Home Notizia Mondo Ostacoli legati alla pandemia per le donne in medicina: lo studio offre...

Ostacoli legati alla pandemia per le donne in medicina: lo studio offre soluzioni

0
28

La pandemia di COVID-19 si è aggiunta alle barriere finanziarie, culturali e di genere che le donne nella ricerca devono affrontare. Cristian Cristel/Xinhua via Getty Images
  • Esistono disparità tra uomini e donne che lavorano nel settore sanitario, causando divari di equità negli stipendi e nelle promozioni.
  • Un nuovo documento di opinione di esperti discute di come ulteriori barriere legate alla pandemia di COVID-19 stiano spingendo le donne a lasciare la medicina accademica.
  • I ricercatori suggeriscono soluzioni finanziarie, culturali e operative che istituti e fondazioni possono adottare per risolvere questo problema.

Molti studi hanno mostrato una disparità tra uomini e donne che lavorano nel settore sanitario. Non solo ci sono delle lacune stipendio e posizioni dirigenzialima è anche meno probabile che le donne medico nei centri medici accademici ricevano promozioni per cattedre o cattedre di dipartimento.

Dall’inizio della pandemia di COVID-19 all’inizio del 2020, la ricerca ha dimostrato che questa situazione è peggiorata.

Secondo quanto riferito, le donne hanno perso più di 5,4 milioni di posti di lavoro negli Stati Uniti, rappresentando il 55% di tutti i posti di lavoro persi dall’inizio della pandemia. Di questi lavori, oltre 1,5 milioni erano nel settore sanitario.

Ora, un documento di opinione di esperti, scritto da ricercatori di sette istituzioni accademiche e di ricerca medica, avverte che le ricercatrici in medicina accademica sono rimaste indietro rispetto alla pubblicazione e al finanziamento di sovvenzioni durante la pandemia. Gli autori sostengono che ciò mette le donne a rischio di abbandonare completamente la forza lavoro di ricerca a meno che istituti, fondazioni e finanziatori non intraprendano determinate azioni.

I risultati di questo commento appaiono nel diario Medicina della Natura.

Il peso sproporzionato del caregiving

Secondo l’autrice principale, la dott.ssa Pamela B. Davis, Ph.D., professoressa presso il Center for Community Health Integration presso la Case Western Reserve University School of Medicine di Cleveland, lo scopo di questo articolo era di supportare il ricerca clinica forza lavoro, che è stata ridotta durante la pandemia.

La dottoressa Davis e il suo team hanno raccolto informazioni da altri studi sugli effetti dello stress pandemico sui caregiver che conducono ricerche in medicina accademica.

“Eravamo preoccupati perché il peso dell’assistenza, soprattutto per i bambini piccoli, ma anche per i parenti anziani dipendenti, gravava in modo sproporzionato sulle donne e le donne impegnate in una carriera di ricercatrice sono ritirate dal loro lavoro per prestare cure che prima erano svolte da le scuole, gli asili nido, le baby sitter o gli assistenti sanitari domestici”, ha detto il dottor Davis Notizie mediche oggi.

“Questo è dannoso per l’impresa di ricerca clinica, così come c’è una crescente comprensione pubblica dell’importanza della ricerca clinica nel portare trattamenti e vaccini ai pazienti”, ha affermato.

Questo problema suona vero per la dott.ssa Jennifer Bramen, ricercatrice senior presso il Pacific Neuroscience Institute di Santa Monica, in California, che ha parlato con MNT sulla carta.

La dottoressa Bramen ha detto che rivedere il commento le ha fatto pensare alla propria esperienza quando era alla scuola di specializzazione. Ha detto che lei e molte altre donne nel suo programma hanno preso decisioni di carriera in base al loro desiderio di avere figli o hanno pianificato la famiglia in base alla loro passione per la loro carriera accademica.

“Ho scelto di non avere figli per paura di diventare un coniuge di coda dopo aver investito 10 anni nella mia istruzione secondaria”, ha ricordato il dottor Bramen.

“Nella mia esperienza, gli studenti maschi non hanno affrontato queste considerazioni. Conosco molte donne che hanno lasciato il mondo accademico per carriere più gentili con le donne con obblighi familiari. Conosco anche molte donne che sono riuscite ad avere entrambi i figli e una carriera accademica di incredibile successo”.

– Dott.ssa Jennifer Bramen

I cambiamenti che possono aiutare a colmare il divario

Fornire vantaggi che aiutano le donne con bambini, come conti esenti da tasse per sostenere l’assistenza all’infanzia, è una delle raccomandazioni che la dott.ssa Davis e il suo team elencano come modi in cui le istituzioni possono aiutare a ridurre il numero di donne che lasciano il mondo accademico.

Gli autori dello studio suggeriscono che le istituzioni prendano in considerazione la possibilità di fornire un supporto flessibile e a breve termine per la ricerca facoltà junior con responsabilità assistenziali. Chiedono alle fondazioni e ai finanziatori di aiutare sostenendo il valore che sia l’assistenza all’infanzia che la cura degli anziani offrono alla società.

Gli autori raccomandano anche alcune modifiche operative, tra cui un orario di lavoro flessibile e la disponibilità di tutoraggio e programmi di sponsorizzazione di alta qualità per tutti i docenti junior. Un suggerimento attuabile, in particolare, propone che le istituzioni sospendano la sequenza temporale della promozione quando necessario.

“Credo che la possibilità di richiedere una pausa (alla) tempistica della promozione per il congedo di maternità e la creazione di una cultura aperta all’accettazione del congedo di maternità come spiegazione ragionevole durante i periodi di ridotta produttività sarebbe utile per le donne con figli molto tempo dopo la pandemia”, ha affermato il dott. disse Bramen.

Gli autori raccomandano anche cambiamenti culturali, come condividere la responsabilità di stabilire l’equità di genere e coinvolgere i consigli di fondazione.

Per tali cambiamenti trasformativi, il dottor Davis ha affermato che la leadership è fondamentale e che i leader istituzionali, inclusi membri del consiglio, presidi e presidenti, dovrebbero incorporare questo messaggio nelle loro comunicazioni e nelle loro decisioni riguardo ai relatori invitati. I finanziatori dovrebbero sostenere, celebrare e pubblicizzare programmi che affrontano l’equità di genere.

“L’equità di genere accelera l’eccellenza della ricerca; abbiamo bisogno di prospettive multiple e di tutte le capacità intellettuali per massimizzare la produttività e la qualità della ricerca”.

– Dott.ssa Pamela B. Davis

“Il tipo di cambiamento culturale di cui abbiamo bisogno per guidare l’eccellenza nell’impresa di ricerca deve essere infuso in tutto il sistema. Non c’è impulso più rapido per i cambiamenti culturali che vederli adottati da coloro che forniscono i finanziamenti”, ha affermato il dottor Davis.

Il dottor Bramen ha convenuto:

“Se le istituzioni vogliono sostenere l’equità di genere, devono fornire supporto finanziario o effettuare investimenti monetari. [O]in caso contrario, il sostegno istituzionale all’uguaglianza di genere è un sacco di belle parole e non influirà su un vero cambiamento”.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here