Recensione Cupra Born 2022: prezzi, specifiche e data di uscita

0
7

La nuova Cupra Born completamente elettrica prende la formula vincente della Volkswagen ID.3 e la migliora ancora?…

In vendita Inizio 2022 | Prezzo da £ 32.000 (stima)

La Cupra Born è una nuova auto elettrica che fissa un obiettivo aperto.

Sotto la superficie, è essenzialmente identica alla Volkswagen ID.3 – che riteniamo sia la migliore piccola auto elettrica che puoi acquistare.

Ma mentre l’ID.3 è eccellente; non è perfetto.

E i suoi principali punti deboli sono quelli che, come immagineresti, sono relativamente semplici da correggere. Vale a dire, la qualità degli interni così così e un sistema di infotainment all’avanguardia e utilizzabile come i geroglifici.

Cupra Born

Quindi, Cupra – il marchio sportivo derivato da Seat – è qui con la Born, promettendo tutti i lati positivi dell’ID.3 ma con un aspetto diverso, una guida leggermente più nitida e, soprattutto, un interno alterato.

Raggiunge direttamente la vetta della classe delle piccole auto elettriche?

Com’è guidare?

La gamma di Born rispecchia quella dell’ID.3, offrendo tre diverse batterie – 45kWh, 58kWh e 77kWh – che alimentano un unico motore elettrico che aziona le ruote posteriori.

Più grande è la batteria, più lontano puoi andare tra una carica e l’altra, con l’autonomia ufficiale che parte da 211 miglia ragionevoli e arriva fino a 335 miglia molto impressionanti con la batteria più grande.

Cupra Born

Abbiamo guidato l’auto di livello medio da 58 kWh, tuttavia, con un’autonomia ufficiale di 263 miglia.

Potrebbe non essere nella stessa lega della Tesla Model 3 per il ritmo in linea retta, ma con 201 CV, la Born si sente ancora scattante fino alle velocità in autostrada. C’è anche un’opzione Performance Pack che puoi aggiungere alle due batterie più grandi, che aumenta la potenza fino a 228 CV e le rende più veloci di qualsiasi ID.3.

Anche lo sterzo e le sospensioni sono stati modificati per cercare di differenziare la Born dalla cugina Volkswagen. Ma la verità è che sarà difficile notare una differenza significativa al volante. E questa è una buona cosa.

Come l’ID.3, il Born offre una guida ordinata e precisa. Potrebbe non essere necessariamente entusiasmante in ogni viaggio, ma è un gioco da ragazzi guidare attraverso la città e davvero abbastanza facile percorrere senza problemi una strada secondaria. Grazie allo sterzo accurato e ben ponderato e al controllo del corpo decente, è sicuramente più coinvolgente di una Hyundai Kona Electric o Renault Zoe.

Cupra Born

L’altezza da terra è stata leggermente abbassata rispetto all’ID.3, quindi il Born è un po’ più solido. Ma fa ancora un buon lavoro nell’assorbire grumi e dossi sulla strada. Solo non aspettarti che sia così comodo come la Seat Leon a motore convenzionale; il Born ha bisogno di sospensioni più rigide per sostenere la sua pesante batteria.

Com’è dentro?

Il layout di base è lo stesso dell’ID.3, ma l’interno del Born non è solo un lavoro di copia e incolla.

Un mix di materiali leggermente diverso fa sì che Born abbia un aspetto e una sensazione di classe, in particolare intorno alla console centrale e ai braccioli. C’è ancora della plastica dura ed economica in alcuni punti, ma meno di quella che trovi nell’ID.3 e la qualità percepita è molto migliore di quella della Nissan Leaf.

Hai anche sedili sportivi comodi e ben rinforzati di serie, realizzati con materiali riciclati.

Cupra Born Interior

È difficile pensare a un sistema di infotainment peggiore dell’ID.3, quindi il Born ottiene un’altra vittoria in quel reparto. Lo schermo è più grande (12,0 pollici contro 10,0 pollici) e il layout dei menu è un po’ più semplice, anche se il software è ancora lento e i comandi del clima touchscreen sono fastidiosi da usare durante la guida.

Sei anche ingombrante con gli stessi terribili pulsanti sensibili al tocco sul volante – che riescono a essere sia frustrantemente facili da attivare accidentalmente, sia esasperatamente difficili da usare quando vuoi davvero usarli.

Per quanto riguarda lo spazio, il Born si sente molto spazioso davanti, con molti comodi sgabuzzini, mentre un paio di sei piedi staranno comodamente seduti nella parte posteriore.

Il bagagliaio da 385 litri non è grande come quello di una Leaf, ma è alla pari con l’ID.3.


Pagina 1 di 2

.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here