'UE – che il primo ministro ha dichiarato che vedrà il paese concordare un accordo commerciale senza allineamento alle regole del blocco.

In una modifica al disegno di legge, Johnson ha reso illegale estendere tali colloqui oltre la fine del prossimo anno.

Il presidente del Consiglio europeo Charles Michel ha affermato che la parità di regole e standard "resta un must" per qualsiasi relazione futura.

Mentre Johnson ha il sostegno dei suoi 365 legislatori conservatori nella camera bassa da 650 posti, alcuni membri dell'opposizione lo hanno criticato per aver rimosso l'opportunità per il parlamento di avere una supervisione delle sue priorità negoziali nella prossima fase dei colloqui e per sbarazzarsi dei lavoratori protezioni.

Il leader laburista dell'opposizione Jeremy Corbyn lo ha descritto come "terribile".

"Questo accordo non porta certezza per le comunità, per le imprese o per la forza lavoro, in realtà fa il contrario e corre il rischio di una Brexit senza accordi il prossimo anno", ha detto.

Appena una settimana dopo aver vinto la più grande maggioranza conservatrice dopo Margaret Thatcher nel 1987, Johnson ha avviato un ambizioso programma di governo, assicurando la Brexit in cima alla sua agenda per ripagare la fiducia degli elettori.

Sperando di soddisfare le richieste degli elettori nell'Inghilterra settentrionale e centrale che hanno infranto la loro tradizione di sostenere il Partito laburista per sostenerlo, ha anche promesso maggiori finanziamenti al servizio sanitario statale, all'istruzione e alla polizia.

"Oggi manterremo la promessa che abbiamo fatto alla gente e ottenere il voto sulla Brexit per Natale", ha detto in commenti prima del voto. "Il prossimo anno sarà un grande anno per il nostro paese".